Rassegna Stampa

Totti insiste Sia la Roma a firmare quest’addio

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 17-03-2016 - Ore 07:48

|
Totti insiste Sia la Roma  a firmare quest’addio

GAZZETTA DELLO SPORT - STOPPINI - Se le stagioni sono davvero solo uno stato d’animo, allora la primavera da queste parti è lontana. C’è ancora l’inverno nell’animo di Francesco Totti. Nevica forte, il cielo non è per niente blu, del panorama neppure a parlarne. Del doman non v’è certezza, conta solo il quotidiano. E allora il giorno dopo le parole di James Pallotta — o meglio, della pubblicazione delle stesse — la testa di Totti è ancora una volta bombardata da input diversi. Da chi gli ruota attorno, che quasi lo spinge lontano dalla Roma, forse pure da Roma città. Da chi prova a tranquillizzarlo, come il d.g. Mauro Baldissoni, che già martedì — nelle ore della bufera mediatica — aveva telefonato al capitano per rassicurarlo. E che ieri s’è ripetuto, con un colloquio veloce a Trigoria. «Non è questo il momento di metterci seduti a discutere del tuo futuro, ora parla della tua situazione con Pallotta per trovare un punto d’incontro», il senso delle parole del dirigente al capitano romanista.

i report a pallotta Totti però non cambia posizione. In questo senso le parole di Pallotta non hanno spostato di una virgola i suoi pensieri. Perché già nell’incontro di dicembre il presidente aveva comunicato la sua idea al calciatore. Da settimane il numero uno si fa mandare da Trigoria report aggiornati sulla situazione fisica di tutta la squadra. E i dati relativi al capitano sarebbero stati giudicati poco positivi, tanto da spingere Pallotta alla decisione di non rinnovare il contratto di Totti. Ma più di questo, il capitano non ha gradito la tempistica. Avrebbe voluto il lodo Del Piero. Avrebbe preferito un’uscita pubblica, un’assunzione di responsabilità pubblica da parte della società, piuttosto che una comunicazione privata a lui e una di segno opposto a uso e consumo della gente. E Totti non si muove da qui. Non comunicherà nulla circa il suo futuro finché non sarà ufficialmente e formalmente la Roma a dichiarare la sua posizione. Non gli bastano le parole di Pallotta alla Sloan Conference: Totti vuole che la società si assuma le responsabilità dell’addio, non vuole fare il primo passo.

Scenari A leggerla bene, in fondo questa pare solo la lunga cronaca di un addio. Le due parti si sono incagliate sulla modalità, ma ad oggi pare davvero complicato immaginare un Totti ancora in campo con la Roma nella prossima stagione. E allora restano tre scenari possibili. Il primo: Totti continua a giocare altrove, nella Mls, magari a New York o a Los Angeles. Il secondo: Totti accetta un ruolo fuori dal campo con la Roma. Quale? Il dirigente alla Javier Zanetti o un ruolo tecnico alla Ryan Giggs, vicino a Spalletti. E questa ipotesi è stata pure affrontata: (anche) da qui nascono le frizioni con il tecnico, che vorrebbe il capitano più presente nella vita del gruppo. Terza via: Totti smette e inizia a fare il dirigente. Ma non nella Roma. Magari dicendo sì alla corte di Giovanni Malagò su Roma 2024. Suonerebbe come una piccola rivincita per un feeling mai sbocciato con la Roma Usa. Ma sarebbe pure il finale più triste della storia. Sarebbe come condannarsi a non godere mai di quello stato d’animo chiamato primavera.

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - STOPPINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom