Il bostoniano

L'Avv. Tacopina difende Chico Forti....Un cittadino italiano ingiustamente condannato all'ergastolo.

condividi su facebook condividi su twitter 30-03-2014

| | Commenti →
L'Avv. Tacopina difende Chico Forti....Un cittadino italiano ingiustamente condannato all'ergastolo.

Una storia complessa, molto particolare e probabilmente difficile da decifrare anche a causa dell'imponente mole di documenti giudiziari di quanto successo in questi 14 anni assurdi per Chico Forti, relegato in un carcere di Miami (Florida). La buona notizia è che da qualche settimana il nostro connazionale, che ricordiamo è stato condannato all'ergastolo dalla giustizia americana, può vantare, nel suo collegio di difesa, dell'Avv. Joe Tacopina, uno dei legali più conosciuti negli "States" oltre ad essere Vice Presidente della AS Roma, da quando (siamo ad Aprile 2011) un gruppo di imprenditori americani prima con Di Benedetto e poi con James Pallotta, hanno rilevato il pacchetto di maggioranza della squadra capitolina.

La notizia di Tacopina come "Top lawyer" per la difesa di Forti,ha fatto il giro del mondo, l'opinione pubblica americana, ha di nuovo spostato il focus sulla storia di Chico Forti, ed anche in Italia, sembra che i riflettori sul nostro connazionale,rinchiuso in una cella di un penitenziario della Florida, si siano riaccesi, prove ne è l'intervista di ieri sera al TG2 di Tacopina, che aumenta le speranze di chi vorrebbe un rientro di Chico in Italia, o perlomeno di riaprire il processo. In attesa di una posizione ufficiale del nuovo governo Renzi che ha appena incontrato il presidente Obama a Roma, chissà se l'ex sindaco di Firenze, abbia fatto pressione sul capo di stato a stelle e strisce..difficile pensarlo !

Pochi minuti fa, la redazione di Insideroma, ha chiesto a Tacopina un commento sulla vicenda di Chico Forti, l'avvocato, da New York ci ha detto che: "Non posso accettare che un innocente sia in carcere, a maggior ragione quando questa persona e' cittadino italiano". 

Aspettiamo gli sviluppi....sicuramente da adesso in poi, molti tifosi giallorossi faranno il tifo per Chico Forti.

CLICCA QUI PER RIVEDERE IL SERVIZIO DEL TG2 DI IERI SERA

 


 

Questa la storia di Chico Forti, in un dossier giornalistico, a cura di Valentina Magrin del portale cronaca-nera.it

Enrico - detto Chico - Forti, classe 1959, è originario di Trento. Da giovane è un ragazzo molto sportivo e pratica a livelli agonistici il windsurf. Nel 1990 Chico è anche protagonista di una puntata del celebre quiz tv “Telemike”, dove si presenta come concorrente e vince. Grazie proprio a questa vincita, che gli permette di mettere dei risparmi da parte, nel 1992 Chico si trasferisce a Miami, in Florida, e precisamente nel lussuoso quartiere di Williams Island. Oltreoceano, l’italiano intraprende la carriera di conduttore di programmi televisivi che parlano di sport estremo e diventa anche filmaker e produttore. Inotre, si diletta a fare il mediatore immobiliare. Anche sotto la sfera sentimentale la vita di Chico è un successo: si innamora e sposa la modella Heather Crane: la coppia metterà al mondo 3 figli.

A questo punto della storia, che sembrerebbe destinata a un “happy ending”, arriva il primo colpo di scena, che apparentemente non ha nulla a che fare con Chico… il 15 luglio 1997 in Ocean Drive, sempre a Miami, viene ucciso lo stilista italiano Gianni Versace. Nove giorni più tardi il suo assassino, Andrew Cunanan, dopo essere stato accerchiato si suicida con un colpo di pistola alla testa all’interno di una casa galleggiante a Miami Beach.

Chico Forti, tramite un suo vicino di casa, il tedesco Thomas Knott(personaggio chiave di tutta la vicenda), riesce ad acquisire i diritti della house boat e decide quindi di girare un documentario-inchiesta (dal titolo “Il sorriso della medusa”) sulla vicenda, in collaborazione con una tv francese e con Rai 3. Chico però ben presto si rende conto che qualcosa non torna nella ricostruzione del suicidio di Cunanan: forse l’uomo è stato ammazzato altrove e trasportato nella casa galleggiante già morto; forse, addirittura, Cunanan non è nemmeno l’assassino di Versace. Si tratta di insinuazioni gravi, che rischiano di mettere in cattiva luce la polizia di Miami Beach. Ma Chico ha i suoi buoni motivi per pensarla così, dal momento che ha avuto modo di visionare dei documenti riservati fornitigli dal detective Gary Schiaffo dietro ricompensa economica.

Ad un certo punto, però, ulteriori accordi con Schiaffo (che avrebbe dovuto dargli la foto del volto di Cunanan, ma viene meno al suo impegno) saltano e l’italiano e il detective si lasciano in malo modo. Il documentario comunque è finito ed è pronto per andare in onda (clicca QUI per vederlo integralmente).


Ma torniamo ora a parlare di Thomas Knott… ve lo ricordate? È il vicino di casa che aveva aiutato Chico ad acquisire i diritti per la casa galleggiante… Knott ufficialmente è un maestro di tennis, ma in realtà è un truffatore condannato a 6 anni di reclusione in Germania e scappato negli Stati Uniti nel 1996. Chico, ovviamente all’oscuro di questa doppia vita di Knott, fa amicizia e si fida del tedesco. Un giorno, addirittura, lo incontra all’interno di un negozio di articoli sportivi intento ad acquistare una pistola: Knott, giunto alla cassa, si ritrova (casualmente?) senza carta di credito e Chico, da bravo amico, gli anticipa la spesa! Un gesto che, a distanza di tempo, si dimostrerà un gravissimo errore…

Thomas Knott da molti anni organizza i suoi loschi affari con un certo Anthony Pike, un anziano australiano che vive a Ibiza. Qui, negli anni Ottanta, Pike possedeva uno degli alberghi più esclusivi, ritrovo del jet set internazionale, il Pikes hotel. L’hotel, però, negli anni è andato in rovina e nel 1997 è solo lo spettro di se stesso. Pike oramai ne possiede appena il 5% (il restante 95% è sotto il controllo di una società), inoltre l’australiano non dispone nemmeno di questa piccola parte in quanto è stato interdetto, dal momento che è malato di Aids e negli anni, pare, ha perso di lucidità.

Ma la lucidità, quando si tratta di truffe e di denaro facile, ce l’ha ancora, eccome. Nel novembre 1997 Anthony Pike va a Miami a trovare l’amico Thomas Knott e in quell’occasione conosce Chico Forti, un uomo giovane, buono, di successo, con un discreto conto in banca… insomma, il perfetto “pollo da spennare”! Così Knott e Pike, il gatto e la volpe, organizzano la truffa del secolo: vendere il Pikes hotel a Chico. L’italiano purtroppo ci casca e così, nel gennaio del 1998, firma con Pike l’accordo (Knott viene tenuto fuori dalla cosa, perché nel frattempo Chico è venuto a conoscenza della sua natura “truffaldina”).

Alcuni giorni dopo Pike contatta Chico telefonicamente: suo figlio Dale, 42 anni, dopo essere rientrato dalla Malesia (dove viveva e da dove è scappato per motivi di soldi) vorrebbe andare a Miami a conoscerlo,ma loro non hanno i soldi per comprarsi i biglietti dell’aereo. Chico si offre di pagare e così si programma l’incontro. In realtà il motivo principale per cui Dale vuole fare quel viaggio è l’attività di produttore televisivo e cinematografico di Chico: il giovane Pike, infatti, vorrebbe proporre all’italiano un film, avente per protagonista la sua fidanzata (come si evince dalle mail tra Dale e la ragazza).

Pochi giorni prima della partenza, Anthony Pike rimanda il suo viaggio e lascia che il figlio Dale voli da solo alla volta di Miami. Il 15 febbraio 1998 ad attendere Dale Pike in aeroporto c’è Chico Forti in persona (Thomas Knott si era offerto di andarci al suo posto, ma Chico aveva rifiutato), che ha promesso a Pike senior di prendersi cura del figlio. A causa del ritardo dell’aereo e di qualche difficoltà nel trovarsi, Chico e Dale si incontrano solo alle 18.30. Dale però, a quanto pare, non ha nessuna intenzione di trascorrere le giornate seguenti con Chico: gli chiede infatti di accompagnarlo al parcheggio del ristorante Rusty Pellican, a Kay Biscayne, dove ha appuntamento con degli amici di Thomas Knott (ricordiamo che Knott e Pike jr si conoscono dai tempi d’oro del Pikes hotel).

Chico, in un certo senso sollevato dal non dover “badare” a un estraneo, accetta. Tra l’altro, Chico ha anche una certa fretta perché deve andare a prendere il suocero in arrivo in un altro aeroporto. Intorno alle 19 Dale e Chico arrivano al parcheggio del Rusty Pellican e si salutano, dandosi appuntamento al 18 febbraio, quando arriverà a Miami anche il vecchio Anthony. Ad attendere il giovane Pike c’è una Lexus bianca guidata da un uomo di origine ispanica vestito elegantemente.

LA MORTE DI DALE PIKE -Il corpo di Dale Pike viene trovato da un surfista la mattina del 16 febbraio a Sewer Beach, poco lontano dal Rusty Pellican. È stato ucciso con due colpi di pistola calibro 22 e poi denudato, ma dagli effetti personali lasciati intorno al suo cadavere è possibile risalire all’identità. Chico Forti apprende la notizia solo il 18 febbraio, quando si reca all’appuntamento con Anthony Pike ma non lo trova. Il giorno successivo Chico viene convocato dal Dipartimento di Polizia come persona informata sui fatti, dal momento che vicino al corpo di Dale è stata ritrovata una scheda telefonica con la quale il pomeriggio del 15 febbraio sono state effettuate delle chiamate (tutte senza risposta) al cellulare di Chico.

L’italiano, inevitabilmente, diventa uno dei principali sospettati. Non solo: gli viene detto che anche Anthony Pike è stato ucciso e così Chico, spaventato, commette un terribile errore: mente, dicendo di non aver mai incontrato Dale Pike. Il giorno dopo, però, ritratta e racconta tutta la verità. Nel frattempo chiede anche consiglio all’ex amico Gary Schiaffo (ricordate? Il detective che gli aveva fornito i documenti riservati per il documentario “Il sorriso della medusa”, con il quale però i rapporti a un certo punto si erano rovinati), andato ormai in pensione, il quale lo rassicura del fatto che la sua posizione non è a rischio (!).

Il 20 febbraio 1998 Chico consegna alla polizia i documenti relativi alla compravendita del Pikes hotel ma, con l’occasione, viene interrogato per 14 ore e arrestato. L’accusa nei suoi confronti è quella di essere il mandante dell’omicidio di Dale Pike. Come se non bastasse, viene accusato anche di frode e circonvenzione di incapace nei confronti di Anthony Pike, che avrebbe costretto a cedergli il Pikes hotel a una cifra irrisoria. Dale, accortosi della truffa, sarebbe andato a Miami con l’intento di bloccare l’affare e per questo sarebbe stato ucciso. Peccato che i fatti, come vi abbiamo raccontato, fossero andati in maniera molto diversa e che l’unico a essere truffato fosse stato proprio Chico!

n assenza di prove, Chico Forti viene assolto dall’accusa di frode e circonvenzione di incapace. Logica vorrebbe che, venuto meno il movente, l’imputato venga assolto anche dall’altra e ben più grave accusa, quella di omicidio. I fatti, invece, prendono una piega assurda e Chico il 15 giugno del 2000 viene condannato all’ergastolo: La Corte non ha prove che Lei, signor Forti, abbia premuto materialmente il grilletto, ma ho la sensazione, al di là di ogni dubbio, che Lei sia stato l’istigatore del delitto. I suoi complici non sono stati trovati ma lo saranno un giorno e seguiranno il Suo destino. Portate quest’uomo al penitenziario di Stato. Lo condanno all’ergastolo senza condizionale!.

Non ci sono prove, solo una sensazione dietro la condanna di Chico. Una sensazione che deriva da un movente già smentito e dal fatto che la pistola calibro 22 che ha ammazzato Dale Pike, mai ritrovata, risulta di proprietà dell’italiano. Ma anche questo è falso: si tratta, infatti, della pistola che Chico tempo prima aveva pagato all’ex amico Thomas Knott, che quel giorno (tanto per cambiare) non aveva i soldi. Ma quella pistola, come testimonia anche il commesso del negozio dove è stata acquistata, l’aveva scelta e portata via con sé Knott, che di fatto ne era il proprietario.

Ecco che, ancora una volta, spunta il nome di Thomas Knott… Ma che fine ha fatto? Si tratta dell’uomo che disponeva dell’arma del delitto, si tratta dell’uomo che sapeva dell’arrivo di Dale Pike a Miami. Inotre, è con gli amici di Knott che Dale aveva detto di avere appuntamento… Ebbene, Knott mentre Chico è sotto processo viene arrestato e condannato a 15 anni di carcere per reati di truffa. Non verrà mai sentito “ufficialmente” in relazione alla vicenda Forti-Pike e poco dopo la condanna di Chico, grazie a un plea agreement (patteggiamento) verrà rimandato in Germania dove tuttora vive da uomo libero. Da notare che i contenuti di quel plea agreement sono rimasti segreti, tuttavia un compagno di cella di Knott ha dichiarato che si trattava di un accordo col procuratore Reid Rubin per incastrare Chico.

La domanda a questo punto è: perché? Cosa ha fatto questo ex campione di windsurf per meritarsi tutto questo? Sicuramente questo accanimento nei suoi confronti va oltre ogni ragionevole senso, tuttavia a ben guardare qualcosa sotto potrebbe esserci… Per capirlo bisogna tornare un po’ indietro, fino a Il sorriso della Medusa, il documentario di Forti sulla morte di Gianni Versace. Un documentario che mette in cattiva luce la polizia di Miami, insinuando che possa essere corrotta e che possa aver deviato le indagini sulla morte dello stilista. Sfortunata coincidenza vuole che il giudice Victoria Platzer, alla guida del processo che vede imputato Forti, avesse fatto parte della squadra d’indagine sul delitto Versace diretta da Gary Schiaffo. Della stessa squadra avevano fatto parte anche Catherine Carter e Confessor Gonzales, i detective che poco tempo dopo indagheranno su Chico. E Gary Schiaffo, che aveva rotto i rapporti con Forti per motivi economici, dopo essere andato in pensione era andato a lavorare come consulente al Dipartimento Criminale di Miami alle dipendenze di Reid Rubin, il prosecutor nel processo a Chico. Inutile a dirsi che le sorti dell’italiano non erano di certo in mano a persone che nutrivano per lui una grande simpatia… E infatti, racconta Chico, quando si era presentato al Dipartimento di polizia fornendo le proprie generalità gli era stato subito detto.

Da 12 anni ormai Chico Forti è rinchiuso in carcere. Sono tante le persone che credono alla sua innocenza e in questi giorni come non mai le loro voci iniziano a farsi sentire, grazie anche all’appoggio di personaggi famosi. Ricordiamo fra tutti Fiorello, Red Ronnie e soprattutto Roberta Bruzzone. Quest’ultima, che ha anche avuto modo di incontrare due volte Chico in carcere, ha presentato un report molto dettagliato su tutta la vicenda, nel quale sono contenute le prove dell’innocenza di Chico: la palla ora passa al nostro Ministro degli Esteri, la persona che più di tutti può intercedere affinché ci sia una revisione del processo.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

claudio giusti 30/03/2014 - Ore 17:01

vedo che le frottole chicchiane continuano nonostante l'arrivo (infine) di un legale americano.

gn 30/03/2014 - Ore 17:07

sig. Giusti..ci spieghi meglio...

Redazione 31/03/2014 - Ore 10:51

Sig. Giusti, i commenti che lei ha postato, non sono pubblicabile..c'è ne scusiamo..ma lei affronta temi sensibili e molto delicati..passibili di querela, visto i toni che lei ha usato. ...il nostro è un portale di informazione, dedicato al mondo del calcio, e nello specifico della Roma.. ci mandi una mail: insideromanews@gmail.com e sarà nostra premura di approfondire i temi che lei ci ha indicato.

chiudi popup Damicom