Rassegna Stampa

«Brava Roma, ma Dzeko... Totti? Ancora può incidere»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 09-03-2016 - Ore 08:11

|
«Brava Roma, ma Dzeko... Totti? Ancora può incidere»

GAZZETTA DELLO SPORT - STOPPINI - «Mi chiedi se Totti può ancora essere protagonista a 39 anni? Ma io ho smesso a 41...». Italiano di Spagna, toscano di Valencia: Amedeo Carboni ha le idee chiare su Real Madrid-Roma, sulle occasioni sprecata, sul mistero Dzeko, sull’ovazione del Bernabeu per Totti, su Spalletti e Garcia. E sulla prestazione, soprattutto, è in contrasto con la delusione mostrata dal tecnico della Roma. «È davvero un peccato che la Roma sia uscita dal Bernabeu senza aver segnato neppure una rete — dice Carboni —. La squadra ha giocato una grandissima partita, ha messo a lungo alle corde il Real Madrid, le occasioni più grandi le ha create la Roma». 

Ma davvero si possono avere rimpianti?

«Sì, perché la Roma ha giocato una partita “o tu o io”, affrontando a viso aperto il Real. Ogni azione provocava un’occasione da gol». 

Cosa o chi è mancato?

«Dzeko, soprattutto. Perché è mancata la finalizzazione, ma a Perotti, El Shaarawy e Salah si può dire poco sul piano della prestazione. Certo, giocare in mezzo a Ramos e Pepe non era facile. Ma i difensori del Real c’erano pure per gli altri, eppure hanno fatto meglio del bosniaco». 

Sarebbe cambiato il discorso qualificazione, se Dzeko avesse segnato?

«Beh, di sicuro il Madrid s’è sciolto dopo l’1-0, in difesa soffriva da matti, Marcelo è fenomenale in fase offensiva ma dietro concede tanto e in quel corridoio Salah s’è inserito alla grande. Però il Real ha sofferto a lungo, si vedeva anche la faccia tirata di Zidane in panchina. Aveva ragione Spalletti, l’1-0 avrebbe cambiato il piano psicologico del match». 

L’ingresso di Totti è stato solo un omaggio al campione?

«Gli applausi del Bernabeu fanno piacere, credo che Pallotta sia intervenuto al momento giusto per evitare che la situazione degenerasse. Ma io credo che Totti possa ancora incidere nella Roma». 

Non la pensa come Boban.

«Strano che un calciatore come lui abbia detto quelle cose. Forse Totti non può decidere per un lungo tempo, ma per un minutaggio limitato può ancora essere importante. In Spagna gente come Guardiola e Xavi ha continuato a lungo pur avendo un raggio d’azione limitato». 

Perché la Roma di Spalletti è così diversa da quella di Garcia?

«Questa è una squadra molto intensa, quella di Garcia giocava a ritmi blandi. Tra il francese e la squadra s’era spezzato il feeling, anche se è stato giusto iniziare con lui in panchina. In ogni caso, giocando così la Roma fa bene a puntare il Napoli». 

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - STOPPINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom