Rassegna Stampa

Totti accusatore? Rivera usò le stesse parole nel ’72

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 07-10-2014 - Ore 09:39

|
Totti accusatore? Rivera usò le stesse parole nel ’72

La Juventus, il potere, la federazione, gli scudetti negati. Ciò che ha detto domenica sera Tottidopo il match contro i bianconeri, era già stato dichiarato quarantadue anni prima da Rivera.
Come riporta l’articolo del Corriere dello Sport, era il 12 Maggio 1972 quando Rivera rilasciò l’intervista dopo la discussa sconfitta del suo Milan a Cagliari, decisiva per lanciare la Juve verso il titolo: a tre minuti dalla fine, sul risultato di 1-1, l’arbitro Michelotti assegnò al Cagliari un rigore inesistente che Gigi Riva trasformò. «Fino a quando a capo degli arbitri ci sarà il signor Campanati, per noi del Milan le cose andranno sempre in questo modo: saremo presi in giro, scudetti non ne vinceremo. Quello che abbiamo subìto è una vera vergogna. Dispiace soprattutto per gli sportivi che pensano che il calcio sia una cosa seria» e ancora l’ex capitano del Milan: «Quella era stata una presa in giro a metà. La logica è che dovevamo perdere il campionato. Mi hanno rotto le palle, sono disposto ad andare alla magistratura ordinaria e anche alla Corte Costituzionale».
Per quelle dichiarazioni Rivera venne ascoltato e poi squalificato fino al 30 Giugno.

Fonte: corsport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom