Romaeconomy

Semestrale AS Roma le plusvalenze limitano il passivo

condividi su facebook condividi su twitter 02-03-2014

| | Commenti →
Semestrale AS Roma le plusvalenze limitano il passivo

(SPORT BUSINESS MANAGEMENT) Il CdA della AS Roma ha approvato la Relazione Finanziaria Semestrale al 31 dicembre 2013 e convocato l’Assemblea degli Azionisti per discutere e deliberare in merito all’approvazione di un aumento di capitale sociale scindibile a pagamento per un ammontare massimo di Euro 100 milioni, previo annullamento del precedente aumento di capitale sociale deliberato dall'Assemblea Straordinaria della Società in data 30 gennaio 2012.
La semestrale si è chiusa con un risultato economico consolidato negativo per 3,3 milioni di euro. Allo stesso periodo dello scorso anno la perdita era di 26,1 milioni di euro. Il risultato conseguito riflette gli esiti positivi delle operazioni di mercato realizzate nell’ambito della sessione estiva della campagna trasferimenti, che hanno generato plusvalenze per complessivi 49,8 milioni di euro. Il Margine operativo lordo Consolidato (Ebitda), positivo per 18,1 milioni di euro (negativo per 8,2 milioni di euro, al 31 dicembre 2012), tiene conto dei risultati della gestione operativa dei calciatori, sopra evidenziati.

I Ricavi operativi consolidati sono stati pari a 57,5 milioni di euro, in linea con i dati del 2012, seppur con alcune differenze nelle singole voci di ricavo. Per ciò che riguarda i ricavi da gare, il maggiore fatturato complessivo è stato ottenuto aumentando notevolmente la vendita dei biglietti delle singole partite, che ha più che compensato la flessione del numero di abbonamenti venduti. Positivi anche i risultati derivanti dalle attività commerciali, promosse dalla controllata Soccer SAS, e relativi alla commercializzazione di prodotti a marchio A.S. Roma (merchandising), sponsorizzazioni sportive, e vendita dei pacchetti “Premium Seats” dello Stadio Olimpico.

I costi operativi consolidati sono cresciuti rispetto al 2012, in virtù degli investimenti in diritti pluriennali effettuati dalla società. Le operazioni di mercato, effettuate al fine di migliorare la qualità e la competitività della prima squadra, oltre che accrescere il valore dei diritti stessi, hanno comportato una crescita degli emolumenti riconosciuti al personale tesserato. Maggiori costi sono stati sostenuti anche per la strategia di sviluppo del brand A.S. Roma presso tutti i partner della società, che hanno determinato altresì la creazione, lo sviluppo e l’implementazione di nuove partnership commerciali.

La Gestione operativa del parco calciatori ha comportato nel semestre il conseguimento di un risultato netto positivo pari a 34,1 milioni di euro (4,9 milioni di euro, al 31 dicembre 2012), in significativa crescita rispetto al semestre 2012, per gli esiti delle operazioni di mercato realizzate nell’ambito della sessione estiva della campagna trasferimenti. In particolare, si compone di:
- plusvalenze da cessioni di diritti alle prestazioni sportive, per 49,8 milioni di euro (12,9 milioni di euro, al 31 dicembre 2012);
- oneri per minusvalenze, pari a 1,8 milioni di euro, relative ad operazioni definite nel mese di gennaio 2014, e contabilizzate in anticipo sulla base dei Principi IAS/IFRS; oneri per acquisizioni temporanee di diritti, per 0,14 milioni di euro (6 milioni di euro, al 30 giugno 2013); e premi di valorizzazione, addestramento tecnico e solidarietà FIFA, al netto dei relativi ricavi, pari a 2,5 milioni di euro.

Inoltre, nell’ambito dei contratti di compravendita di diritti definiti nella sessione di mercato estiva, sono stati riconosciuti bonus a società di calcio ed intermediari sportivi, per 4,3 milioni di euro, previsti nei rispettivi contratti sottoscritti al momento dell’acquisizione dei relativi calciatori, e commissioni ad intermediari sportivi, per 6,9 milioni di euro, per attività svolte per conto della società nell’ambito delle operazioni di trasferimento dei diritti.

La Gestione finanziaria consolidata del semestre ha generato oneri netti per 2,35 milioni di euro (1,1 milioni di euro, al 31 dicembre 2012), di cui: (i) 0,15 milioni di euro, per proventi finanziari derivanti dalla risoluzione anticipata in favore di A.S. Roma dei diritti di partecipazione di calciatori (1,7 milioni di euro, al 31 dicembre 2012), e (ii) 2,5 milioni di euro, per commissioni ed interessi passivi, derivanti principalmente dalle operazioni di finanziamento e di garanzia poste in essere per far fronte ai fabbisogni aziendali (2,8 milioni di euro, al 31 dicembre 2012).
Il Patrimonio netto consolidato al 31 dicembre 2013 è negativo per 65,8 milioni di euro, in miglioramento di 0,1 milioni di euro, per (i) il Risultato economico dell’esercizio, negativo per 3,3 milioni di euro, tenuto conto del (ii) Versamento in conto futuro aumento di capitale, effettuato da Neep Roma Holding S.p.A. nel mese di luglio 2013, per 3,45 milioni di euro, a completamento dei pagamenti già eseguiti nell’esercizio 2012/2013, a valere sulla seconda e terza tranche, per come deliberato dall’Assemblea degli Azionisti del 30 gennaio 2012.

Il valore negativo del Patrimonio netto consolidato è conseguente alle operate rettifiche di consolidamento aventi ad oggetto l’elisione del valore della Partecipazione nella Soccer SAS. Il Patrimonio netto separato dell’A.S. Roma S.p.A. al 31 dicembre 2013, risulta invece positivo per 50,3 milioni di euro (49,8 milioni di euro, al 30 giugno 2013), in miglioramento di 0,5 milioni di euro, per il Risultato economico conseguito nel periodo, negativo per 3 milioni di euro, e per il versamento in conto futuro aumento di capitale sopra richiamato.

La Posizione finanziaria netta consolidata al 31 dicembre 2013, negativa per 85,6 milioni di euro, registra un miglioramento di 2,9 milioni di euro rispetto al 30 giugno 2013, e si compone di disponibilità liquide, per 1,3 milioni di euro (8,6 milioni di euro, al 30 giugno 2013), e indebitamento finanziario, per 86,9 milioni di euro (97,2 milioni di euro, al 30 giugno 2013).

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom