Dietro la lavagna

Barcellona-Roma: si salvano solo Szczesny, Dzeko ed i 4000 sugli spalti

condividi su facebook condividi su twitter 24-11-2015

| | Commenti →
Barcellona-Roma: si salvano solo Szczesny, Dzeko ed i 4000 sugli spalti

PIERO TORRI - Trenta secondi. Tanto mi ha convinto la Roma. Quelli iniziali quando ho visto quattro giocatori andare a cercare il pallone a ottanta metri da Sczceny. Poi spettatori. Colpevoli. Perché si può perdere con il Barcellona, ci mancherebbe, pure di brutto, ma almeno bisognerebbe provare a giocare una partita di pallone. La Roma non lo ha fatto. E contro quei fenomeni, il destino era segnato dopo quei trenta secondi.

Szczesny 6,2 Prende sei fischi eppure merita la sufficienza. Già questo dice tutto. Comincia che sembra tornato un portiere. Poi non può fare che lo spettatore. Suarez, Messi, ancora Suarez, il marito di Shaquira, di nuovo la Pulce, Adriano, e buonanotte ai suonatori. In mezzo ci mette qualche altra parata. La speranza è che questa serata non lo immalinconisca ulterioriormente.

Maicon 4,1 Si diceva: Maicon in campo perché così Neymar avrà rispetto di fronte al suo vecchio compagno di Selecao. Neymar se ne è fregato in maniera totale, saltandolo ogni volta che ha deciso di farlo.

Manolas 5,2 Neppure il greco può niente di fronte al calcio catalano, tic, toc, a ritic, a ritoc, imbucata, gol. Si costituisce senza neppure rovare a fare la voce grossa.

Rudiger 4,3 Messi e discepoli gli girano intorno che è un piacere. Loro. Non è mai in linea con gli altri cinque difensori, sì perché la Roma ha difeso, si fa per dire, a sei, con cui Garcia ha provato a chiudere gli spazi ai fenomeni di Luis Enrique. Digne 5,6 Di fronte ha un signore che si chiama Messi, basta e avanza per poter sperare solo nei miracoli. Ma l'argentino si vede che non crede, anche se il francese non è tra i peggiori.

Pjanic 4,8 Se il Barcellona davvero lo vuole, da ieri sera deve esserne meno convinto. Sarà stato pure il fatto che ha giocato con un occhio nero, ma la qualità che avrebbe dovuto garantire per provare perlomeno a spaventare i catalani, stavolta non l'aveva messa in valigia. Keita 4,1 I novantamila del Camp Nou devono essersi chiesti che fine ha fatto il giocatore che per quattro anni li aveva deliziati con tecnica, geometrie, senso tattico. Poi qualcuno ha suggerito di guardare la carta d'identità. I catalani hanno trovato la risposta.

Nainggolan 5,9 Ci ha messo un quarto d'ora a capire dove andava il pallone, dopo almeno ci ha provato a scuotere se stesso e i compagni. Impresa fallita. Garcia lo sostituisce ricordandosi che è diffidato, meglio avere la certezza di poterlo mandare in campo contro il Bate nella sfida che, nonostante tutto, potrà garantire la qualificazione agli ottavi oltre alla certezza, se sarà, di non poter subito di nuovo incontrare gli alieni d Barcellona.

Florenzi 5,3 Dovrebbe dare copertura a Maicon, ma è un'impresa ai confini della realtà. Per lui vale il discorso fatto per Pjanic, se il Barcellona davvero lo vuole, da ieri sera forse ha qualche dubbio in più a definire l'operazione.

Dzeko 6,3 A paletti il migliore nel primo tempo dove è stato l'unico a interpretare la partita almeno con lo spirito giusto. Nella ripresa si arrende sconsolato, sprecando anche un calcio di rigore che comunque non avrebbe cambiato il senso di un disastro. Salva l'onore, si fa per dire, nel minuto di recupero, con una capocciata di testa giusta che ridimensiona l'errore grave, sempre di testa, che sullo zero a zero aveva fatto dopo pochi minuti dal fischio d'inizio.

Iago Falque 4,9 A questi livelli sale di categoria. Era stato così all'Olimpico, il Camp Nou lo ha confermato in maniera incontestabile. Ha un solo lampo, all'inizio di ripresa, quando Ter Stegen, sullo zero a tre, gli nega il gol con una grande parata. Iturbe 6,8 Il migliore in assoluto con un secondo tempo in cui è stato l'unico a regalare giocate da calciatore. Il risultato non sarebbe cambiato, ma non averlo fatto giocare dall'inizio, è stato un errore clamoroso.

Vainquer 5,2 Garcia lo manda in campo dicendogli di provare a difendere il già traballante fortino. Il fortino crolla senza opposizione.

Ucan 4,4 Il turco si fa notare procurando un calcio di rigore. Mandarlo in campo è stato più offensivo di tutte le volte che è rimasto in panchina.

Garcia 4,1 Ma davvero pensava di poter ripetere la gara dell'Olimpico? Ne avessi presi sei provando a giocarsela, almeno non gli si poteva dire niente. Così invece non può che essere colpevole.

EXTRA

Leno 9,3 Per chi non lo sapesse è il portiere del Bayer Leverkusen. Regala il gol al Bate Borisov con una papera da Mai dire gol. Grazie di cuore.

Serena 2,3 Ma voi avevate mai sentito pronunciare Iago Falquè, si con l'accento sulla e? Forse qualcuno deve averglielo suggerito ma, in ogni caso, forse dovrebbe fare un altro mestiere.

Tifosi Roma 9,9 Meravigliosi. Pur di fronte all'ennesima mattanza europea subita dalla loro squadra, hanno continuato a cantare quando quelli del Barcellona si aspettavano la panolada.

Camp Nou 9,5 Stadio meraviglioso, con società, allenatore, giocatori e tifosi che tutto sono meno che stanchi di vincere. Luis Enrique 8,5 Da queste parti era un cretino, da quelle parti è un fenomeno. Certo, ha una serie di campioni straordinari, ma il suo Barcellona gioca un calcio celestiale. Complimenti Lucho.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom