Rassegna Stampa

«Ecco perché saltiamo il derby»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 07-11-2015 - Ore 08:58

|
«Ecco perché saltiamo il derby»

GAZZETTA DELLO SPORT – BERARDINO/BERGONZINI - Olimpico svuotato nel suo giorno più importante. Con i tifosi che decidono di restare fuori dallo stadio nel derby: sembra la cosa più strana se vista dalla passionalità che anima da sempre la sfida stracittadina. Ma questa volta le tifoserie di Roma e Lazio hanno deciso per il grande vuoto. Così, domani pomeriggio, l’Olimpico non sarà quello visto tante volte nel derby. Un aspetto rimarcato anche da Zdenek Zeman, che ha vissuto il faccia a faccia di Roma da allenatore sia romanista sia biancoceleste. «Il derby è fatto per i tifosi. Giustamente. È una partita molto sentita a Roma e mi dispiace che questa volta sarà con le curve deserte. Perché credo che il calcio sia degli spettatori». Un fiume di emozioni, quello che da sempre ha suscitato la stracittadina romana. Anche tra veleni, tensioni, incidenti e tragedie, che purtroppo hanno spesso colpito il derby. Il fascino di un confronto che va oltre la partita di pallone. Chissà cosa avrebbe detto sullo scenario atteso per questo derby Steno, uno de più grandi registi italiani, che nel 1953 portò Roma-Lazio nel film in «Un giorno in pretura». Con Peppino De Filippo e Alberto Sordi tifosi contrapposti in un Olimpico che freme di amore verso le sue due squadre. Nel contesto di immagini bellissime che arrivano dal campo, ancora oggi cliccatissime su YouTube. 
VOCI IN SINTONIA Domani Roma-Lazio sarà altro. Sui social network e attraverso le radio romane domina la sensazione forte di un qualcosa che si perde. «Salterò il derby dopo più di dieci anni. Sono molto amareggiato, ma è giusto così per me» scrive su un forum aquila78. Sulla stessa linea i romanisti. «Appoggio e condivido la protesta. Questo sarà il secondo derby saltato in 23 anni. Rinunciai al primo perché avevo la gamba rotta» spiega Luigi sfogandosi in una telefonata in radio. «Che tristezza non esserci. In derby è sofferenza, ma questa volta si soffre due volte» sostiene Romoletto65, sottolineando come «sia difficile per i tifosi disertare una gara così importante». Affiora anche la nostalgia. «Vi ricordate gli striscioni, i cori, i colori, le coreografie? Ci sarà più nulla di tutto questo» domande che rimbalzano sull’etere romano sia giallorosso sia biancoceleste. 
OLTRE L’OLIMPICO Che domenica sarà domani per chi ha deciso di saltare il derby dopo averlo elevato al giorno più solenne della propria stagione da tifoso. Si stanno creando reti di appuntamenti per vedere Roma-Lazio in gruppo. Un pub vicino casa è l’ideale. Ma c’è anche chi ha deciso di recarsi fuori Roma perché il derby con l’Olimpico vuoto mette tristezza soprattutto se sei sul divano di casa. Però tutti hanno già puntato il televisore per non perdersi il derby. Infatti, Roma-Lazio domani si giocherà anche se in un Olimpico irreale e porterà il solito bottino da agguantare. Che andrà oltre i punti da conquistare. C’è altro: andate a vedere le facce di Peppino De Filippo e Alberto Sordi in quel Roma-Lazio su YouTube… 

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT – BERARDINO/BERGONZINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom