Rassegna Stampa

«Dai, Pirlo e Verratti portatemi all’Europeo» Conte punta su di loro

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 03-09-2015 - Ore 08:14

|
«Dai, Pirlo e Verratti portatemi all’Europeo» Conte punta su di loro

GAZZETTA DELLO SPORT - GRAZIANO - Antonio Conte ha fretta di chiudere la pratica. Vuole il pass per la Francia nei prossimi 180 minuti, contro Malta e Bulgaria. Talmente sul pezzo da non dare i numeri di maglia ai suoi ragazzi: lo farà solo a poche ore dalla gara. Perché? Tutti sulla corda, e chi andrà in tribuna dovrà saperlo all’ultimo. «Occhio a Malta — ammonisce il commissario tecnico azzurro —, non è più tempo di goleada a livello internazionale. Serve una partita molto attenta, loro possono diventare pericolosi in contropiede». Anche perché di solito l’Italia fatica non poco a settembre: «Sì, però questi sono alibi che respingo subito. La mentalità deve essere da Nazionale top, si va in campo per vincere, sempre, anche contro gli avversari sulla carta più forti». 
LA PROMOZIONE E’ il giorno di Marco Verratti accanto ad Andrea Pirlo. Conte esalta il vecchio genio e promuove definitivamente l’idolo di Parigi. «Andrea è qui perché è un grande campione, e finché metterà in campo entusiasmo, impegno ed efficienza fisica visti in questi giorni, un posto sarà sicuramente suo». Le parole più importanti sono però per Verratti, finora non sempre in cima ai pensieri del Mou italiano. «Marco è un interno di centrocampo. Al Psg gioca non a caso in questa posizione. E’ nato trequartista, si è poi imposto come regista puro, ma a mio avviso la soluzione ideale è la cosiddetta via di mezzo. Ha grandi capacità di inserimento, ha piede e intelligenza nel dettare l’ultimo passaggio: davanti alla difesa perde molto, anche per una questione fisica. Oggi Verratti ha completato il processo di maturazione, garantisce un’ottima intensità, e lavora bene con e senza palla. Cosa mi aspetto dalla coppia Pirlo-Verratti? Pulizia di gioco, palleggio di livello e assist per gli attaccanti». 
JUVENTINI OKAY «In generale -— continua Conte —, in questi giorni ho visto cose importanti, la disponibilità del gruppo è come al solito eccezionale. Contro Malta considero vitali i tre punti in palio». Zero preoccupazioni anche sul fronte juventini: «Non mi sono sembrati in crisi o demoralizzati per l’inizio del campionato. Li ho anzi trovati in grandi condizioni fisiche e psicologiche». 
BALO Inevitabile la domanda su Balotelli: «Non so quando rientrerà in Nazionale, di certo dipenderà unicamente da lui». Intanto, Firenze non sta rispondendo con troppo entusiasmo: fino a ieri erano stati infatti venduti meno di 10000 biglietti. «Dite che è colpa della mia juventinità? Speriamo di no — ride —, altrimenti la Figc potrebbe chiedermi i danni in quasi tutte le partite casalinghe». 

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - GRAZIANO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom