Rassegna Stampa

Zamparini: "Ci vuole più cattiveria, con la Roma non abbiamo nulla da perdere"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 01-10-2015 - Ore 16:11

|
Zamparini:

Si va avanti insieme, anche in caso di sconfitta con la Roma. Nel suo blitz palermitano il presidente Zamparini ha ribadito la sua fiducia a Iachini. “Ho parlato con Iachini e con lo staff ho detto loro che non siamo in una crisi, ma in un momento di difficolta e che ho fiducia nel loro lavoro -. ha affermato il patron -. Gli ho solo chiesto di diventare cattivi e dirò la stessa cosa ai giocatori. Siamo diventati un po’ molli, forse l’inizio con due vittorie aveva lascato intendere che poteva essere un campionato tranquillo, ma se non si è cattivi e decisi non si va da nessuna parte. Li porterò da me in Friuli pe qualche giorno prima della gara col Bologna, ma non come punizione per stare tutti insieme perché sono convinto di avere una buona squadra e un buon allenatore. Il Palermo deve trovare soltanto l’assetto perché rispetto all’anno scorso manca solo Dybala, abbiamo rinforzato la difesa e il centrocampo. Iachini deve trovare l’equilibrio giusto perché mentre l’anno scorso Dybala ci risolveva le gare, quest’anno abbiamo caratteristiche diverse. Gli ho detto che la squadra non è da 3-2 come lo scorso campionato, ma da 1-0. Siamo un diesel anche per i carichi di lavoro, diventeremo più brillanti”.

NULLA DA PERDERE Insomma Iachini può stare tranquillo. “E’ la prima cosa che gli ho detto – ribatte Zamparini – con la Roma non abbiamo nulla perdere. Saranno arrabbiati dopo la sconfitta in Champions. Certo, dovremo stare attenti dietro perché se sbagliamo sarà dura riprenderli, comunque faremo risultato noi”. Le prime sei gare hanno messo in evidenza le difficoltà degli attaccanti, soltanto uno è andato a segno (Djurdjevic), poi hanno tamponato i centrocampisti e i difensori. Col senno di poi forse sarebbe servito un intervento diverso sul mercato.

RINFORZI A GENNAIO “Purtroppo il nostro mercato non era quello che ci eravamo prefissi – ammette – volevano Defrel e Araujo, ma non ci siamo riusciti e abbiamo ripiegato su Gilardino, certamente a gennaio interverremo, anche in altre varie zone del campo, e ci stiamo già lavorando adesso per definire tutto a novembre. Purtroppo si è infortunatoDjurdjevic. Gilardino? Stiamo aspettando che entri in forma, abbiamo sottovalutato che poteva essere in ritardo di condizione. Ma sono convinto che farà benissimo e farà la differenza”.

Fonte: Gazzetta.it- Fabrizio Vitale

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom