Rassegna Stampa

Totti nel mito a caccia di Puskas

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 02-10-2014 - Ore 09:16

|
Totti nel mito a caccia di Puskas

I dieci minuti immaginari scorrono nella testa diFrancesco Totti mentre sta segnando il primo gol in Inghilterra della sua vita adulta. Lo trascinano nella galleria dei simboli del calcio, fuori del recinto di Roma e d’Italia, dove il Pupone diventa Italian Maestro, The King, The Equalizer: colui che cancella le differenze, vendica le ingiustizie. In in quel secondo e dieci minuti è arrivato alla conclusione che non è stato poi tutto sbagliato. Le bandiere sventolano molto a lungo e Totti più a lungo delle altre per sua forza naturale.

Ad aprile, ai quarti di finale della Champions League, potrà forse superare anche Ferenc Puskas.

Destro di piede tra mancini diabolici: aveva il sinistro avvelenato Giggs, aveva il sinistro sonico Puskas, un altro che cambiò nazione ma solo perché era cambiato il mondo. Arrivarono i carri armati sovietici a Budapest e lui che era in Europa si fece spagnolo. Puntello del Real Madrid, amico e concorrente di Alfredo Di Stefano. Ma prima ancora esterno dell’Ungheria che aveva inventato il falso centravanti, schiantato l’Inghilterra a Wembley, vinto tutte le partite immaginabili tranne la finale del Mondiale.

Lo avevano dato per morto nel 1956. Invece aspettava che la buriana epocale passasse e il 22 novembre 1965 a 38 anni, 5 mesi e 20 giornisegnò il suo ultimo gol in Coppa Campioni. Contro il Feyenoord. Di pallonetto dalla sinistra come Totti. Dopo averne realizzati altri tre nella stessa partita. Per lasciarci aspettò il 2006 e di essere rientrato in Ungheria, speranzoso tecnico di una Nazionale in ricostruzione. Gli inglesi lo chiamavano Cicciobello. Una volta abbattuti, lo chiamarono il Maggiore al Galoppo. Adesso chiamano Totti il Maestro. Per non ammettere di essersi sbagliati basta cambiare tono con disinvoltura.
Lo riporta l'edizione odierna de Il Corriere dello Sport. 

Fonte: corsport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom