Inside the match

Roma-Fiorentina - Precedenti, statistiche e curiosità

condividi su facebook condividi su twitter 03-03-2016

| | Commenti →
Roma-Fiorentina - Precedenti, statistiche e curiosità

Anticipo del venerdì per la Roma, che ospiterà la Fiorentina in un match delicato ai fini di conquistare il terzo posto in campionato. Uno scontro diretto che per i giallorossi equivarrà ad una vera e propria prova del nove. Infatti i ragazzi di Spalletti dovranno dimostrare contro i viola come le sei vittorie consecutive in campionato siano frutti di una presa maggiore di consapevolezza nei propri mezzi ed una nuova mentalità e non solo una casualità. Di sicuro il match contro la Fiorentina non sarà un impegno facile, soprattutto dopo che i viola hanno fermato il Napoli sul pareggio nell’ultima sfida di campionato.
La Roma domani sera vorrà sicuramente sfruttare il fattore interno, che nonostante lo sciopero della Curva per via delle barriere è su alti livelli. Infatti all’Olimpico i giallorossi hanno perso solo una volta, collezionando 9 successi e tre pareggi. Un ottimo rendimento quello dei giallorossi, che domani vorranno portare il numero delle vittorie in casa sulla doppia cifra. Ma Spalletti non sottovaluta la Fiorentina, ammettendo come i viola abbiamo creato una solidità di squadra tale da non aver timore di nessuno e di ambire a grandi traguardi. Dunque bisogna evitare di sottovalutare l’avversario ed avere fiducia dei propri giocatori e compagni di squadra per essere più bravi del solito e vincere la settima partita di fila. Contro i viola saranno sicuramente assenti De Rossi e Gyomber, con Iago Falque che è stato colpito da un attacco influenzale ma ha comunque sostenuto un lavoro differenziato in vista di una possibile convocazione. Rientrati in gruppo e disponibili per domani Nainggolan e Pjanic.
La Fiorentina , come la Roma, sente la pressione che deriva da questa sfida importante ai fini della classifica e del finale di campionato. Ma Paulo Sousa non ha timore della squadra di Spalletti, la rispetta ma vorrà giocarsi le sue carte per provare a vincere. Le sei vittorie in trasferta conquistate finora in tredici gare lontane dal Franchi fanno ben sperare Sousa, anche se dovrà fare a meno dello squalificato Zarate e dell’infortunato Benalouane.

I PRECEDENTI – All’Olimpico Roma e Fiorentina si sono affrontate in 77 partite, con i giallorossi che hanno vinto 36 incontri. La scorsa stagione al match d’esordio del campionato i giallorossi vinsero per 2-0 grazie alle reti di Nainggolan e Gervinho, che portarono a tre i successi consecutivi casalinghi contro i viola. I pareggi totali sono stati 27, anche se questo risultato manca all’Olimpico dall’1-1 (firmato Tommasi e Toni) di stagione 2005/2006. Solo 14 i successi della Fiorentina, che non vincono all’Olimpico dalla stagione 2011/2012; quando al 90’ Lazzari decise la sfida dopo le reti di Jovetic e Totti (finì 2-1 per gli ospiti).

LE STATISTICHE – Roma e Fiorentina hanno gli stessi punti in campionato, anche se per scontri diretti i capitolini sono favoriti grazie al 2-1 dell’andata. La Roma ha vinto una partita in meno rispetto alla Fiorentina, ma ha più pareggi e meno sconfitte; nonostante la difesa viola (la terza migliore del campionato) sia migliore di quella giallorossa grazie ad una rete in meno subita. In attacco la Roma è più prolifica degli avversari, grazie ai 55 gol segnati (miglior attacco del campionato)contro i 48 dei viola. Domani sera la partita si deciderà a centrocampo, con entrambe le squadre che dispongono di ottimi giocatori di manovra e dotati di grande tecnica. Ma la vera sfida sarà in attacco tra Salah e Pjanic (9 gol a testa) contro Kalinic e Ilicic (11 e 10 gol finora).

Insomma, domani sera ci sono tuti i presupposti per poter assistere ad un match molto combattuto ed allo stesso tempo tecnico e manovrato. Entrambe le squadre si daranno battaglia per avere la meglio al termine dei novanta minuti, provando a non scoprire troppo il fianco e colpire al primo spiraglio che si creerà tra le linee avversarie. Martedì prossimo la Roma sarà attesa dalla difficile sfida di Champions League contro il Real Madrid e ciò potrebbe in parte influire sui giocatori della Roma sia dal punto di vista fisico che mentale. Ma Spalletti è stato chiaro: “In questa partita bisognerà essere più bravi di sempre. Le partite vanno giocate”.

Fonte: a cura di Federico Falvo

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom