Rassegna Stampa

Totti, dietro il rinnovo lo zampino dello sponsor

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 06-08-2013 - Ore 09:00

|
Totti, dietro il rinnovo lo zampino dello sponsor

A vederlo passeggiare in giro per Harvard come un ragazzo qualunque vengono quasi i brividi, pensando all’affollamento che gli si crea intorno ogni volta che passeggia invece a Roma. Ma presto gli americani potrebbero cominciare a conoscere Francesco Totti ancora meglio di quello che (in parte) già conoscono. Certo, da queste parti non avrà mai l’eco di Lebron James, Kevin Garnett o Michael Jordan. Ma quando c’è di mezzo la Nike, possono cambiare davvero tante cose.

 

Operazione La storia è più o meno questa. La Roma sta lavorando per il rinnovo contrattuale di Francesco (un anno con opzione per il secondo o biennale fino al 2016), con il capitano giallorosso che si aspetta di tagliare il traguardo (e cioè la firma) prima del via del campionato, nella trasferta di Livorno. Contemporaneamente, però, a Trigoria stanno cercando di coinvolgere nella questione anche Nike (che dal 2014 avrà un accordo decennale con i giallorossi in qualità di sponsor tecnico). Già, perché Totti gioca con gli scarpini dell’azienda di Portland oramai da anni (ma senza logo) e potrebbe essere il testimonial ideale per le attività promozionali dei prossimi anni. E questo potrebbe/ dovrebbe avere un peso anche sul nuovo contratto di Totti, con la Roma che avrebbe la facoltà di «sgravarsi» di una parte del futuro ingaggio (un milione?), che verrebbe invece coperto proprio da Nike.

 

 

Pubblicità Nel caso in cui quindi l’operazione finisse con l’andare in porto, bisognerebbe quindi stabilire il «peso» dei diritti d’immagine di Francesco: quelli da gioco attuali li detiene la Roma nel contratto ancora in essere, ma considerando che la Nike fornirà dal prossimo anno anche materiale d’abbigliamento casual, Totti potrebbe esserne il testimonal ideale. Intanto, da ieri è quello del network «Bein Sport Usa», per cui ha girato uno spot, quasi a voler fare le prove generali: «Il calcio è la passione, il mio orgoglio e la mia vita dice nello spot Francesco Mi hanno buttato giù, mi hanno spinto, qualche volta le mie esultanze sono più famose dei miei gol. I miei piedi mi hanno regalato i trofei che prendo in mano, ma il mio cuore appartiene alla Roma, la mia anima all’Italia».

 

 

Strategie Del resto, l’interazione sempre più forte tra la Roma e l’azienda di Portland è testimoniata anche dalle strategie di mercato. I nuovi arrivi, infatti, sono quasi tutti marchiati Nike: Strootman, Jedvaj, Gervinho, Benatia e Maicon. Una casualità? Forse, ma non è detto. Come non è una casualità che finora sia arrivato un solo sudamericano(Maicon, il secondo potrebbe essere Bueno), peraltro però da 7 anni in Europa. Già, è un po’ la rivoluzione culturale di Sabatini, che si è convinto (su pressione anche di Garcia) di dover puntare su giocatori pronti per il campionato italiano e il calcio europeo che non sulle sue classiche scommesse sudamericane[...]

Fonte: Gasport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom