Do You Remember

Do you remember 21-09-2003: Juventus-Roma 2-2, la botta di Zebina decide il match del "Delle Alpi"

condividi su facebook condividi su twitter 21-01-2016

| | Commenti →
Do you remember 21-09-2003: Juventus-Roma 2-2, la botta di Zebina decide il match del

Domenica va in scena LA PARTITA. E' Juventus-Roma, il big match che, derby a parte, i tifosi giallorossi sentono di più, contro la rivale più odiata sportivamente parlando. E' quella sfida che ricorda le grandi giornate di gala degli anni 80, quando scendevano in campo Zoff e Tancredi, Falcao e Platini, Pruzzo e Paolo Rossi. Ma soprattutto era una partita scudetto più di tutte le altre, trent'anni fa, come recentemente.

Quella che vogliamo ricordare in questo numero della nostra rubrica è una sfida che potrebbe passare in secondo piano, rispetto a tanti altri Juve-Roma, ma che è simbolica soprattutto per il classico gol che non ti aspetti alla vigilia. Era il 21 settembre del 2003, e una Roma ferita nell'orgoglio dopo una stagione in chiaro-scuro, ma ancora forte quasi quanto lo era due anni prima, quandò vinse lo scudetto, si trovava ad affrontare una Juve che era già tornata ad imporre la sua autorità sul campionato italiano. 

La stagione era iniziata benissimo per i giallorossi guidati da Fabio Capello, che venivano dalla vittoria di Udine (2-1) e dal roboante 5-0 casalingo sul Brescia di Baggio. Molto simile l'inizio dei bianconeri, vincenti nell'esordio contro l'Empoli al Delle Alpi (5-1) e corsari nella seconda giornata a Verona contro il Chievo (2-1). Insomma, c'erano tutti i presupposti per assistere ad una gran bella partita, sulla falsa riga dei tanti Juventus-Roma andati in scena nella storia di questo splendido sport. 

Uno di fronte all'altro si trovarono i vari Samuel e Trezeguet, Emerson e Davids, Nedved e Mancini, solo per citarne alcuni. Ma soprattutto, Totti contro Del Piero, scontro tra fuoriclasse di un calcio italiano che non c'è più. Peccato che, pronti-via, il campione bianconero dovette arrendersi per un infortunio, lasciando spazio a quel Marco Di Vaio capace di mettere a segno una bella doppietta. Al 21', ribadì in rete una corta respinta di Pelizzoli su colpo di testa di Trezeguet, mentre al 35' sfiorò appena con la punta del piede destro la punizione tagliata di Nedved, portando di nuovo la Juve in vantaggio. In mezzo, lo splendido calcio di punizione di Cristian Chivu, difensore romeno arrivato in estate per rinforzare un reparto troppo perforato nella precedente stagione "capelliana". 

Ma a fare davvero notizia, fu il gol che chiuse il sipario sul match. Dopo un secondo tempo molto combattuto, con diverse occasioni da una parte e dall'altra, con un Totti molto pericoloso in diversi frangenti, la partita sembrava bloccata sul 2-1 per i bianconeri, che al 42' già pregustavano la gioia di una vittoria così prestigiosa. A rovinare i sogni di gloria degli uomini di Lippi fu un francese che fino ad allora aveva ricevuto più critiche che elogi, a volte anche in modo ingeneroso. Uno che fece parte del gruppo che vinse il campionato nel 2001, e che garantiva sempre corsa, muscoli e cattiveria agonistica al reparto arretrato, Jonathan Zebina. 

L'ex Cagliari, nel mezzo dell'assedio finale dei giallorossi alla porta di Buffon, si trovò insolitamente al limite dell'area un pallone che veniva verso di lui con scritto su: "Calciami". E Zebina non se lo fece ripetere due volte, scagliando un destro di rara potenza, che finì la sua corsa tra le maglie della rete bianconera dopo che il pur bravo portiere della nazionale tentò un disperato tuffo alla sua sinistra. Gol e pareggio raggiunto, contro quella che l'anno successivo diventarà la sua squadra. Un punto importante, sul campo di una diretta concorrente per il titolo.

Un pareggio che ricordò tanto quello del 2001, e poco importa se poi a maggio finì diversamente. Perchè urlare di gioia in una sfida contro la Juve, non ha prezzo per un tifoso della Roma. Domenica è di nuovo bianconeri contro giallorossi, lo stadio è un altro, ma l'attesa e la voglia di vincere saranno più o meno le stesse. 

 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom