Dietro la lavagna

Genoa-Roma 0-1 | Le pagelle di Piero Torri

condividi su facebook condividi su twitter 08-01-2017

| | Commenti →
Genoa-Roma 0-1 | Le pagelle di Piero Torri
Szczeny 8,1
 
Ma in porta all'Arsenal c'è Batman? No, perché, se si possono permettere di darci Coso in prestito gratuito per due campionati, allora vuol dire che i Gunners di sicuro hanno la migliore difesa della Premier. Non è così, però resta il fatto che il polacco pure a Marassi si conferma una straordinaria garanzia: nel primo tempo con una parata vera su un velenoso destro a rientrare di Laxalt, nella ripresa opponendosi da Superoe a un tiro di Rigoni (in fuorigioco) da due passi, nel finale volando sotto la traversa a deviare in angolo una magia di Ocampos. Complimenti di cuore.
 
Rudiger 6,8
 
Da quando è rientrato, il tedescone che ci piace tanto ne ha sbagliate pochine, forse nessuna. Anche a Marassi si conferma su livelli di una prepotenza fisica che mette paura agli avversari solo se gli si avvicina. Deve migliorare, però, proprio nel saper gestire la sua esuberanza che qualche volta gli fa dimenticare che gli altri sono dei semplici
umani.
 
Fazio 7,2
 
Ribadisco le mie scuse nei confronti di questo giocatore che avevo accolto con un certo scetticismo. E' il comandante indiscusso di una difesa che nelle ultime cinque partite ha incassato solo due gol, leader di movimenti e posizioni prescindendo da chi gli gioca ai fianchi. In più ha la capacità di saper uscire con il pallone tra i piedi, roba che da queste parti erano anni che non si vedeva.
 
Juan Jesus 6,8
 
Ma ha giocato? La domanda tutto vuole essere, meno che un capo d'accusa. Nel senso che al fischio finale che mi ha trovato più di là che di qua, mi sono reso conto che il brasiliano tanto disprezzato e che non giocava una partita da titolare da due mesi, nei novanta minuti era stato bravo al punto da far passare quasi inosservata la sua presenza. Meglio così, la Roma ora sa di avere un giocatore in più.
 
Bruno Peres 6,3
 
Che questo, esterno destro di una linea di centrocampo a quattro, sia il ruolo giusto per lui, credo non ci possano essere dubbi. Gioca una partita di migliorata disciplina tattica (tra l'altro non era al meglio), penalizzata forse dalla decisione spallettiana di spingere di più sulla sinistra, ma impreziosita da un paio di chiusure difensive che in precedenza raramente gli avevamo visto fare.
 
De Rossi 6,8
 
Nel primo tempo della Roma, sembra quasi che lasci fare ai compagni, al motto . Mette in campo come sempre la sua intelligenza tattica che nella ripresa lo porta al centro della sfida con una personalità che solo gli incompetenti o quelli in malafede non gli riconoscono. Risibile l'ammonizione subita: da capitano va a chiedere a Rizzoli (ancora tu, ma non dovevamo vederci più?) il perché di un evidente rigore negato ai giallorossi, la risposta è un cartellino giallo che gli farà saltare la trasferta di Udine. Roba da pazzi.
 
Strootman 7,6
 
Primo tempo da dominatore della partita, impreziosito pure da uno straordinario assist per Dzeko che solo una meravigliosa parata di Perin (auguri di cuore al portiere genoano) non si trasforma nel gol del vantaggio. Se l'orange è tornato quello visto a Genoa, la Roma e tutti noi possiamo dormire sonni tranquilli. Come lui in giro per il mondo ce ne sono pochini. La società faccia di tutto per tenerselo stretto a lungo.
 
Emerson Palmieri 7,1
 
Quel di Sabatini lo ha acquistato per due milioni, oggi vale almeno cinque volte tanto. Quel di Spalletti ne ha voluto la riconferma, convinto di farne un giocatore importante. C'è riuscito. Perché il brasiliano cresce in maniera esponenziale con il passare delle partie, sempre più padrone della fascia sinistra. Fossimo in Mario Rui, un po' di preoccupazione l'avremmo.
 
Nainggolan 6,9
 
Come fai a non volere bene al belga con la cresta più bella del mondo? Non sa cosa voglia dire arrendersi, combatte su ogni pallone come fosse l'ultimo, non toglie mai la gamba, cerca il gol appena ne ha la possibilità. E' vero contro il Genoa almeno uno se lo è mangiato, ma ad avercene campioni come lui.
 
Dzeko 7,3
 
Meraviglioso nel primo tempo dove solo Perin gli nega il gol su un piatto destro al volo che avrebbe meritato maggior fortuna. Per il resto fa reparto da solo, non perdendo un pallone che sia uno, lottando come piace a Spalletti. Nella ripresa colpisce il palo (pare che a Marassi lo debbano cambiare, il bosniaco lo ha crepato) con un altro colpo al volo che solo pensarlo è da campioni. Un unico dubbio: non avendo un ricambio, fino a quando reggerà?
 
Perotti 6,2
 
Sarà stata l'emozione di giocare di fronte ai suoi vecchi tifosi, sarà stato un panettone ancora non digerito del tutto, sarà stato che da quelle parti lo conoscono sin troppo bene, sta di fatto che a Marassi non gioca la sua miglior partita in giallorosso. Visto il risultato, meglio così, vorrà dire che si rifarà a Udine.
 
El Sharawy sv
 
Entra ma non sembra troppo contento e magari c'è pure da capirlo.
 
Manolas sv
 
Entra nel finale per rinsaldare il fortino. Missione compiuta.
 
Paredes sv
 
Leggi Manolas.
 
Spalletti 7,9
 
Con i tre di Genova, fanno ottantasette punti in trentotto partite, un intero campionato. C'è bisogno di aggiungere altro? Forse che gli ottantasette punti sono frutto di una squadra che gioca a calcio. Ed è un calcio di qualità.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom