Rassegna Stampa

Zukanovic, è fatta. Adesso Perotti, a luglio il centrale top

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 29-01-2016 - Ore 08:21

|
Zukanovic, è fatta. Adesso Perotti, a luglio il centrale top

LA REPUBBLICA – FERRAZZA/PINCI - Ora il puzzle è quasi competo. Dopo El Shaarawy, presentato ieri, Luciano Spalletti ha vista soddisfatta anche l'altra priorità di mercato: è Ervin Zukanovic il difensore che il tecnico aspettava per completare il reparto arretrato. Accordo chiuso in giornata dopo una lunghissima notte di trattative con la Sampdoria e l'agente del calciatore, che contribuirà ad allargare la comunità bosniaca del club giallorosso: un acquisto differito per una cifra complessiva di 4 milioni, 1,5 subito per il prestito, gli altri 2,5 da corrispondere per il riscatto che diventerà automatico già dopo la prima presenza.

Il calciatore è arrivato a Trigoria ieri sera, partendo da Genova con l'agente addirittura in macchina: oggi visite e firma sul contratto, domani potrebbe andare in panchina, chiudendo la storia di un trasferimento lampo. L'accelerazione decisiva è arrivata dopo aver scartato per motivi economici - la Champions oggi è un'utopia - la pista Tasci: nella serata di mercoledi il contatto, quando Zukanovic era pronto a partire per Stoccarda. La telefonata dei giallorossi lo ha tirato giù dalla scaletta dell'aereo, convincendolo a dirottare il suo viaggio verso la capitale.

Dove a ore lo raggiungera anche Diego Perotti: il Genoa ha chiuso per il ritorno di Floro Flores, dando il via libera al trasferimento dell'ala argentina a Roma. Altro accordo in prestito oneroso, 3 milioni, a cui seguira un riscatto a 9. Alla Roma servirebbe anche un terzino destro, ma Pallotta ha quasi azzerato il budget invernale per gli acquisti: in caso di cessione di Uçan (Samp ) potrebbe arrivare subito dal Brescia H'Maidat.

Prioritario semmai sarebbe chiudere la cessione di Doumbia con il Fenerbahce, che ha ceduto Emenike al West Ham. L'accordo è stato raggiunto per il prestito con riscatto definito, ma l'ivoriano fa i capricci e non risponde alle offerte. Intanto a Trigoria si guarda anche al futuro, e la priorità la prossima estate sara un grande difensore centrale: un campione di carisma in grado di guidare la retroguardia (Manolas potrebbe partire). Il sogno è Diego Godin dell'Atletico Madrid (a patto di arrivare in Champions), seguiti anche Umtiti del Lione, Bruma del Psv e Sakho del Liverpool. E resiste l'ipotesi di un suggestivo ritorno di Benatia. Sabatini, in attesa di decidere se restare o salutare - ipotesi attualmente più probabile- getta le basi anche per il pros-simo campionato.

Fonte: Repubblica - Ferrazza-Pinci

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom