Rassegna Stampa

“Undici lupi contro? Porteremo il fuoco”

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 08-12-2013 - Ore 08:53

|
“Undici lupi contro? Porteremo il fuoco”

 Al fuoco di domande Montella risponde con il fuoco degli accendini. «Voglio undici lupi» la dichiarazione d’intenti di Garcia. «Vorrà dire che li spaventeremo con il fuoco – la risposta divertita e divertente dell’Aeroplanino –. Magari porteremo gli accendini antivento tipo zippo. Comunque quando ero a Roma di lupi ne avevamo anche più di undici… ». Montella accende, per rimanere in tema, le luci sul big match di oggi. Regalando un altro passaggio niente male a chi lo ascolta. Si parla di Totti: «Spero non giochi. Anche se conoscendolo, e soprattutto sentendo quello che mi ha detto direttamente lui, può partire dall’inizio». Mille storie si intrecciano fra viola e giallorossi, avvinghiandosi tra una caterva di ex, statistiche curiose e necessità di modellare verso l’alto la classifica. C’è tanta Roma nella Fiorentina attuale. Dal d.s. Pradè all’allenatore Montella, passando per buona parte dello staff tecnico, una valanga di giocatori e persino la responsabile delle comunicazioni viola. Tutte queste componenti hanno un passato nella Roma. Anche nella Capitale però, ci sono macchie di viola. Come Ljajic. «Spero non giochi nemmeno lui – prosegue l’Aeroplanino –. Non so se si è pentito della scelta di cambiare, solo Adem può rispondere: sicuramente gioca in una grandissima squadra, ma non ho seguito tutto il suo campionato». Montella da allenatore non ha mai sconfitto la Roma[...]

 

Dubbio Pizarro La formazione si snoda agile fino ad un certo punto. Quello che riguarda Pizarro. Il cileno è tornato ieri ad allenarsi dopo una settimana di mal di schiena. «Quando non si allena è meno stanco e gioca meglio. Però potrebbe non partire dall’inizio ». Se panchina sarà, come sembra, dentro Vargas a macinare sulla sinistra. Il tecnico definisce «importante, ma non decisiva» la sfida, ma la percezione della gara diversa dalle altre rimane: «Rispetto moltissimo la Roma. Anche loro, però, ci temono: ci affronteranno al 101%. Dobbiamo essere pronti per intensità ed agonismo». Palleggi, dribbling e «sgassate» vanno bene. E fanno parte del dna di questa Viola. Oggi però servono anche altre cose. Montella le ha chieste. Per rimanere attaccato al treno Champions.

 

Fonte: Gasport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom