Romaeconomy

I Giudici dell'antitrust Europeo "tengono d'occhio" il calcio Spagnolo ed altri clubs europei

condividi su facebook condividi su twitter 26-02-2014

| | Commenti →
I Giudici dell'antitrust Europeo

Oggi vorrei introdurre un'interessante analisi di politica economica europea applicata al calcio, che riguarda tutti i principali club europei, AS ROMA inclusa. E' un testo impegnativo, ma svela elementi non noti al tifoso comune, che già non ha ben chiaro cosa comporterà effettivamente il fair-play finanziario dell'UEFA. Buona lettura.

Il calcio è sacro in Europa, dove le squadre più popolari attirano 70.000 e più spettatori per ogni partita e dove il Real Madrid e il Barcellona sono al top della Football Money League di Deloitte, con ricavi per la stagione 2012-13 di € 518.900.000 e 482.600.000 €, rispettivamente. 

Lo sport è così radicato nella cultura, che anche in tempi di crisi le autorità locali offrono vantaggi alle squadre locali; da denaro pubblico per costruire nuovi stadi e ristrutturare quelli vecchi a garanzie per prestiti statali e aliquote scontate. Pur essendo i club più ricchi nel mondo del calcio, Madrid e Barcellona beneficiano dello stesso trattamento preferenziale, ma non sono esenti dalle leggi antitrust europee.

In Europa, ogni sostegno del governo che dà una società un vantaggio sleale rispetto ai concorrenti, può essere considerato un aiuto di stato illegale ai sensi del diritto comunitario sulla concorrenza . Se la Commissione Europea ritiene che sia il caso, le squadre devono rimborsare i soldi. Nel mese di dicembre la CE ha lanciato una verifica sugli aiuti di stato a sette squadre in Spagna tra cui Real Madrid e Barcellona.
Le verifiche arrivano proprio quando l'UEFA si trova sotto tiro per le nuove norme che richiedono ai club di vivere con i propri mezzi . Entrambi gli sviluppi stanno innescando un dibattito tra esperti legali circa l'intera proprietà e finanziamento della struttura del calcio europeo e se è il momento di cambiare le regole del business .

"Abbiamo visto un certo numero di casi che mettono in discussione il modo di fare business", ha detto il legale londinese Trevor Watkins , capo dello sport a Pinsent Masons LLP, che ha guidato il salvataggio della squadra inglese di seconda divisione AFC Bournemouth alla fine del 1990 . "Per anni , c'è stato un braccio di ferro tra lo sport e la Commissione europea, per gli aiuti di stato e altri settori, che è destinata a continuare. "

Per il Commissario alla concorrenza della CE Joaquín Almunia , che non ha paura di scontrarsi con i colossi aziendali come Google Inc. e OAO Gazprom Neft, interessarsi del calcio spagnolo potrebbe essere uno delle sue più grandi sfide personali . Ha aspettato quattro anni prima di dare credito ad una denuncia da parte degli investitori di diversi club europei , portando ad una denuncia per conflitto di interessi contro il Mediatore europeo Emily O'Reilly, zar della concorrenza dell'Unione europea, che indaga sulle denunce di cattiva amministrazione nelle istituzioni e agenzie dell'UE. Il suo ufficio ha sostenuto che Almunia ha perso tempo a causa dei suoi forti legami con la squadra della sua città natale, l'Athletic Club Bilbao - e perché era un ministro del governo spagnolo che ha deciso i vantaggi fiscali in questione. Un giorno dopo aver fatto le accuse , che Almunia ha negato , O'Reilly lo ha lodato per aver finalmente proceduto all'apertura di un'inchiesta.
OSSERVATORI ANTITRUST stanno ora esaminando se Real Madrid, FC Barcelona, AC Bilbao e José Manuel García- Margallo hanno ingiustamente beneficiato di una aliquota dell'imposta sulle società scontata per società sportive a responsabilità limitata , e milioni di euro in garanzie sui prestiti preferenziali finanziati dallo stato per tre squadre della regione di Valencia.

I funzionari stanno anche analizzando un "molto vantaggioso " scambio di proprietà che ha visto il Real Madrid cedere i terreni al Comune di Madrid a un prezzo gonfiato di 22.700.000 € invece di una precedente presunta stima di € 595.000 . Anche se non c'è alcuna indagine sul nuovo stadio AC Bilbao San Mamés, soprannominato La Catedral,  Almunia ha detto che se sono stati coinvolti degli aiuti di stato, "vorremmo investigare, nonostante il fatto che io sostenga il calcio e la squadra di Bilbao ".

Il ministro degli esteri spagnolo, José Manuel García- Margallo, nega ogni accusa. "Il governo lotta per difendere i club spagnoli, perché sono anche parte del marchio spagnolo", ha detto in dicembre.
L'apertura delle verifiche della CE ha coinciso con l'approvazione di circa € 1.052.000.000 in finanziamenti pubblici francesi per la costruzione e ristrutturazione di nove stadi da Parigi a Marsiglia per il Campionato Europeo UEFA nel mese di luglio 2016.
Nei casi spagnoli, una decisione negativa da parte della CE sarebbe più dolorosa per i club più piccoli rispetto al Real Madrid e Barcellona, ma c'è anche il rischio che , a lungo termine , i club più ricchi di tutto il mondo potrebbero perdere il loro status privilegiato di organizzazioni di proprietà degli abbonati, che ha permesso loro di dominare lo sport e permettersi giocatori come Gareth Bale , l'ala gallese del Real Madrid acquistata lo scorso anno per una cifra record di più di 100.000.000€, o del brasiliano Neymar , che ha firmato un contratto triennale con il Barcellona la scorsa estate per € 57.000.000.

"Non si mette bene per il calcio spagnolo", ha detto Stefaan Van den Bogaert , professore che dirige lo Europa Institute di Leiden nei Paesi Bassi. Ha detto che crede che mentre il property swap del Real Madrid potrebbe essere difficile da dimostrare, i piccoli club di secondo livello sotto il microscopio CE affronteranno un bel problema . "Il Barcellona avrà sempre un supporto finanziario maggiore di un piccolo club in Belgio , quindi è del tutto irrealistico pensare che ci sarà mai un livellamento del piano di gioco ", ha detto . "Questo non significa che i piccoli club dovrebbero fare affidamento su questo denaro pubblico, perché non appena il denaro pubblico entra in gioco , vi è il rischio di aiuti di stato . "

Le lagnanze della CE non sono limitate alla Spagna . La Commissione ha ancora una indagine in profondità , inaugurata lo scorso marzo , su finanziamenti pubblici per cinque club professionistici olandesi  , tra cui il PSV Eindhoven. Almunia ha anche inviato una lettera a tutti i governi dell'UE a ottobre 2012 chiedendo informazioni sugli aiuti di stato per il calcio professionistico, alimentando le aspettative di più indagini future.

Almunia sostiene pubblicamente le nuove regole dell'UEFA per il Financial Fair Play, che cercano di imporre una maggiore disciplina finanziaria alle squadre professionistiche . Più tardi in questa stagione , i club che avranno provato a violare le cosiddette regole di pareggio verranno sanzionate o addirittura subiranno lo sfratto dalle competizioni UEFA se i loro proprietari non potranno o non vorrano coprire le loro perdite .

" La CE non vuole essere l'organizzazione che chiude i club di calcio, così in qualche modo Almunia spera che la UEFA risolva davvero il suo problema degli aiuti di stato", ha dichiarato Stefan Szymanski, Professore di Management dello Sport presso l'Università del Michigan .
La regola del UEFA break-even si rivolge ai ricchi benefattori soprattutto stranieri, come il miliardario russo Roman Abramovich , proprietario del Chelsea Football Club in Inghilterra , e sostenuta dal governo del Qatar Sports Investments , che ha spinto i campioni in carica francesi del Paris Saint - Germain al quinto posto in Money League di Deloitte appena tre anni dopo aver acquisito una partecipazione di controllo.
In Europa , oltre un terzo delle squadre della Deloitte Football Money League hanno un proprietario o la sede della controllante al di fuori dell'Europa. Essi comprendono Malcolm Glazer Manchester United, il Liverpool FC venduto al proprietario dei Boston Red Sox John Henry nel 2010; l'Inter presa dall'imprenditore indonesiano Erick Thohir nell'ottobre 2013 e l'AS Roma di proprietà di un gruppo di imprenditori americani guidati da James Pallotta, che è anche azionista dei Boston Celtics e Top manager della Raptor Group LLC.

Oggi, tutte le squadre hanno la libertà di guardarsi intorno in cerca di atleti grazie al punto di riferimento della sentenza dell'alta corte dell'UE del 1995  che ha aperto il mercato dei trasferimenti.
Il caso trae origine da una sfida legale intentata dall'avvocato belga Jean - Louis Dupont , a nome del calciatore belga Jean - Marc Bosman .
Quasi due decenni dopo Bosman, Dupont ha presentato una azione legale a Bruxelles contro il pareggio della UEFA , che potrebbe significare ulteriori problemi per Almunia. Dupont afferma che la regola costituisce una restrizione della concorrenza e dovrebbe pertanto essere dichiarata nulla dalla Commissione Europea .
"Non sarebbe come congelare il mercato dei trasferimenti, ma sarebbe sicuramente come congelare la struttura del mercato ", ha detto Dupont . " In qualsiasi altra attività sulla terra, non puoi impedire alle imprese di decidere come investire i loro soldi. Nel calcio, la possibilità di spendere troppo per un po ' è l'unico modo che i club minori hanno per costruire i loro club". Ha detto che uun'udienza non è prevista prima di un anno da oggi, con una decisione che uscirà due mesi dopo.

Almunia sembra avere una strategia di ricerca di una soluzione amichevole. Uno fonte osserva che in una recente lettera relativa al caso, Almunia stava " praticamente implorando " le autorità olandesi per fornire alla CE le ragioni per approvare l'aiuto ai cinque club sotto la lente di ingrandimento .

Per i casi spagnoli ci vorrà un po 'di più e probabilmente verranno portati a soluzione dopo il termine del mandato di questa Commissione che finisce a ottobre. Ciò significa che chi sostituirà Almunia o sarà in grado di rivendicare la vittoria come salvatore del calcio o affronterà dei tifosi arrabbiati in tutto il mondo per aver detronizzare , o almeno scosso, il Re Calcio.

LEGGI L'ARTICOLO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom