Rassegna Stampa

È la Roma di Garcia

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 16-07-2013 - Ore 09:15

|
È la Roma di Garcia

Una Roma più esperta, cattiva, convinta. A comandarla un allenatore esigente, pratico, carismatico. Tra lo scetticismo generale, a Riscone sta nascendo una squadra nuova. Vincente? Chissà. Sicuramente diversa da quelle che hanno fallito nelle ultime due stagioni. La Roma 3.0 dell’era americana ha il volto spigoloso di Garcia, i muscoli di Benatia, l’esplosività di Maicon e la grinta di De Sanctis. Oltre all’età che si alza (31.3 la media di anni dei tre titolari acquistati finora), è il carattere dei giocatori a segnare una rottura col passato[...] 

Maicon è giallorosso da ieri, mentre slitta l’arrivo di De Sanctis: è ancora in ritiro col Napoli a Dimaro visti gli intoppi sorti tra gli azzurri e Julio Cesar. Nella notte aggiornamento Bigon-Sabatini, l’agente di De Sanctis è già a Roma per le firme, ma c’è il rischio di ennesimo rinvio. Il «dodicesimo» è il promettente (ma da sgrezzare) Skorupski, che già si allena a Riscone come Benatia e Jedvaj. E non finisce certo qui. In settimana si chiuderanno le due operazioni più costose dell’estate giallorossa: l’acquisto di Strootman (16 milioni più bonus al Psv, all’olandese un quinquennale da 2.2 milioni) e la cessione record di Marquinhos al Psg per 35 milioni, di cui circa 30 finiranno nelle casse di Trigoria. [...] 

Garcia lo avrebbe allenato volentieri, ma se n’è fatto una ragione. Anche perché la società gli ha promesso di portargli il suo «figlioccio» Gervinho (continua la trattativa con l’Arsenal), si appresta a confermare De Rossi (più per mancanza di offerte che per scelta) e al momento non intende vendere Pjanic nonostante abbia già individuato un degno erede in Eriksen.

Proprio al bosniaco nasce l’idea di una Roma schierata con il 4-2-1-3 (o 4-2-3-1 che dir si voglia) testato sabato da Garcia a Riscone in alternativa al modulo di partenza: il 4-3-3. Miralem può essere il trequartista centrale, alle sue spalle De Rossi e Strootman, davanti una punta e due esterni che sulla carta dovrebbero essere Gervinho e Lamela. Totti, quindi, è destinato al ruolo centravanti. Al momento sembra un’esigenza: Osvaldo (Zenit in pressing) e Borriello (c’è sempre il Genoa) sono in partenza, Destro ne avrà per un paio di mesi e dal mercato è in arrivo solo un attaccante di scorta. Gilardino o chi per lui.[...] 

A centrocampo Bradley e Florenzi sono i due jolly, col secondo utile anche in attacco. La certezza è la difesa a 4, dove Maicon e Torosidis si giocano la fascia destra, Balzaretti e Dodò quella sinistra e al centro c’è l’imbarazzo della scelta. Benatia e Castan partono in vantaggio su Jedvaj e Burdisso, mentre Romagnoli verrà sistemato altrove in prestito. Un quadro provvisorio, visto che nel mirino c’è il romeno Chiriches della Steaua come possibile rimpiazzo di Castan[...]

Fonte: (Il Tempo – A.Austini)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom