Rassegna Stampa

Totti c’è e vuole la Fiorentina

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 03-12-2013 - Ore 09:39

|
Totti c’è e vuole la Fiorentina

Cinque giorni a Roma-Fiorentina, cinque giorni per provare a tornare. Francesco Totti non ha perso le speranze di esserci all’appuntamento di domenica all’ora di pranzo. Quello che a un certo punto del recupero dall’infortunio subito contro il Napoli sembrava l’obiettivo da centrare e che sembrava del tutto sfumato. Ieri il capitano si è sottoposto ad una visita di controllo dal professor Mariani: la buona notizia è che Totti è guarito, il problema accusato è risolto dal punto di vista clinico. Ora bisognerà vedere come reagirà il muscolo dal punto di vista funzionale. Ed è per questo che la giornata di oggi sarà importante.

La Roma si ritroverà dopo il giorno di riposo concesso da Garcia al termine della trasferta di Bergamo. Tutti in campo alle ore 15 e ci sarà anche Francesco che comincerà a forzare, a calciare con vigore, per vedere come reagisce il suo fisico. Le possibilità di farcela ad affrontare la formazione di Montella non sono molte, ma lui ha una voglia enorme e ci proverà fino all’ultimo. Due e tre giorni in più sarebbero stati sufficienti per averlo quasi certamente. I tempi sono forse troppo ristretti per domenica e in un certo senso addirittura troppo lunghi per la trasferta di San Siro con il Milan dove, a meno di cataclismi, ci sarà.

Inutile dire quanto sarebbe importante riaverlo già con la Fiorentina. Perché la Roma senza di lui ha stretto i denti, per un po’ ha continuato pure a vincere, ma la frenata è arrivata. Una Roma che inizia la settimana con parecchi dubbi di formazione. Non solo quello legato al capitano e quindi all’attacco, ma in tutti i reparti. Non in porta dove c’è l’inamovibile De Sanctis. Super per 13 giornate e sfortunato protagonista contro l’Atalanta, con quel rimbalzo maligno che gli ha fatto fare una figuraccia. Ieri per lui è arrivato l’incoraggiamento di Marco Borriello, sempre più uomo spogliatoio: «Solo una zolla poteva metterti in difficoltà - ha scritto su Twitter -. Non mollare superfly... sempre con te!». E lo stesso Borriello è uno dei dubbi di Garcia, uno di quelli le cui condizioni saranno da verificare dopo la non convocazione per Bergamo. Dove c’era invece Daniele De Rossi, che è stato costretto al cambio dopo un pezzetto del secondo tempo. Colpa della solita infiammazione all’alluce e di un colpo ricevuto in partita. Dietro i problemi sono sulle fasce, con Torosidis e Balzaretti ancora fermi. Oggi si ricomincia, con il piccolo vantaggio di un giorno di riposo in più rispetto al Fiorentina che ha giocato e corso fino alla fine nella rocambolesca partita vinta ieri contro il Verona. Così come era accaduto la scorsa settimana, anche stavolta non è in programma una doppia seduta. Evidentemente non è il momento di caricare troppo i muscoli dei giocatori, semmai di mantenere o ritrovare la brillantezza. Domani si scenderà in campo nella tarda mattinata (alle 12.15) così come giovedì. Venerdì di nuovo pomeriggio. Sabato, giorno di vigilia, ancora mattina. A 24 ore esatte dal calcio d’inizio di una partita da vincere per tornare a volare.

Fonte: IL ROMANISTA

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom