Dietro la lavagna

Roma-Napoli, le pagelle. Pjanic torna su buoni livelli, De Sanctis provvidenziale nel finale

condividi su facebook condividi su twitter 04-04-2015

| | Commenti →
Roma-Napoli, le pagelle. Pjanic torna su buoni livelli, De Sanctis provvidenziale nel finale

La Roma torna a vincere all’Olimpico e riscopre anche qualche voto oltre la sufficienza. I migliori contro il Napoli sono De Sanctis e Pjanic, emblemi della gara dei giallorossi.
Il secondo è il match winner, mentre il primo è fondamentale nel salvare il risultato.

  • DE SANCTIS 7,5: Impegnato durante tutto il corso della gara, si rivela attento e decisivo. Ha un conto aperto con Mertens: nel primo tempo lo insegue fino alla linea laterale per sradicargli il pallone e poi si oppone a un altro paio di tiri. Provvidenziale poi nel salvare il risultato sulla conclusione al volo di Gabbiadini nella ripresa. Nel finale tira fuori tutta la sua esperienza, risolvendo un paio di rebus in area e prendendo fra le mani il pallone dell’ultimo attacco nel Napoli.
  • TOROSIDIS 6,5: Meglio del collega Holebas, soprattutto in fase difensiva. L’esterno destro greco assicura infatti un’ottima copertura e una buona freddezza soprattutto nel finale, quando tiene bene il pallone senza sbavare.
  • MANOLAS 6: Poche imperfezioni, anche se stavolta la palma di migliore in campo del reparto difensivo non è la sua.
  • ASTORI 6,5: Una prestazione che lo riabilita agli occhi di tifosi e addetti ai lavori. Non sbaglia niente e si concede anche una rovesciata in ripiegamento al limite della propria area.
  • HOLEBAS 5,5: Non una delle sue migliori partite. Poco impegnato in fase difensiva, non si mette in mostra neanche dal punto di vista offensivo. Più anonimo che dannoso, ci ha abituati a prestazioni ben più incisive. Sostituito al 25’st da Mapou 6: Ormai Garcia lo ha riscoperto terzino. Sostituisce Holebas e dà una buona copertura.
  • DE ROSSI 5,5: E’ il peggiore del suo reparto ma per fortuna c’è chi corre anche per lui. Rischia tantissimo nel finale, non rinviando un pallone velenoso dalla propria area e favorendo l’ultimo affondo azzurro.
  • PJANIC 7: Finalmente una partita su buoni livelli per il bosniaco, che stavolta utilizza al meglio le chiavi del centrocampo consegnategli da Garcia. Pressa, inventa e imbecca i compagni finché non viene sostituito ed è suo il gol del vantaggio della Roma. Qualche polemica coi tifosi (zittiti dopo la rete) ma gli applausi che lo accompagnano verso la panchina cancellano tutto. Sostituito al 23’st da Paredes 6: Gioca una ventina di minuti e assicura un buon equilibrio a centrocampo. Provvidenziale il suo tiro in tribuna Monte Mario dopo aver fermato un attacco azzurro.
  • NAINGGOLAN 6,5: Corre tanto e recupera una dose infinita di palloni. Il più importante è quello dal quale parte l’azione del vantaggio.
  • FLORENZI 6,5: Tanta quantità ma anche una dose non indifferente di qualità. Corre come un forsennato e ha anche la lucidità per servire a Pjanic il pallone del vantaggio. Equilibratore del gioco e insospettabile assist-man. Sostituito al 34’st da Ibarbo: sv
  • LJAJIC 5: Purtroppo è incappato in un momento negativo. Corre e si sbatte, ma pecca di poca fantasia. Il suo gioco a rientrare ormai è prevedibile e scontato e non gli consente di essere pericoloso.
  • ITURBE 5,5: Per l’impegno sarebbe da 10, ma c’è qualcosa che non va dal punto di vista tecnico. Spesso impacciato, corre e si perde il pallone. Anche nel finale, quando ha l’occasione di chiudere la partita, sbaglia calciando fuori.

 

Fonte: Vincenzo Nastasi - InsideRoma.com

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom