Inside the match

Real Madrid-Roma - Precedenti, statistiche e curiosità

condividi su facebook condividi su twitter 07-03-2016

| | Commenti →
Real Madrid-Roma - Precedenti, statistiche e curiosità

Ritorno degli ottavi di Champions League per la Roma, che domani sera sarà impegnata sul campo del Real Madrid.
I giallorossi di Spalletti hanno vinto con un roboante 4-1 in campionato contro la Fiorentina, sottolineando l’ottimo periodo di forma che li contraddistingue. Adesso sono sette le vittorie consecutive in Serie A, con il terzo posto raggiunto ed un occhio ai primi posti della classifica. Ma domani sarà una partita completamente diversa, dove chi scenderà in campo dovrà ribaltare lo 0-2 dell’andata e provare a fare l’impresa. Contro i madrileni non è stato convocato Rudiger, che è rimasto a casa con l’infortunato De Rossi e i non presenti in lista Champions Gyomber e Strootman. Con l squadra a Madrid ma in dubbio per domani sera Nainggolan, che non ha preso parte alla partitella durante l’allenamento di rifinitura.
Ottima vittoria in campionato anche per il Real Madrid, che ha surclassato per 7-1 il Celta Vigo, con il poker di Cristiano Ronaldo ed il ritorno al gol di Bale; che potrebbe giocare anche domani contro la Roma. Rientrato anche Pepe, che in conferenza stampa ha detto di stare bene e che sarà Zidane a decidere se mandarlo in campo o no. Sarà sicuramente assente Benzema, infortunato e non convocato per domani; con Arbeloa in dubbio.

I PRECEDENTI – Al Santiago Bernabeu sono quattro i precedenti tra Real Madrid e Roma, con i capitolini che hanno espugnato il fortino madrileno già due volte. La prima nel 2002, durante la fase a gruppi con l’1-0 firmato da Totti. Altra vittoria, stavolta per 2-1, nel 2007, quando Vucinic al 90’ riportò davanti i suoi dopo il pareggio di Raul al gol di Taddei. Una vittoria che sommata a quell’andata (sempre per 2-1) consentì alla Roma di passare il turno ed approdare ai quarti di finale. Solo uno il pareggio, 1-1 (Totti e Figo) alla prima dei giallorossi al Bernabeu durante una fase a gruppi della Champions League. Uno il successo dei Blancos davanti al proprio pubblico, con quattro reti firmate dalla doppietta di Raul, Figo e Roberto Carlos; che resero vane le reti di De Rossi e Cassano fissando sul 4-2 il risultato finale.

LE STATISTICHE – In casa del Real Madrid la Roma ha perso solo una volta, uscendo due volte dalla tana dei Blancos con il successo in tasca. Ma domani sera sarà una partita a se, con un 2-0 da recuperare contro la squadra che ha vinto già 10 volte la Champions League. Inoltre nel Real Madrid gioca un calciatore stratosferico, cannoniere della Liga e della stessa Champions , quel Cristiano Ronaldo che condivide con Messi il trono di miglior giocatore in attività. La Roma, che ha concluso da seconda il proprio girone, vuole tentare l’impresa sfruttando l’ottimo momento mentale di squadra ed atletico dei suoi finalizzatori. Il 2-0 dell’andata è un risultato difficile da recuperare ma allo stesso tempo non impossibile, con la storia calcistica che già in passato ci ha fatto assistere a rimonte che sulla carta erano impensabili  (ricordiamo nel 2007 la doppia sfida Milan- Deportivo La Coruña, terminata 4-1 a San Siro e 4-0 al Riazor, con gli spagnoli che passarono il turno nonostante il grande risultato a sfavore dell’andata).

Una partita difficile ma non impossibile, con Spalletti che è fiducioso considerando i Real Madrid battibile come qualsiasi altra squadra. In conferenza stampa il tecnico di Certaldo ha lasciato intendere di voler attaccare e provare a segnare subito un gol, che potrebbe far girare il senso della gara in proprio favore. Ma bisognerà anche difendersi per evitare che il Real segni, chiudendo definitivamente la gara.

Fonte: a cura di Federico Falvo

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom