Rassegna Stampa

Trappola nell’Olimpico deserto Iturbe verso il Watford a gennaio

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 16-12-2015 - Ore 07:08

|
Trappola nell’Olimpico deserto Iturbe verso il Watford a gennaio

CORRIERE DELLA SERA - VALDISERRI - Una trappola nel deserto. Non è il titolo di un nuovo episodio di Star Wars, è quello che aspetta la Roma oggi pomeriggio (ore 14,30) allo stadio Olimpico. Ottavi di finale di Coppa Italia in partita «secca»; avversario lo Spezia, decimo in serie B a un punto dalla zona play-off; 5.000 spettatori (2.000 in arrivo dalla Liguria) come traguardo massimo. 
Rudi Garcia è a quattro giorni dall’ultimo impegno del 2015 (domenica, alle 15, ancora in casa, contro il Genoa). Proprio per questo deve gestire nel miglior modo possibile due priorità. 
La prima: passare il turno perché la Coppa Italia, sempre bistrattata fino alle semifinali, potrebbe essere l’occasione per vincere finalmente un trofeo. In questo senso aiuta anche il tabellone che vede Inter, Juve e Napoli dall’altra parte. 
La seconda: non dimenticare il campionato, dove la Roma è scivolata al quinto posto avendo ottenuto solo sei punti nelle ultime sei partite. 
Proprio per questo è probabile che l’allenatore francese faccia un turnover ragionato (dentro De Sanctis, Maicon, Castan o Gyoember, Vainqueur) ma senza esagerare. L’ideale sarebbe chiudere la gara nel primo tempo e fare tre cambi dopo un’ora. «Dobbiamo dare tutto per qualificarci - ha detto Garcia alla radio ufficiale -. Non bisogna sottovalutare nessuno. Non capisco perché giochiamo alle 14.30. Così non si permette ai tifosi di venire allo stadio». 
Non sono stati convocati Keita e Gervinho, mentre Totti è ancora in cantiere: «Si è allenato insieme al gruppo. Quando gioca con il pallone pensa meno all’infortunio. Il suo rientro è previsto a gennaio» [...]

Fonte: CORRIERE DELLA SERA - VALDISERRI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom