Rassegna Stampa

Una poltrona per due

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 28-08-2014 - Ore 08:05

|
Una poltrona per due

Gettate le fondamenta ora è tempo di qualche ulteriore ritocco. Ma per finire i lavori senza sbagli dell’ultimo minuto dovranno trovare un accordo Walter Sabatini e Rudi Garcia, i due architetti designati per completare il progetto romanista. L’intento comune però può prevedere anche strategie diverse. Nel completamento del reparto difensivo infatti, il ds ha da tempo mostrato maggior interesse per il colombiano Balanta, centrale mancino classe ’93 del River Plate. Nel pomeriggio di ieri, Sabatini ha incontrato a Trigoria Pablo Sabbag, agente del giocatore (in passato curò anche il passaggio nella capitale di Lamela) e grande amico del dirigente giallorosso.

I discorsi però si sono incentrati principalmente su Carbonero, esterno d’attacco sempre del River Plate che la Roma vorrebbe girare in prestito biennale al Cesena. Per molti un’operazione apriscatole per arrivare al vero obiettivo Balanta, valutato dal club argentino circa 5,5 milioni. Cifra che servirebbe per rilevare però soltanto l’80% del cartellino, considerando che il restante è suddiviso tra un fondo privato e quote in mano alla famiglia del ragazzo. Otto milioni totali circa, che da ieri sera la Roma sa di avere nelle proprie casse grazie alla sconfitta del Napoli a Bilbao nei preliminari di Champions League. Un bottino che fa sicuramente comodo, ma che Sabatini non è ancora convinto di reinvestire totalmente per acquistare un unico giocatore.

Già, perché in tutto questo c’è Garcia, rimasto fermo nella posizione di preferenza verso Marko Basa, il fido sergente della difesa che il tecnico ha conosciuto approfonditamente nella passata esperienza al Lille. Il trentunenne montenegrino (attualmente infortunato per 3 settimane) aspetta soltanto una chiamata per chiudere le valigie, nonostante il club francese continui a tirare sul prezzo del cartellino fissato a 6 milioni. Sabatini, dopo l’arrivo di Manolas e l’addio forzato di Benatia, è intenzionato però a venire incontro al proprio allenatore, infastidito nelle ultime settimane dal caos che ha circondato il mercato romanista. Un regalo sicuramente meno dispendioso per i giallorossi, (nelle ultime settimane si sono richieste informazioni anche su Manga del Lorient) convinti che le alte richieste del Lille possano essere limate in modo considerevole sfruttando la volontà del giocatore di trasferirsi immediatamente a Roma. In questo caso i conti tornerebbero ulteriormente: Romagnoli avrebbe il permesso di trasferirsi in prestito alla Sampdoria e poi si penserebbe magari soltanto nel provare a piazzare un ultimo colpo in attacco.

Al momento Destro è stato dichiarato fuori dal mercato: troppo bassa l’offerta del Milan e del Chelsea, rilanciata negli ultimi giorni fino a 22 milioni. Poco di fronte alle richieste di Trigoria (25-30) così come il tempo per cercare un valido sostituto.

Fonte: Il Tempo/A.Serafini

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom