Il bostoniano

E l’arabo romanista esulta con Pallotta

condividi su facebook condividi su twitter 23-09-2013

| | Commenti →
E l’arabo romanista esulta con Pallotta

Allah è grande, la Roma di Garcia pure. Tra i tifosi festanti all’Olimpico si è mischiato un arabo accolto e «coccolato» dallo stato maggiore giallorosso. Non uno sceicco, non il futuro socio degli americani, ma neppure uno qualsiasi. Altrimenti non si spiega perché Pallotta lo faccia salire sul minivan presidenziale che lascia l’Olimpico dopo la vittoria. Chi è il misterioso arabo romanista immortalato nella foto qui accanto? Unicredit aveva invitato allo stadio il figlio del principe saudita Salman Bin Abdulaziz Al Saud, ma a quanto pare è rimasto bloccato a Londra. Il ragazzo presente ieri è comunque un esponente della stessa famiglia reale. Tifoso di Totti come il «principino». E Pallotta, alla ricerca di facoltosi partner in giro per il mondo, ha tutto l’interesse di farlo sentire al centro della Roma in un giorno così speciale.

Sciarpa giallorossa al collo, scortato da Tacopina e dall’uomo della Raptor Sean Barror, l’arabo ha esultato dalla Tribuna 1927 e poi se n’è andato insieme ai dirigenti. Si è goduto in prima persona anche un piacevole fuori programma: uscendo dallo stadio, dopo aver salutato la squadra e Sabatini negli spogliatoi (come aveva fatto anche prima della partita), Pallotta ha fatto fermare la macchina accanto a un gruppetto di tifosi, è sceso ed ha firmato autografi.

Finalmente una festa per «Big Jim», che da quando ha comprato la Roma non aveva mai vinto il derby. Invece ieri è tornato l’amuleto infallibile, come era stato prima del 26 maggio. Allo stadio c’era un altro tifoso «vip» del mondo asiatico: l'ambasciatore indonesiano August Parengkuan. Non sarà riuscito a convincere Thohir a dirottare i suoi fondi verso Trigoria, ma è comunque un romanista «doc» come dimostra la foto pubblicata sul Twitter societario in cui posa accanto a Pallotta con la maglia della Roma indosso.
Stamattina il presidente riparte da Ciampino. Alle spalle si lascia una squadra rinata e prima in classifica, un Totti blindato a vita con il contratto e una società ancora da ritoccare. A tutti i livelli. Nelle prossime settimane verrà ristrtutturata l’area marketing dopo l’uscita di Winterling: il primo accordo della nuova era è la «mini» sponsorizzazione della Cne Gas & Power. Poi verrà lo stadio e tutto il resto. Magari un socio arabo.

fonte: IL TEMPO (A. AUSTINI)

 

 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom