Pillole di saggezza

Quando i giornali sono poco attenti ai “fake”

condividi su facebook condividi su twitter 02-02-2016

| | Commenti →
Quando i giornali sono poco attenti ai “fake”

La burla ai tempi dei social network si chiama “fake”. Probabilmente, alcuni giornalisti distratti non se ne sono accorti in tempo per inviare i loro “pezzi” alle redazioni, tant'è che 3 giornali nazionali dal nome prestigioso come la Gazzetta dello Sport, il Messaggero ed il Corriere della Sera, sono andati in stampa riportando, nei loro articoli di oggi, il fake dei presunti biglietti con sopra la falsa formazione. Ricordiamo la storia: ieri in conferenza stampa pre-match, Luciano Spalletti aveva raccontato di aver distribuito ai propri giocatori dei fogli bianchi per farsi “suggerire” la formazione dagli stessi. Un gioco simpatico, da una parte ludico, dall’altra un vero e proprio esperimento “sociologico” per testare la reazione dei giocatori che tutti i giorni il tecnico di Certaldo allena.

Nel primissimo pomeriggio un (finto) account twitter, #saveAFCBournemouth, ha pensato bene di postare alcune immagini con dei fogli che riportavano due formazioni della Roma, facendo passare il messaggio che le stesse erano originali ed autenticate. Insomma una bufala enorme, facile da intuire se non altro per il  fatto che quell’account non aveva una grande storia. I social network hanno fatto il resto, con le immagini delle finte formazioni che, a macchia d’olio, si sono diffuse in rete.  Immagini che sono arrivate un pò a tutte le redazioni ma cestinate da quelle che ogni giorno hanno a che fare con tantissime informazioni digitali ma fasulle. Evidentemente, le redazioni di quei prestigiosi quotidiani, nonostante l’epoca sia quella dei social e delle digital news, hanno pensato bene di rincorrere una notizia senza andare alla fonte, che poi nel web non esiste quasi mai. Basterebbe partire da un principio basilare: dovrebbero essere i giornalisti a fornire news agli utenti social e non l’inverso.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom