Rassegna Stampa

Totti, il mondo in estasi. Ilary: «Merito mio»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 22-04-2016 - Ore 07:53

|
Totti, il mondo in estasi. Ilary: «Merito mio»

CORRIERE DELLA SERA - PIACENTINI - «Roma 3 Torino 2, grazie capitano». Non uno striscione, ma una scritta su una tovaglia nel ristorante in zona Prati dove mercoledì notte Francesco Totti è andato a festeggiare insieme agli amici più stretti la sua serata di gloria. E se la notte è stata dolce, per il numero 10 il risveglio lo è stato ancora di più, perché ieri la stampa di tutto il mondo parlava della sua impresa: da Bild in Germania («Totti leggenda») a Marca («Il 20 aprile sarà ricordato perché un trentanovenne, simbolo di Roma, aveva ancora le gambe per regalare una magia») e As in Spagna, passando per l’Inghilterra (Daily Mail) e la Francia (So Foot) fino al sito della Uefa, che ha voluto celebrare «le magie dell’ottavo re di Roma».

Tra le celebrazioni del giorno dopo c’è anche quella di Miralem Pjanic, che ai microfoni di Roma Radio lo ha esaltato. «Quello che sta facendo Francesco è veramente magico, una follia. Tutto quello che sta succedendo è incredibile, col Torino ogni pallone che toccava si trasformava in gol. La sua è una storia fantastica: Totti è la Roma, quando parli di Roma, parli di Totti. Spero che la vicenda del suo contratto si risolva nel miglior modo e che si usi il buon senso».

Se le parole di Pjanic possono essere in qualche modo condizionate dal rapporto di amicizia che c’è tra i due, il riconoscimento arrivato da Mario Balotelli ha ancora più valore. «Totti 2 palloni 2 gol, è semplicemente fantastico», il tweet dell’ex «nemico», ora attaccante del Milan. Commovente quello di una grande bandiera del calcio come Franco baresi, che ha scritto: «Totti, l’impossibilità di essere normale». Per Francesco è stata una giornata più felice delle ultime, e l’umore era l’opposto rispetto al pre partita contro il Torino in cui ad alcuni fotografi a bordo campo aveva suggerito di «scattare le ultime foto in giallorosso». Il capitano è entrato a Trigoria intorno alle 8.30, ha fatto colazione e si è allenato. Alle 13.30 ha lasciato il centro sportivo salutando i tifosi presenti, poi è ritornato per seguire l’allenamento del figlio Cristian. Nella sua seconda visita a Trigoria, Francesco ha incontrato Alessio Avallone, il ragazzo che mercoledì sera è stato inquadrato dalle telecamere mentre era in lacrime dopo il secondo gol del capitano. La Roma lo ha invitato a Trigoria per fargli conoscere Totti, che gli ha regalato una maglia autografata, e Luciano Spalletti che gli ha fatto i complimenti per «rappresentare il sentimento di tutti i tifosi giallorossi».

La giornata del capitano si è conclusa con la consegna di un altro Tapiro d’oro da parte dell’inviato di Striscia la notizia, che gli ha chiesto se era riuscito ad andare a cena con il tecnico. «Non ci siamo incrociati», la risposta di Totti. Nuovo tentativo sotto casa dell’attaccante, dove però a fare da comitato d’accoglienza c’era la moglie Ilary. «Mi sono addormentata davanti alla tv, ma quando ha segnato mi ha svegliata mio figlio. Il gol è merito mio, che la sera gli faccio fare stretching e lo tengo in forma. Sono più emozionata per il Tapiro che per il “ti amo” dopo la sua rete».

Fonte: CORRIERE DELLA SERA - PIACENTINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom