Rassegna Stampa

Un Toro per la Roma

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 19-03-2014 - Ore 08:17

|
Un Toro per la Roma

«Torosidis? Non è un personaggio da copertina, ma quando lo chiami in causa c’è sempre». Parlavano così gli ex compagni dell’Olympiacos quando, un anno fa, il greco lasciò Atene per giocarsi la carta italiana. Se ne andava dal Pireo da protagonista, arrivava a Roma da giocatore «d’esperienza, pronto per essere mandato subito in campo», che in sostanza è un bel modo per dire che arrivava un onesto mestierante e non una star. Non rubava la scena allora e non la ruba neanche oggi, Torosidis, nonostante — per l’agonia che ha colpito tutti i terzini della Roma — si ritrovi a giocare con una continuità che a inizio stagione non avrebbe mai previsto. Tanto da prendere in considerazione l’idea di andare via: lo volevano in Germania e lo voleva il Livorno, la Roma era disposta a privarsene a patto di trovare un sostituto con le stesse caratteristiche. Cioè affidabile, silenzioso, polivalente e a poco prezzo. Non c’è riuscita e Torosidis è rimasto. Facendo, oggi, benedire alla società quei 400.000 euro spesi un anno fa.

Decisivo, anche a sinistra Alla Roma Torosidis è costato meno di tutte le multe inflitte alla società quest’anno dal giudice sportivo. Il rendimento parla di 12 presenze la scorsa stagione e 15 quest’anno, in totale 4 gol, gli ultimi due decisivi: se la rete in Coppa Italia contro la Sampdoria è valsa il passaggio del turno, quella contro l’Udinese, a conti fatti, è stata fondamentale per la vittoria contro i friulani, così come lo scorso anno lo era stata quella all’Atalanta. Arrivato come terzino destro, capace però di giocare anche a sinistra, il greco lo scorso anno soltanto una volta, contro il Pescara, ha cambiato fascia, mentre in questa stagione 9 sono state le presenze a destra, al posto di Maicon, e 6 quelle a sinistra, al posto di Balzaretti (tornato ieri dagli Usa) o Dodò. Nato nella Roma terzino di scorta, ragazzo tutto casa e famiglia, niente braccia tatuate o creste multicolori, Torosidis però dimostra che tutti gli anni nell’infuocato Pireo qualcosa gli hanno lasciato: è il difensore giallorosso con la percentuale più alta di contrasti vinti (88,2%) ed è quello che ha meno paura di sbagliare, vista la precisione nei passaggi. Ne realizza 40 a partita, l’83,4% dei quali finisce sui piedi dei compagni. Nessun difensore, nella trequarti offensiva, è così puntuale (5 passaggi corretti a partita), mentre 22 sono i passaggi realizzati in media nella metà campo avversaria. Meglio di lui, tra i difensori, solo Maicon (26.5). In attesa, poi, di qualificarsi per la Champions con la Roma, stasera Torosidis farà il tifo per i suoi ex compagni dell’Olympiacos, impegnati a difendere il 20 dell’andata contro il Manchester: «Sarà una partita difficile — ha detto in patria Torosidis — e i giocatori dovranno dare l’anima. Ma io credo che possano farcela». E magari ce la farà anche lui il prossimo anno (il contratto gli scade nel 2015) a vivere serate così.

Fonte: Gazzetta dello Sport - ZUCCHELLI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom