Pillole di saggezza

I giocatori della Roma, non hanno capito l'importanza della posta in palio...

condividi su facebook condividi su twitter 10-05-2015

| | Commenti →
I giocatori della Roma, non hanno capito l'importanza della posta in palio...

(Editoriale) - Perdere una partita del genere ha dell’incredibile; questa volta niente scuse: match perso dopo i primi 15 minuti di gioco, che hanno coinciso con l’uscita dal campo di Gervinho. Squadra svogliata, scelte tattiche sbagliate da parte del tecnico, giocatori che, in primo luogo, non si sono resi partecipi e reattivi ma soprattutto non hanno capito che vincere (o al massimo pareggiare) nella sfida di oggi a San Siro contro il Milan peggiore degli ultimi 30 anni, poteva valere tantissimo per il futuro prossimo della società giallorossa. Purtroppo il calcio moderno viaggia su due rette parallele, una meramente sportiva, l’altra puramente economica: per questo motivo il raggiungimento dell’obbiettivo minimo dell’ingresso diretto alla Champions League è si indispensabile per le casse della società, ma anche fondamentale per programmare con calma la prossima stagione, quella che per forza di cose dovrà essere il campionato del rilancio delle ambizioni romaniste.

Se i giocatori non vogliono, o forse non riescono, a capire l’importanza di questo passaggio fondamentale, allora è sicuro che non sono in grado di giocare con quella pressione che da sempre accompagna i club di primo piano. Quanto visto a San Siro ha dimostrato ampliamente che i giocatori della rosa della Roma non hanno questa virtù. La società dovrà fermarsi a ragionare proprio su questo aspetto, troppi giocatori visti in questi 10 mesi di attività agonistica sembrano troppo distanti da quel format per il quale la società ha investito molti milioni di euro.  

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom