Rassegna Stampa

Tutte le colpe di Garcia

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 23-10-2014 - Ore 09:55

|
Tutte le colpe di Garcia

Ripartire. Sì, ma da dove? Dalla classifica del girone, da quel secondo posto che la Roma è riuscita a conservare da sola per il pareggio del City (ora staccato di due punti) a Mosca.E dalla fiducia della gente che, in un atto misto di ragione e sentimento, alla fine ha voluto la squadra sotto la curva per cantare “vinceremo il tricolor”. Comer riporta l’edizione odierna del Corriere dello Sport, l’errore di Garcia non è stato solo nell’impostazione, è maturato in modo drammatico e inatteso durante il primo tempo. Mentre la Roma era allo sbando, non è mai intervenuto in partita, non ha mai cercato di smuovere la squadra. Immobile in piedi davanti alla panchina, non credeva ai suoi occhi e non reagiva.

Garcia avrebbe dovuto togliere Iturbe e Gervinho dalle grinfie di Benatia e Alaba, doveva abbassarli, creare subito un doppio ostacolo sugli esterni, uno davanti a Torosidis, l’altro davanti a Cole, anche se, per costituzione fisica e tecnica, gli esterni della Roma non sono come quelli della Juve, sono attaccanti non difensori. Ma la loro ripartenza doveva comunque avvenire più dal basso.

Ma l’errore più grave è stato quello di mettere Cole su Robben. Cole è il giocatore che, al momento, in rosa ha il rendimento più basso, e tu lo metti a marcare un giocatore come Robben in uno contro uno senza aiuto. Inconcepibile.

Fonte: corsport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom