Rassegna Stampa

TOTTI: "Juve, noi non molliamo"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 13-01-2014 - Ore 08:53

|
TOTTI:

«Non molliamo. L’anti Juve siamo noi». È tornato al gol all’Olimpico a 279 giorni dall’ultima volta (l’ultimo proprio contro la Lazio l’otto aprile scorso), ma dopo il 4-0 di ieri a Francesco Totti interessa più mettere in evidenza i muscoli della sua Roma, uscita malconcia appena 8 giorni fa dallo Juventus Stadium. La truppa di Garcia, infatti, contro il Genoa è tornata a vincere e a convincere mangiandosi l’avversario e chiudendo il girone d’andata con un ruolino da record da quando la serie A è a 20 squadre: 44 punti in 19 gare, una media di 2,31 a partita. Spalletti nel 2006/07 e nel 2007/08 si fermò a 42, come Capello che però li fece in 17 partite nel 2000/01 (A a 18 squadre) con una media di 2,47. Ma c’è un nuovo primato assoluto: 10 gol subiti in 19 partite, uno in meno del Modena ’46/’47 e della Juve 2004/05.

«Peccato che tutto ciò non basti per essere in vetta – ha commentato amaro il capitano - La Juve sta facendo un campionato a parte, stanno dimostrando di essere i più forti ma noi stiamo lì dietro e gli daremo filo da torcere. Una prestazione del genere dimostra che siamo belli e cinici. E pronti per tornare in Champions». Ne è convinto anche Garcia: «La squadra ha dato la risposta perfetta alla sconfitta di una settimana fa mangiandosi il campo, mostrando personalità e fornendo una prova difensiva di alto livello. Noi stiamo facendo il nostro. L’importante è tornare in Europa, ma cercheremo di prendere il massimo da questo campionato. Ora abbiamo Totti e Destro di nuovo in forma, non è poco. Nainggolan? Sa fare tutto e ha iniziato benissimo. Poi con Strootman a certi livelli è tutto più semplice». L’olandese ha disputato la sua miglior partita da quando è a Roma. «Hanno giocato tutti bene, non solo io – ha detto Kevin - Con Nainggolan mi trovo anche perché lui parla olandese, ma oggi gran merito va alla difesa. Ora andiamo avanti e non guardiamo cosa fanno gli altri ma solo a ciò che riusciamo a fare noi». Ad aprire le danze ieri però è stato Florenzi con una rovesciata da favola che ha fatto deflagrare l’Olimpico e fatto sobbalzare in tribuna il nuovo acquisto Paredes (al fianco di De Rossi).

«Se faccio un gol del genere mi ritiro perché non mi rialzo più da terra », ha scherzato Totti. Anche Nainggolan su Twitter ha preso in giro il compagno di squadra: «Ora fai pure le rovesciate? Ma smettila va». «Cosa ho pensato in quel momento? Meglio che non lo dico. Ho usato l’istinto ed è andata bene, è un gol che mi porterò dentro per tanto tempo. Spero serva per andare al Mondiale», le parole del centrocampista tornato titolare in campionato dopo un periodo d’appannamento («mi succede spesso a dicembre»). In rete, su assist di Florenzi, anche Maicon («abbiamo un atteggiamento da grande squadra ») e Benatia al 5˚ gol stagionale, goleador giallorosso proprio con Florenzi. Entrambi potrebbero essere risparmiati sabato col Livorno all’Olimpico. Tra 8 giorni in coppa Italia, infatti, c’è di nuovo la Juve.

Fonte: Leggo - Balzani

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom