Rassegna Stampa

Totti, voglia di Roma “Noi presto al top”

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 30-07-2013 - Ore 09:00

|
Totti, voglia di Roma “Noi presto al top”

Certo, Kansas City non è nella Florida (dove è di casa, a Miami) né la California, dove ha passato tra Los Angeles e Las Vegas parte delle ultime vacanze estive. E non è neanche New York o Boston, dove lo scorso anno ha fatto vedere qualcuna delle sue magie. Ma considerando i manifesti in giro per la città con il suo volto affamato, c’è da scommetterci che domani Francesco Totti farà di tutto per lasciare ancora una volta il segno. Del resto, se è vero che Kansas non è il posto più bello del mondo, è anche vero che la squadra locale, lo Sporting Kansas City, è in testa alla Eastern Conference della Mls e che domani sera allo Sporting Park ci sarà l’attesa delle grandi occasioni. Una di quelle serate in cui il capitano giallorosso sa esaltarsi come pochi altri, soprattutto ora che sa che molti degli occhi saranno proprio per lui.

 

A TU PER TU  Ieri Francesco è arrivato alla conferenza stampa timido e silenzioso. Si è sciolto soltanto alla fine, quando Henry gli è andato incontro per abbracciarlo come un vecchio amico, un abbraccio di quelli che si fanno tra campioni. «Ci siamo incontrati diverse volte in campo e spesso ho vinto io — ha detto l’ex stella dell’Arsenal, oggi ai New York Red Bulls — Ma questa è una partita a cui tengo troppo e Francesco lo sa». E mentre Totti lasciava il palco, Thierry gli ha fatto un gesto con le mani, come dire poi ci scambiamo la maglia. L’appuntamento è per domani sera allora, direttamente in campo. Dove un altro francese, Rudi Garcia, calcherà per la prima volta il campo di uno stadio americano. «Non ero mai stato prima negli Stati Uniti, sono certo che domani sarà una partita entusiasmante — ha detto l’allenatore della Roma —. Il calcio americano è in crescita, basta vedere anche solo l’attenzione intorno al movimento femminile. Osvaldo? Purtroppo ha un piccolo problema alla caviglia, non so se potrà giocare questa partita. Ma se è qui vuol dire che fa parte del gruppo».

 

LA TELEFONATA Ed allora, spazio a Totti, l’uomo su cui ieri si sono concentrati un po’ tutti i media americani. «Fa effetto giocare una partita come questa, perché affronteremo gente di valore — ha detto Francesco — Poi giocheremo contro tanti campioni come lo stesso Henry ed un amico come Di Vaio». Già, Marco Di Vaio, l’amico che ha scelto Toronto e che gli ha fatto anche una telefonata per provare a portarlo con sé. «E’ vero, ma io in questo momento ho in testa solo la Roma. Lui è un grande giocatore ed una grande persona, so che sta adesso benissimo in Canada. Ha voluto fare questa esperienza, sono felice gli stia andando bene». La sua di esperienza sarà invece ancora tinta di giallorosso, con il rinnovo contrattuale in arrivo al suo ritorno dalla tournée americana. Almeno così spera lui e non solo. «La società sta facendo bene, sta cercando di costruire una squadra all’altezza delle migliori d’Europa — conclude Totti —. Cercheremo il prima possibile di diventare come loro. Aspettiamo fiduciosi, si vince solo con giocatori forti». Lo stesso concetto già espresso altre volte...

 

Fonte: Gasport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom