Inside the match

Roma-Torino - Precedenti, statistiche e curiosità

condividi su facebook condividi su twitter 19-04-2016

| | Commenti →
Roma-Torino - Precedenti, statistiche e curiosità

Turno infrasettimanale per la 34° giornata di campionato, con la Roma che ospiterà all’Olimpico il Torino.
In casa giallorossa l’attenzione di tifosi e media è tutta focalizzata sul litigio scoppiato tra Spalletti e Totti al termine di Atalanta-Roma. I due, nonostante la “pace armata”, continuano a lanciarsi frecciatina, con l’ambiente che ovviamente ne risente. Infatti i capitolini arrivano a questa sfida da due pareggi consecutivi, incapaci di sfruttare lo scivolone esterno del Napoli contro l’Inter che si avvicina a meno quattro punti dal terzo posto. Contro il Torino sarà d’obbligo ritrovare i tre punti, per mantenere la terza posizione in classifica ed arrivare allo scontro contro i partenopei con il morale alto. Per domani sera sarà sicuramente assente Gyomber, ancora infortunato. Dubbi su Digne e Pjanic (problema agli adduttori), che ieri si sono allenati a parte ma che dovrebbero rientrare in gruppo  già oggi. Problemi fisici per Iago Falque, che lo hanno costretto a saltare la trasferta di Bergamo e non sono ancora rientrati del tutto.
In casa Torino mister Ventura vuole continuare a cavalcare l’onda e fare bottino pieno anche all’Olimpico. Ma la lista di infortunati è lunga, con le due punte Maxi Lopez ed Immobile che non sono stati convocati. L’argentino, che soffre di una tonsillite febbrile, è stato ricoverato in clinica; mentre Immobile ha avuto una ricaduta per il problema al bicipite femorale. In attacco, dunque, spazio al duo Belotti-Martinez, con due primavera portati in panchina. Assenti anche Avelar, Benassi e Acquah.

I PRECEDENTI – All’Olimpico finora si sono registrati 72 precedenti fra giallorossi e granata. La Roma ha vinto 45 confronti davanti al proprio pubblico, gli ultimi cinque consecutivi. La scorsa stagione i capitolini si imposero con un tondo 3-0 a firma Torosidis, Keita e Ljajic. Solo 14 i successi esterni del Torino, che non espugna l’Olimpico dallo 0-1 di stagione 2006/2007 firmato da Muzzi. Fermo a 13 il conto dei pareggi, che non si verificano dalla stagione 1994/1995, quando le reti di Fonseca (Roma) e Rizzitelli (Torino) bloccarono il risultato sull’1-1.
Contro Ventura la Roma vi ha giocato 14 volte, perdendo solo una volta durante la stagione 1998/1999, quanto il tecnico sedeva sulla panchina del Cagliari (la partita finì 4-3 per i sardi). Da quando Ventura allena il Torino non ha mai vinto contro la Roma, perdendo in quattro occasioni e pareggiandone tre. In totale la Roma ha vinto 9 volte contro le squadre di Ventura, pareggiando in 4 occasioni.

LE STATISTICHE – La Roma è terza in classifica con 65 punti, a meno cinque dal Napoli secondo e più quattro sull’Inter. Con 70 gol messi a segno la Roma ha il miglior attacco del campionato, guidato da Salah mattatore giallorosso con 12 reti (seguito da Pjanic con 9). I 36 gol subiti, invece, fanno della difesa giallorossa la quinta del campionato, causa anche le tre reti subite a Bergamo; ma la squadra giallorossa rimane comunque la meno battuto della Serie A (quattro sconfitte). In campionato la Roma è in serie positiva da 12 partite, anche se nelle ultime due sono arrivati altrettanti pareggi ed ha vinto solo una volta nelle ultime quattro partite (tre pareggi). Davanti i propri tifosi i capitolini hanno perso solo una volta, raccogliendo 10 vittorie e 5 pareggi.
Il Torino, invece, ha una posizione di classifica tranquilla con 42 punti. I granata hanno perso 13 volte in stagione, anche se arrivano alla sfida contro la Roma dopo tre vittorie consecutive. In trasferta i granata non hanno uno score alto, con 8 sconfitte e solo 3 vittorie (5 pareggi); ma nelle ultime cinque partite giocate fuori casa sono arrivate tre vittorie. In fase offensiva, viste anche le assenze di Immobile e Maxi Lopez, sta prendendo largo Belotti; che con 10 reti è il miglior marcatore granata.

Domani sera non sarà affatto una gara facile per la Roma, che oltre ai due pareggi consecutivi sta vivendo un nuovo caso Totti; questa volta coinvolto in una lite verbale con il tecnico Spalletti. Anche se i due protagonisti della vicenda cercano di glissare sull’argomento l’ambiente ne potrebbe risentire; ed allo stato attuale della classifica serve la massima concentrazione sul solo campo per vincere contro i granata ed arrivare alla sfida contro il Napoli con il distacco per lo meno invariato. Ma ovviamente Ventura ed i suoi non affronteranno la Roma con leggerezza, senza dare peso alle assenze e provando a mettere in tasca il quarto risultato utile consecutivo. 

Fonte: a cura di Federico Falvo

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom