Do You Remember

DO YOU REMEMBER?... Pedro Waldemar "Piedone" Manfredini

condividi su facebook condividi su twitter 13-11-2013

| | Commenti →
DO YOU REMEMBER?... Pedro Waldemar

Non può non esserci spazio, nella nostra rubrica, per chi ha segnato due gol decisivi per l'unico trofeo europeo vinto dalla Roma. Stiamo parlando di Pedro Waldemar Manfredini, che allo stadio St. Andrews di Birmingham, in quel 27-09-1961, contribuì in modo determinante al pareggio per due a due del match di andata. Nel ritorno i giallorossi, forti dei due gol segnati in Inghilterra, vinsero per due a zero, mettendo le mani sulla Coppa delle Fiere.

Nato nel Dipartimento di Maipù, il 7 settembre 1935, Manfredini ha avuto sempre il gol nel sangue. Fin dagli inizi in Argentina, con la maglia del Racing di Avellaneda, con cui segnò 28 reti in 39 presenze in due anni, che gli valsero la chiamata della Roma. 

L'arrivo in Italia è datato 22 giugno 1959, il prezzo pagato dalla società giallorossa fu di 78 milioni di lire, cifra decisamente importante per l'epoca. L'argentino, però, dimostrò di valerli tutti segnando 16 gol nel suo primo campionato in Italia. Fu l'autentico trascinatore dei giallorossi nella stagione successiva, quando mise a segno 20 gol in campionato e addirittura 12 nella marcia trionfale verso la conquista della sopracitata Coppa delle Fiere. Si tolse anche la soddisfazione di vincere la classifica dei marcatori nel campionato 1962-1963 con 19 gol, e di segnare una tripletta nel derby vinto per 4-0 dalla Roma il 13 novembre 1960. 

Può vantare una media gol/partita in campionato (0,571)  superiore a quella dei più celebrati goleador del tempo (Altafini: 0,471; Sívori: 0,513) e dell'epoca successiva (Riva: 0,540; Boninsegna: 0,445; Platini: 0,518; Maradona: 0,529; Batistuta: 0,561; Baggio 0,454; Signori: 0,547; Shevchenko: 0,494;) che hanno giocato in Italia.

Nell'estate del 1965, dopo 104 gol in 164 presenze con la maglia della Roma, venne ceduto all'Inter. Con la squadra nerazzurra in realtà non giocò mai, essendo girato immediatamente al Brescia. Chiuse la carriera con la maglia del Venezia in serie B nella stagione 1967-1968.

Dopo aver smesso di giocare è tornato a Roma per aprire un bar in Piazzale Clodio, chiamato "Piedone", come il soprannome che gli diedero i tifosi romanisti. In questo momento si occupa di una scuola calcio ad Ostia. 

 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

luis 28/06/2015 - Ore 06:11

FALTA UNA FOTO DE MANFREDINI CON LA CAMISETA DEL RACING CLUB DE AVELLANEDA DE ARGENTINA QUE SE ;LO VENDIÓ A LA ROMA EN 1959.

chiudi popup Damicom