Rassegna Stampa

Trigoria presa d’assalto

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 27-05-2013 - Ore 09:45

|
Trigoria presa d’assalto

(Il Messaggero – S.Carina) Al fischio finale di Orsato la curva Sud rimane immobile. Né un coro, tantomeno un fischio. Sembra quasi che la delusione per la sconfitta in finale di coppa Italia contro la Lazio abbia tolto anche la voglia di contestare. È solo un’impressione. In 200, infatti, si danno appuntamento al centro sportivo Fulvio Bernardini in attesa che il pullman giallorosso rientri a Trigoria.Devono attendere un paio d’ore visto che il bus – dove a bordo ci sono i tre medici, il preparatore atletico Chinnici, il team manager Scaglia, il preparatore dei portieri Nanni, il collaboratore Beccaccioli, Muzzi, e i calciatori Taddei, Stekelenburg, Burdisso, Lobont, Lopez, Lucca, Destro, Tachtsidis, Goicoechea e Pjanic – arriva nel piazzale Dino Viola intorno alle ore 22,20. 

ANCHE UOVA E BOTTIGLIE - Il pullman della Roma è preceduto da alcuni mezzi della polizia che lo scortano. Al suo passaggio inizia un vero e proprio lancio ripetuto di oggetti, tra cui sassi, bottiglie e uova. Un oggetto colpisce un vetro del mezzo che si scheggia. Attimi di panico. Scoppia anche qualche petardo, la tensione sale. Le forze dell’ordine evitano le cariche di alleggerimento per non esasperare ancora di più gli animi.
A fatica il bus riesce a passare tra la gente ed entra nel centro sportivo. Fuori inizia la contestazione anche a livello vocale. I più bersagliati sono il direttore generale, Baldini, quello sportivo Sabatini, e qualche coro è riservato anche al presidente Pallotta. Solo in un secondo momento le urla si spostano sui calciatori etichettati con l’epiteto di «mercenari».
«Tifiamo solo la maglia», è lo slogan portato avanti per qualche minuto. I sostenitori presenti vorrebbero un confronto con qualche calciatore. I big – Totti, Osvaldo e De Rossi – non ci sono. Dei dirigenti nemmeno l’ombra. Questo acuisce la rabbia della gente presente. Iniziano i cori contro De Rossi, reo secondo i presenti di aver sbagliato l’ennesima partita di una stagione a dir poco deludente. La tensione inizia a scemare poco dopo le 23,20 mentre dall’interno di Trigoria sono state ordinate le pizze. Più di qualcuno ha poi preferito rimanere a dormire nel centro sportivo. 

I GIOCATORI ERANO AVVISATI - Una contestazione che per certi versi era attesa qualora la Roma avesse perso il derby. Nel corso dell’ultima partita di campionato all’Olimpico contro il Napoli erano stati già esposti sugli spalti alcune scritte minacciose come «26-5-13 vincete o scappate» e «Dopo un’altra stagione con l’amaro in bocca, l’unico imperativo è vincere la Coppa». Giovedì scorso, invece, all’esterno del centro sportivo di Trigoria era stato attaccato il macabro striscione «O Coppa o morto».

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom