Rassegna Stampa

Totti-Garcia prove di feeling

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 22-06-2013 - Ore 13:37

|
Totti-Garcia prove di feeling

CORSPORT (G. D'UBALDO) - Francesco Totti e Rudi Garcia, prove di feeling. Nei giorni scorsi il capitano ha ricevuto un sms del nuovo allenatore, spedito a tutti i giocatori. C’era scritto in italiano: «Lavoreremo intensamente per vincere». Parole che hanno fatto piacere a Totti, di ritorno da una vacanza con la famiglia e gli amici in California. Ora sta per lasciare nuovamente Roma, per gli ultimi giorni di mare con la moglie e i figli: Sabaudia o Sardegna. Prima di rimettersi al lavoro. Mancano meno di venti giorni. E’ probabile che la nuova Roma si raduni il 9 luglio, il tempo di fare le visite mediche e il 12 si trasferirà a Riscone di Brunico per una decina di giorni. Garcia non vuole fare un ritiro molto lungo e a fine luglio la squadra giallorossa tornerà negli States per una tournèe che dovrebbe prevedere tre partite, anche se finora ne è stata fissata una sola, il 31 luglio.

SCADENZE - Francesco Totti vuole risolvere il nodo del nuovo contratto prima del ritiro. Nell’interesse di tutti. Per non alimentare il tormentone che ogni estate si sviluppa intorno al suo nome e per cominciare a lavorare con la nuova Roma di Garcia senza distrazioni. Il capitano è rimasto alla promessa di James Pallotta, fatta in occasione di un pranzo a via Marmorata, qualche mese fa e rinnovata in occasione dell’ultima visita del presidente a Trigoria. E’ in attesa che i dirigenti lo convochino per dare seguito alle parole del massimo dirigente. L’impegno morale era stato preso prima delle dimissioni di Franco Baldini e il passaggio dell’ex direttore generale al Tottenham non cambierà la situazione. Totti dovrà parlare con gli altri dirigenti, in primis Sabatini, il direttore sportivo che è diventato il plenipotenziario della proprietà americana.

IMPEGNO - Il capitano ha più volte manifestato l’intenzione di chiudere a 40 anni, quindi si aspetta un rinnovo per due stagioni, per arrivare nel 2016, visto che l’attuale contratto scade alla fine del prossimo campionato. Vuole continuare a inseguire il record di Silvio Piola. Con Sabatini finora non ha mai affrontato l’argomento, ma la società sembra intenzionata a esaudire il desiderio del capitano. Che accetterebbe anche una decurtazione dell’ingaggio per le ultime due stagioni da calciatore e sarebbe disposto anche a ritirarsi se capisse di non farcela più, di non essere più all’altezza.

IL FUTURO - La sua avventura alla Roma non finirà sul campo di calcio. Da qualche anno ha in un cassetto un contratto da dirigente per cinque anni, che avrà valore appena smetterà di giocare. Cinque anni a una cifra già fissata: la stessa di quella del dirigente che guadagna di più nella Roma. Oggi è Sabatini, con un ingaggio di 600.000 euro a stagione. Ma al dopo, a un posto dietro la scrivania Totti non ci pensa, perchè è tanta la voglia di continuare a giocare. Francesco ha augurato al nuovo allenatore Garcia buon lavoro e aspetta di conoscerlo personalmente. Sta per cominciare la ventunesima stagione con la Roma. Con l’entusiasmo di sempre.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom