Rassegna Stampa

Tra Unicredit e Hna la trattativa è ancora in corso

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 26-11-2013 - Ore 09:26

|
Tra Unicredit e Hna la trattativa è ancora in corso

Il negoziato tra Unicredit i cinesi di Hna va avanti ugualmente, nonostante la rumorosa e inspiegabile presa di posizione di domenica scorsa di James Pallotta. "Non c’è nessuna trattativa", ha tuonato all’improvviso il presidente della As Roma e leader della As Roma llc, che ha il 69% di Neep, "siamo costernati per la diffusione da parte di Unicredit di sciocche e imbarazzanti informazioni sui media". Subito è arrivata la piccata risposta della banca, azionista con il 31%: "Si conferma che sono in corso discussioni con un investitore interessato a rilevare una quota della partecipazione detenuta in Neep", spiega l’istituto su sollecitazione della Consob. Da alcuni giorni, cioè da quando è spuntata la trattativa con il colosso cinese da 44 miliardidi euro di attivo, la Commissione ha addrizzato le antenne. Sabato scorso, gli uffici dell’Authority hanno convocato Alessandro Daffina, plenipotenziario della Rothschild, la banca d’affari che ha messo sul tavolo di americani e italiani il potenziale interessamento di mister Chen Feng, l’uomo d’affari orientale, a capo di un gruppo proprietario di una ventina di compagnie aeree, attività turistiche, immobiliari, finanziarie. Daffina avrebbe conosciuto mister Feng all’inizio dell’anno quando lo ha assistito nell’operazione Nh hotel: in quell’occasione apprese l’interesse ad espandersi anche nel calcio per le ricadute del brand in campo turistico. Avviata la trattativa, Unicredit avrebbe messo al corrente gli americani. E mercoledì 20 novembre ci sarebbe stata una conference call tra gli uomini di Pallotta e gli emissari del signor Feng. Sicuramente in quell’occasione non sarebbe stato raggiunto nessun accordo, ma le parti si sarebbero aggiornate a questa settimana per siglare un memorandum ofunderstanding (accordo preliminare) delegato a Roberto Cappelli, avvocato di Unicredit e vicepresidente della Roma. Ora però potrebbe rallentare l’operazione. Anche se ieri i cinesi avrebbero fatto avere a Paolo Fiorentino, vicedg di Unicredit che ha la delega sul club, segnali di proseguire il negoziato. In base allo schema dell’operazione, Hna, tramite una controllata attiva in attività sportive, potrebe rilevare il 20% della quota di Unicredit che scenderebbe all’11%. Ma per beneficiare degli accordi di governance esistenti, cinesi e italiani metterebbero le rispettive quote in una newco che continuerebbe ad avere il 31% di Neep. Mister Feng verserebbe a Unicredit una cifra di circa 30 milioni e sarebbe disposto, come comunicato agli americani nella conference call della scorsa settimana, ad altri interventi: partecipare a un nuovo aumento di capitale immettendo 20-30 milioni freschi e investire liquidità per diventare sponsor della squadra guidata da Garcia. Sembra che gli americani si siano spaventati per le intenzioni manifestate dai cinesi di voler mettere altri soldi, tanto, per far tornare Magica la società giallorossa. Naturalmente per realizzare l’operazione di ingresso in Neep bisogna rispettare i patti stipulati ad agosto 2011, secondo i quali ai cinesi spetterebbero tre posti nel CDA.

Fonte: IL MESSAGGERO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom