Il bostoniano

L'importanza di questi due giorni romani di James Pallotta

condividi su facebook condividi su twitter 16-06-2015

| | Commenti →
L'importanza di questi due giorni romani di James Pallotta

Molto positiva e di forte impatto mediatico la due giorni del presidente della Roma James Pallotta a Roma. Dopo un’assenza di oltre 100 giorni dalla capitale, il maggiore azionista di AS Roma, in sole 48 ore è riuscito a ricompattare l’ambiente intorno alla squadra, con poche mosse ed altrettante apparizioni pubbliche, quella di ieri al “salone delle fontane” dove ha presentato il progetto relativo al nuovo stadio della Roma e la conferenza stampa di questa mattina. Il presidente non si è limitato ad appuntamenti con i media, ma ha sostanzialmente incontrato tutti i vari dipartimenti del management romanista. Tra i meeting più importanti anche quello con l’allenatore Rudi Garcia; un incontro formale, un “caffè” dove Pallotta ha ribadito al tecnico di Nemours tutta la sua fiducia e quella della società che rappresenta.

In questi 2 giorni scarsi, il presidente è riuscito a spostare il “focus” direttamente sulla sua persona, dimostrando un grande salto di qualità non solo sulle parole rilasciate negli eventi pubblici, ma finalmente e forse per la prima volta, l’imprenditore di Boston, ha pubblicamente fatto ammenda di alcune situazioni scivolose della sua gestione che a luglio toccherà i 3 anni; per esempio Pallotta ha raccontato di come fosse sbagliata la strategia commerciale di cercare uno sponsor di maglia legandolo a quello dei “naming rights” dello stadio, operazione che spesso anche gli addetti ai lavori avevano interpretato come molto rischiosa; l’ammissione di aver sbagliato (ovviamente non solo lui, ma anche i manager di quello specifico settore) è il sintomo di come anche il patron giallorosso abbia capito che ammettere una colpa non è un reato. Anche la tiratina d'orecchie alla Nike ci è sembrato un messaggio di forza della proprietà, per nulla intimorita dalla pesantezza del loro partner. Certamente da Beaverton non saranno felici delle parole di Pallotta: "L'accordo con loro‎ ci garantirà notevoli incassi nel corso del tempo. Non siamo contentissimi della loro produzione, fondamentalmente devono darsi una mossa perché abbiamo una grossa domanda a livello mondiale e sta a loro aumentare la distribuzione, producono bellissimi kit ma ora bisogna venderli" resta il fatto che il messaggio gli sarà arrivato forte e chiaro, aldilà del rapporto privilegiato che ha la Roma con il colosso Usa, essendo la Nike non un fornitore ma un vero e proprio partner commerciale.

Pallotta si è comportato da presidente vero, in linea con quanto fanno i suoi colleghi qui in Italia, bastone e carota anche nelle dichiarazioni su Garcia: “E’ al 100% alla guida della squadra e vorrei che avesse con noi una carriera alla Ferguson. Ma dicendo che siamo lontani dalla Juve ha sbagliato”. Il nuovo Pallotta 2.0 non si è dimenticato (anche se sollecitato in conferenza stampa da un cronista) del suo capitano: "Totti è un giocatore eccezionale, qualcosa di fondamentale per la Roma. Avrà un ruolo in questa squadra, in questa società e potrà farlo fin quando vorrà: da contratto sarebbe l'ultima stagione, ma qualsiasi decisione sarà presa da entrambe le parti. Finché giocherà sarà un arma in più per la squadra. A fine carriera vorremmo ricoprisse un ruolo importante, e sono certo che farà parte della Roma a vita”.

Il dispiacere è di vedere sempre così poco il presidente presente a Roma, spesso abbiamo scritto della questione e fummo molto criticati quando, in home page del nostro portale, avevamo segnalato con una grafica specifica, i giorni d’assenza del presidente dalla capitale. Ovviamente la nostra era una provocazione figlia del malcontento di quei giorni nei quali a Roma si respirava un’aria non positiva; adesso possiamo dire che i due giorni sotto l’ombra del cupolone dell’uomo di Boston, hanno spazzato via quel velo di malinconia,  ridando certezze ed entusiasmo a tutta la piazza, in attesa dei colpi di mercato di Walter Sabatini, l’unico assente (giustificato !!) in questi due giorni di presenza a Roma di Pallotta

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom