Rassegna Stampa

Totti non basta - Il Torino batte la Roma con l'ex

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 26-09-2016 - Ore 07:34

|
Totti non basta - Il Torino batte la Roma con l'ex

IL TEMPO - MENGHI - Pranzo indigesto per la Roma: il formato trasferta non funziona, un solo punto a Cagliari e poi due sconfitte, a Firenze e a Torino. I granata si impongono per 3-1, con Belotti sugli scudi assieme all’ex Iago Falque, autore di una doppietta. Non basta il gol numero 250 in A dell’immortale Totti per evitare il ko. Torino-Roma è subito Hart contro Dzeko: ottima l’uscita del portiere sul mancino dell’ex compagno di squadra ai tempi del City, lanciato a rete da Fazio. Nainggolan con una fucilata di destro spaventa i granata, ma la mira non è esatta e la palla finisce fuori. All’8’ Belotti alla prima azione dei suoi lascia il segno, per la quinta volta in campionato: colpo di testa sul primo palo, Szczesny beffato. All’11’ Dzeko si guadagna un pallone sugli sviluppi di un calcio d’angolo, ma cicca col mancino al momento del tiro e spreca. Iago Falque, ex di turno, fa capire fin da subito le sue intenzioni con una doppia chance al 13’: dormita della difesa giallorossa, destro sul palo e ribattuta sul portiere. Al 28’ lancio di De Rossi per Florenzi, che fa l’assist al volo per Dzeko, Hart in due tempi chiude sul destro del bosniaco. Al 32’ numero di Peres, tiro a giro bloccato ancora dal portiere. Salah prova un cross per Edin, che spizza di testo e manda a lato. Ripartenza del Torino al 40’, sul sinistro di un esplosivo Belotti Szczesny devia in corner. La ripresa comincia con Totti in campo (standing ovation dello stadio «nemico») al posto di De Rossi: un passaggio di fascia e in seguito di ruolo, quando Spalletti chiederà al quasi quarantenne di fare filtro davanti alla difesa. Inizia bene il secondo tempo la Roma, sempre con Dzeko pericoloso là davanti: Hart fa un miracolo per togliere il colpo di testa dalla rete. Al 6’ Baselli è tutto solo davanti a Szczesny, ma si addormenta e Florenzi gli porta via il pallone con un gran recupero. Nell’azione successiva, però, Peres commette fallo per fermare Belotti, atterrato in area: Iago Falque trasforma il rigore che vale il 2-0 e festeggia coi tifosi. Palla sul cerchio di centrocampo e un minuto dopo è penalty anche per i giallorossi: contatto De Silvestri-Perotti e Totti dal dischetto. Al minuto 10 il numero 10 non può fallire l’appuntamento con il gol 250 in Serie A. Chapeau. Al 12’ è tre contro uno in contropiede per la Roma, Salah lo gestisce male e fa imbufalire Spalletti. C’era Dzeko libero, peccato. Al 20’ la legge dell’ex si ripete, Iago Falque aiutato dalla fortuna trova il 3-1 con la deviazione di Fazio che alza la parabola e rende il pallone imprendibile per Szczesny. Il tecnico toscano si gioca la carta El Shaarawy, rilevando Nainggolan: in campo un solo mediano puro, Strootman, e cinque attaccanti. Totti deve fare gli straordinari, è lui a dare una mano all’olandese aggiungendo lo spirito di sacrificio alla solita classe. Dieci minuti dopo Spalletti ridona equilibrio alla squadra: dentro Paredes per Perotti. Ѐ il Torino ad avere le occasioni più nitide, la Roma rischia l’imbarcata, ma Szczesny si supera sul gran tiro ad incrociare di Zappacosta. Sul destro di Martinez il portiere dice no e Manolas toglie la sfera dalla linea: evitato il poker, ma non la dura sconfitta, la seconda consecutiva in trasferta per la Roma, che a Torino d’altronde non vince da aprile 2013. Il tabù continua, Napoli e Juventus si allontanano: rispettivamente +4 e +5 sui giallorossi.

Fonte: IL TEMPO-MENGHI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom