Cool Tura

Colosseo, simbolo di Roma

condividi su facebook condividi su twitter 16-07-2013

| | Commenti →
Colosseo, simbolo di Roma

A noi è sempre piaciuto fare le cose in grande.

50.000 ingressi già al tempo dei Flavi, 100 giorni di feste per la sua inaugurazione nell'80 d.C.

Nasce su un laghetto artificiale, di fronte alla Domus Aurea, su un terreno che Nerone aveva "privatizzato" e vicino alla sua gigantesca statua , un Colosso, da cui forse prese il nome.

Alto quasi 50 metri, tre serie di 80 archi ed un attico con sostegni per il "velarium" che riparava gli spettatori dal sole.

Nei sotterranei gallerie per le attrezzature di scena e per la custodia delle belve. Sull'arena ellittica interna si affacciava una cavea divisa in balconate, gradoni, con un alto podio ricco di marmi. Insomma un gran bel vedere.

Poi divenne una fortezza.

Leggende narrano che fosse abitato da demoni, ma la più famosa tra queste è quella che ne lega la vita a quella della Capitale  "quandiu stat Colysaeus stat Roma; quando cadet Colysaeus cadet Roma et mundus" ( venerabile Beda, VIII secolo ).  

Ha rischiato parecchio quando Sisto V, patito per i tracciati rettilinei, volendo unire  Vaticano e Laterano ha pensato che era utile eliminare l'ingombro. Se non fosse morto prima .....Usato come cava di materiali lapidei, nelle arcate sottostanti banditi, prostitute e depositi non meglio precisati l'hanno occupato per secoli. Ancora peggio nell'Ottocento. Farne un cimitero sarebbe sta una fine ingloriosa, diversi terremoti lo hanno ridotto all'attuale consistenza.

Forse l'allure che lo circonda e la sua notorietà spiegano la fortuna turistica del luogo, ed anche la Via Crucis che vi si celebra a Pasqua sembra dovuta alla tradizione, perchè nessun cristiano vi fu mai martirizzato .

Tant'è, il simbolo di Roma per eccellenza continua a fare notizia.

 

PER INFO: SITO DI DONATELLA CIALONI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom