Rassegna Stampa

Una Roma tutta da Champions. Ma verso i saluti

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 30-04-2016 - Ore 07:32

|
Una Roma tutta da Champions. Ma verso i saluti

LA GAZZETTA DELLO SPORT - PUGLIESE – Inseguire la Champions per poi salutarsi. Non tutti, ovviamente, anche se un po’ tutti quelli che giocheranno lunedì a Genova vivono tra sogni e incertezza. Una Roma in bilico, per il suo futuro. Protratta ad inseguire la speranza di un 2° posto che garantirebbe la Champions, senza però sapere ancora oggi con chi andarla a giocare. Perché tra giocatori in scadenza, prestiti da riscattare e pepite appetitose per il mercato delle grandi alla fine, di fatto, nessuno è certo di restare a Roma anche il prossimo anno. Tranne Perotti e Salah.

I RISCATTI – Dei potenziali titolari di Genova, ci sono tre giocatori che la Roma dovràriscattareDigne (16 milioni), El Shaarawy (13) e Rüdiger (9). Difficile che restino tutti e tre. Di più, per ora l’unico che verrà riscattato è Rüdiger, la cui permanenza potrebbe comunque essere lo stesso in bilico (con il Chelsea si è parlato anche di lui). Difficile, invece, che Digne possa restare a quelle cifre lì (si sta provando a rinegoziare, ma il Psg è osso duro), mentre su Elsha si stanno facendo dei ragionamenti: 13 milioni sono tanti, ma il Faraone è italiano e comunque aiuterebbe per la regola dei «4+4». Poi c’è Szczesny, in prestito secco dall’ArsenalSpalletti vorrebbe restasse, ma tra lui eAlisson uno è di troppo. In più l’Arsenal vuole soldi. E non pochi.

CONTRATTI E MERCATO – Per Keita e Maicon, invece, siamo già quasi ai saluti. A giugno gli scadrà il contratto e la Roma non glielo rinnoverà. Diversa, invece, la situazione di De Rossi, il cui accordò scade nel 2017. Dovrebbe restare, ma il condizionale è d’obbligo, considerando che la curva della considerazione nei suoi confronti è in discesa. E poi c’è il mercato: Nainggolan balla tra Chelsea e United, ieri l’agente di Manolas ha raccontato come l’Arsenal sia pronto ad un’offerta ufficiale per il greco. E Dzeko? È in uscita anche lui, a meno di colpi di scena.

E TOTTI – Tutto questo proprio mentre quello che doveva essere l’addio degli addii sta andando in soffitta. A metà della prossima settimana la Roma dovrebbe ufficializzare il rinnovo di Totti. «Aspettiamo e vediamo», ha detto ieri lui. Proprio mentre Luis Enrique, da Barcellona, ci scherza su: «Se possiamo prenderlo a un buon prezzo, perché no?». Già, il buon prezzo. Molto del futuro della Roma dipende anche da quello. E dalla gara di Genova.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom