Romaeconomy

Comunicato AS Roma: approvato il resoconto intermedio di gestione: 22,2 i milioni di Euro dalla Champions

condividi su facebook condividi su twitter 14-11-2014

| | Commenti →
Comunicato AS Roma: approvato il resoconto intermedio di gestione: 22,2 i milioni di Euro dalla Champions

AS Roma ieri, in tarda serata, ha pubblicato un comunicato finanziario dal titolo: “Approvazione Del Resoconto Intermedio Di Gestione Al 30 Settembre 2014″.

Il Consiglio di Amministrazione di A.S. Roma, riunitosi in data odierna, ha approvato il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2014, relativo all’andamento gestionale del primo trimestre (il “Trimestre”) dell’esercizio sociale 2014-2015, redatto ai sensi dell’art. 154-ter, comma 5, del Testo Unico della Finanza, introdotto dal D. Lgs. 195/2007, in attuazione alla direttiva 2004/109/CE (c.d. “Direttiva transparency”).
Si ricorda, che, a seguito dell’operazione di conferimento del Ramo d’Azienda dedicato alle attività di marketing, merchandising e sponsorizzazione (“Ramo d’Azienda”) nella Soccer Società in Accomandita semplice di Brand Management Srl (“Soccer SAS” o “Accomandita”), avvenuta nel gennaio 2007, il Resoconto è redatto su base consolidata comprensiva, pertanto, delle risultanze contabili della A.S. Roma e della partecipata.

Criteri di redazione dei dati contabili
I risultati infrannuali sono influenzati dalla stagionalità dell’attività sportiva, conseguente alla distribuzione temporale non omogenea delle gare. La rappresentatività dei dati risulta quindi condizionata, in particolar modo, dai ricavi da gare e dai relativi proventi da licenza dei diritti di trasmissione delle stesse, la cui competenza economica è legata al momento di effettivo svolgimento dell’evento sportivo, mentre i costi operativi sono distribuiti in maniera pressoché omogenea nell’arco dell’esercizio.

Relativamente al costo del personale, si evidenzia che nel corso dell’esercizio potranno maturare premi individuali tali da determinare una distribuzione non omogenea dello stesso, con un trend crescente nel corso dell’esercizio. Inoltre, la concentrazione nella prima parte della stagione delle principali operazioni di trading su diritti alle prestazioni di calciatori, determina il maturare di effetti economici significativi nel primo trimestre dell’esercizio.

ANDAMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO CONSOLIDATO
Il primo trimestre dell’esercizio 2014/2015 si è chiuso con un risultato economico consolidato positivo per 8,9 milioni di euro, con una flessione di 10,6 milioni di euro rispetto al risultato conseguito al 30 settembre 2013, pari a 19,5 milioni di euro. La variazione negativa è dovuta in particolare al minor valore del risultato della gestione calciatori, positivo per 20 milioni di euro al 30 settembre 2014, rispetto a 39,3 milioni di euro registrato al 30 settembre 2013, che include plusvalenze conseguite nell’ambito dei contratti di cessione di diritti pluriennali (calciatori) per 25,1 milioni di euro al 30 settembre 2014 (rispetto a 52,7 milioni di euro contabilizzate nel 2013).

La partecipazione alla Uefa Champions League, inoltre, ha generato nel trimestre corrente proventi per complessivi 22,2 milioni di euro, per participation, performance bonus, e market pool, riconosciuti dalla Uefa, nonché dai proventi da biglietteria della gara casalinga disputata nel trimestre, come nel seguito descritti. Tali proventi hanno permesso di conseguire un EBITDA, senza tenere conto del risultato della gestione calciatori, pari a 0,6 milioni di euro (negativo per 8,2 milioni di euro al 30 settembre 2014).

Il Capitale investito netto consolidato al 30 settembre 2014, pari a 59 milioni di euro (50,7 milioni di euro, al 30 giugno 2014), registra un incremento netto di 8,2 milioni di euro nel trimestre, e si compone per 104,6 milioni di euro (75,6 milioni di euro, al 30 giugno 2014), dal Capitale non corrente netto consolidato, e 45,7 milioni di euro (24,9 milioni di euro, al 30 giugno 2014), dal Capitale corrente netto consolidato negativo.

Il Patrimonio netto consolidato al 30 settembre 2014 è negativo per 52,4 milioni di euro, in miglioramento di 28,9 milioni di euro, per (i) il Risultato economico dell’esercizio, positivo per 8,9 milioni di euro, tenuto conto del (ii) gli effetti del Nuovo Aumento di Capitale effettuato nel mese di luglio 2014, precedentemente descritto, che hanno comportato il versamento da parte di azionisti di minoranza, al netto dei costi sostenuti dalla Società, di 20 milioni di euro.

La Posizione finanziaria netta consolidata al 30 settembre 2014, negativa per 111,4 milioni di euro, registra un miglioramento di 20,7 milioni di euro rispetto al 30 giugno 2014, e si compone di disponibilità liquide, per 7,4 milioni di euro (4,9 milioni di euro, al 30 giugno 2014), crediti finanziari a medio e lungo termine, per 12 milioni di euro, e indebitamento finanziario, per 130,8 milioni di euro (136,9 milioni di euro, al 30 giugno 2014).

I crediti finanziari a medio e lungo termine, pari a 12 milioni di euro, sono relativi al deposito cauzionale pagato alla Società Generali Italia SpA come collateral per il rilascio di una garanzia di 20 milioni di euro, a favore della Lega Serie A, ed a valere sul saldo della stagione sportiva 2015/2016 della campagna trasferimenti nazionale.

L’indebitamento finanziario si compone di:

  • - Debiti con scadenza oltre i 12 mesi, per complessivi 40 milioni di euro, relativi (i) verso ASR TD SPV LLC,
  • per i finanziamenti c.d. Term Loan, per 10 milioni di euro (30 milioni di euro, al 30 giugno 2014), e Vendor
  • Loan, per 20 milioni di euro (20 milioni di euro, al 30 giugno 2014); a (ii) debiti verso Neep Roma Holding
  • S.p.A., per 10 milioni di euro, per Versamenti a titolo di finanziamento da questa effettuati nell’esercizio 2013/2014.
  • - Debiti con scadenze entro 12 mesi, per complessivi 90,8 milioni di euro, relativi a:

(i) debiti verso ASR TD SPV LLC, per il finanziamento c.d. Term Loan, per 20,2 milioni di euro (0,5 milioni di euro, al 30 giugno 2014), comprensivi di interessi maturati nel periodo;
(ii) debiti verso ASR TD SPV LLC, per il gli interessi maturati sul finanziamento c.d. Vendor Loan, per 0,08 milioni di euro (2,8 milioni di euro, al 30 giugno 2014), in flessione per i pagamenti effettuati nel periodo;
(iii) anticipazioni finanziarie erogate da Istituti di Factoring, per complessivi 59,8 milioni di euro (72 milioni di euro, al 30 giugno 2014), a valere su maturandi crediti da licenza di diritti audiovisivi, da attività commerciali e da crediti verso società di calcio;
(iv) scoperti di c/c bancari, per complessivi 10,8 milioni di euro.

FATTI DI RILIEVO VERIFICATISI NEL TRIMESTRE
Aumento del Capitale Sociale

Nel corso del mese di luglio 2014 è stato realizzato il Nuovo Aumento di Capitale deliberato dall’Assemblea degli Azionisti dell’A.S. Roma in data 31 marzo 2014, per un ammontare massimo di Euro 100 milioni, a seguito dell’approvazione dal parte di Consob del Prospetto Informativo relativo all’offerta in opzione agli azionisti delle azioni ordinarie A.S. Roma S.p.A. rivenienti dal Nuovo Aumento di Capitale, e all’ammissione a quotazione sul Mercato Telematico Azionario, organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. (il “MTA”). Si ricorda che la stessa Assemblea aveva contestualmente annullato il precedente aumento di capitale sociale deliberato dall’Assemblea Straordinaria della Società in data 30 gennaio 2012, successivamente modificato dall’Assemblea degli Azionisti del 2 agosto 2012 e dall’Assemblea degli Azionisti del 28 ottobre 2013.

Si ricorda altresì che Neep Roma Holding, negli ultimi tre esercizi, aveva già effettuato versamenti a valere sul Nuovo Aumento di Capitale per complessivi a 100 milioni di euro.

Sono state emesse n. 265.046.592 di nuove azioni ordinarie di A.S. Roma S.p.A., con valore nominale pari ad € 0,15, con godimento regolare e aventi le stesse caratteristiche di quelle già in circolazione. Le nuove azioni sono state offerte in opzione agli azionisti di A.S. Roma S.p.A. ad un prezzo di sottoscrizione pari ad Euro 0,377, di cui Euro 0,227 a titolo di sovrapprezzo, nel rapporto di n. 2 azioni A.S. Roma S.p.A. di nuova emissione ogni n. 1 azione posseduta. Il prezzo di sottoscrizione è stato determinato applicando uno sconto del 35.5% sul prezzo teorico ex diritto (c.d. Theoretical Ex Right Price – TERP) delle azioni di A.S. Roma S.p.A. calcolato sulla base del prezzo di chiusura della seduta del 25 giugno 2014, pari ad € 0,999. Il calendario dell’Offerta prevedeva che i diritti di opzione, validi per la sottoscrizione delle azioni A.S. Roma S.p.A. di nuova emissione, fossero esercitabili, a pena di decadenza, dal 30 giugno 2014 al 18 luglio 2014. In particolare, in tale periodo sono stati esercitati n. 130.224.625 diritti di opzione per la sottoscrizione di n. 260.449.250 azioni, pari al 98,27% del totale delle Nuove Azioni offerte, per un controvalore complessivo pari a 98.189.367,25 euro.

L’azionista di maggioranza NEEP Roma Holding S.p.A. ha sottoscritto integralmente la quota di sua competenza dell’aumento di capitale, rappresentata da n. 206.837.424 Nuove Azioni, pari al 78,038% del totale delle Nuove Azioni offerte, per complessivi 77.977.708,85 Euro, già precedentemente versati dall’azionista medesimo attraverso un versamento in conto futuro aumento di capitale.

I Diritti di opzione non esercitati, che davano diritto alla sottoscrizione di complessive n. 4.597.342 Nuove Azioni, pari allo 1,73% del totale delle Nuove Azioni offerte, per un controvalore complessivo pari a 1.733.197,93 Euro, sono stati offerti in Borsa dal 24 al 30 luglio 2014. Tali Diritti sono stati interamente venduti, nel corso della prima e seconda seduta dell’offerta in Borsa. Successivamente, sono state sottoscritte n. 4.597.342 complessive Nuove Azioni, di cui n. 4.000.000 da parte di NEEP Roma Holding S.p.A., rinvenienti dall’esercizio dei Diritti per un controvalore complessivo pari ad Euro 1.733.197,93. Ad esito di tale ulteriore sottoscrizione di Nuove Azioni, NEEP Roma Holding S.p.A. risulta detenere il 79,044% del Capitale Sociale della Società.

L’Offerta si è conclusa quindi con l’integrale sottoscrizione delle n. 265.046.592 nuove Azioni, per un controvalore totale di Euro 99.922.565,18, di cui Euro 39.756.988,80 a titolo di valore nominale e 60.165.576,40 a titolo di sovrapprezzo.

Il capitale sociale della Società risulta dunque pari ad Euro 59.635.483,20, suddiviso in n. 397.569.888 azioni ordinarie, con valore nominale pari ad euro 0,15. L’attestazione relativa al nuovo ammontare del capitale sociale, ai sensi dell’art. 2444 del Codice Civile, unitamente al testo del nuovo Statuto sono stati depositati in data 7 agosto 2014 presso il Registro delle Imprese di Roma.

Approvazione del Bilancio d’esercizio Consolidato dell’esercizio al 30 giugno 2014:
In data 3 ottobre 2014, il Consiglio di Amministrazione di A.S. Roma ha approvato il Progetto di bilancio d’esercizio ed il Bilancio Consolidato relativi all’esercizio chiuso al 30 giugno 2014, nonché la Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari 2013/2014, e la Relazione del Comitato per la remunerazione, redatte rispettivamente ai sensi dell’art.123-bis e 123-ter del Testo Unico della Finanza. Il Progetto di bilancio, è stato messo a disposizione del Pubblico in data 6 ottobre 2014, unitamente alle relazioni del Collegio Sindacale e la Società di Revisione BDO S.p.A., emesse rispettivamente ai sensi del D. Lgs. 58/98 e dell’art. 2429 del Codice Civile, e del D. Lgs. 39/2010, con parere favorevole e senza eccezioni e/o rilievi.
L’Assemblea degli Azionisti, riunitasi il 27 ottobre 2014, ha quindi approvato Il Bilancio di esercizio, deliberando di riportare a nuovo l’intero importo della perdita registrata, pari a 38,1 milioni di euro.

Campagna trasferimenti 2014/2015:
Nel corso della sessione di mercato estiva della stagione sportiva 2014/2015 sono stati effettuati investimenti in diritti pari a complessivi 48,5 milioni di euro e dismissioni nette per 11,4 milioni di euro, che hanno determinato un saldo netto negativo sui crediti e debiti verso società di calcio per 3,7 milioni di euro, di cui 3,1 milioni di euro relativi all’esercizio 2014/2015. In particolare, il saldo netto delle operazioni realizzate in ambito nazionale, vengono regolate per il tramite della Lega Serie A, che funge da stanza di compensazione, è negativo per circa 10,4 milioni di euro, di cui 25,4 milioni di euro relativi agli acquisti effettuati, e 15 milioni di euro per crediti maturati a seguito delle operazioni di cessione. L’impatto finanziario negativo derivante dalle operazioni realizzate in ambito nazionale, è stato parzialmente compensato dalle operazioni definite con club esteri, il cui saldo netto è complessivamente positivo per 6,7 milioni di euro.
Le operazioni di cessione di calciatori hanno generato plusvalenze nette per 25,1 milioni.
Di seguito si riportano le principali operazioni realizzate:

  •  l’acquisizione a titolo definitivo dei diritti alle prestazioni sportive dei calciatori (DPC) Iturbe dal Verona, Manolas e Holebas dall’Olympiakos;
  •  l’acquisizione a titolo definitivo dei DPC del calciatore Sanabria, dal Sassuolo Calcio; nell’ambito degli accordi raggiunti, inoltre, A.S. Roma è subentrata nell’accordo negoziale sottoscritto con il F.C. Barcellona, facendosi completo carico degli impegni pattizi presi in precedenza dal club italiano;
  • la cessione a titolo definitivo dei DPC dei calciatori Benatia, Valdes Diaz, Lopez, D’Alessandro e Verre;
  • la cessione a titolo temporaneo all’Internazionale FC dei DPC del calciatore Pires Ribeiro (Dodò); l’accordo, valido per le stagioni sportive 2014/2015 e 2015/2016, prevedeva l’obbligo di acquisizione a titolo definitivo, condizionato alla 1^ presenza del calciatore in gare ufficiali della prima squadra, evento che si è verificato nel mese di agosto 2014;
  • la sottoscrizione di un contratto biennale con il calciatore Cole, e annuale con i calciatori Keita e Emanuelson, in regime di svincolo;
  • l’acquisizione a titolo temporaneo dei calciatori Uçan, Astori, Yanga-Mbiwa e Paredes, con diritto di opzione per l’acquisizione a titolo definitivo;
  • la cessione a titolo temporaneo dei DPC dei calciatori De Mattos (Marquinho), Jedvaj, Romagnoli, e Tallo, rispettivamente all’Al-Ittihad Club, al Bayer 04 Leverkusen, alla Sampdoria ed al Bastia.

Infine, sono stati prolungati i contratti in essere con i calciatori Torosidis, sino al 30 giugno 2017, e Gervinho, sino al 30 giugno 2018.

Partecipazione alle competizioni nazionali ed internazionali:
La stagione sportiva 2013/2014 è iniziata nel mese di luglio sotto la conduzione tecnica del Mister Rudi Garcia. La squadra ha partecipato ad una tournée estiva negli Stati Uniti che l’ha vista impegnata nelle città di Boston, Denver, Dallas e Philadelphia per disputare gli incontri contro il Liverpool, il Manchester United, il Real Madrid e l’Inter, gli ultimi tre nell’ambito della Guinness International Champions Cup. Successivamente, ha raggiunto la località austriaca di Bad Waltersdorf, dove è rimasta fino al 15 agosto ed ha svolto la seconda parte della preparazione estiva.

Il campionato di Serie A, cui la A.S. Roma partecipa anche in virtù dell’ammissione deliberata nel mese di luglio 2014 dal Consiglio Federale della F.I.G.C., che ha verificato il rispetto da parte della Società dei criteri economico-finanziari e legali, nonché dei criteri infrastrutturali, sportivi e organizzativi, è iniziato in modo molto positivo, con una serie di 5 vittorie consecutive, che hanno proiettato la squadra nella parte alta della classifica.

Inoltre, in forza della qualificazione diretta conseguita al termine del campionato di Serie A 2013-2014, e della Licenza rilasciata alla Società in data 12 maggio 2014 dall’Ufficio Licenze Uefa, l’A.S. Roma partecipa alla Uefa Champions League 2014/2015. Il 28 agosto si è svolto a Montecarlo il sorteggio dei gironi. La Roma è stata inserita nel Girone “E” con il Bayern Monaco, il Manchester City ed il Cska Mosca.
Nel mese di settembre sono state disputate le prime due gare, rispettivamente in casa con il CSKA Mosca, terminata con una vittoria, ed in trasferta con il Manchester City, terminata con un pareggio. Successivamente, la squadra ha affrontato prima in casa e poi in trasferta il Bayern Monaco, conseguendo rispettivamente due sconfitte.

In virtù della partecipazione ad una competizione organizzata dall’UEFA, la società è tenuta al rispetto del regolamento denominato “UEFA Club Licensing and Financial Fair Play Regulations”, entrato in vigore il 1 giugno 2012, che stabilisce il rispetto di determinati requisiti sportivi, legali, infrastrutturali, organizzativi, ed economico finanziari. A tale proposito, la Società ha provveduto ad inviare nel mese di luglio tutte le informazioni economico-finanziarie richieste dal Regolamento, nei tempi fissati dallo stesso. In particolare, tali informazioni presentano:

- un risultato aggregato del biennio 2011/2012 – 2012/2013 oltre la soglia prevista, pari ad un risultato negativo complessivamente non superiore a 5 milioni di euro, ovvero a 45 milioni di euro in caso di ricapitalizzazione, definita per il rispetto della ‘Break-Even Rule’;

- un patrimonio netto consolidato negativo al 30 giugno 2013.

Pertanto, a partire dal mese di ottobre la Società ha intrattenuto con il Club Financial Control Body (“CFCB”) lo scambio di ulteriori dati e informazioni economico-finanziari.
Non essendo predeterminata una automatica applicazione di una sanzione a fronte di una violazione, e a maggior ragione quale tipo di sanzione, non è oggi prevedibile quale decisione sarà assunta dal CFCB alla conclusione degli approfondimenti sopra descritti.

Attività legate al nuovo stadio:
In data 5 settembre 2014, la Giunta del Comune di Roma ha approvato la delibera che prevede il riconoscimento di pubblico interesse per il progetto preliminare-studio di fattibilità riguardante l’impianto sportivo dove giocherà l’A.S. Roma, situato nell’area di Tor di Valle. La delibera, richiamando le norme della c.d. “Legge sugli stadi”, prescrive le condizioni per l’ammissibilità del progetto ed elenca una serie di vincoli per la realizzazione dell’opera, e prevede che lo stadio rimarrà in uso permanente alla A.S. Roma per tutta la durata dell’accordo trentennale tra la società sportiva e il proponente. È stato infatti richiesto che l’accordo che regolerà il rapporto tra proponente e società sportiva sia indissolubile, pena la decadenza dei benefici della legge e la corresponsione per intero degli oneri previsti dalla normativa nazionale e locale. A ulteriore garanzia del rapporto tra proponente e A.S. Roma è previsto il diritto di prelazione della società sportiva, in caso di vendita degli impianti.
Tutti gli obblighi derivanti dalla delibera verranno sottoscritti dal proponente in un’apposita convenzione che disciplinerà le fasi dei lavori e gli obblighi reciproci con una commissione di vigilanza che controllerà l’andamento dei lavori.
Il progetto è ora sottoposto all’approvazione da parte del Consiglio Comunale, il quale è chiamato a deliberare in via definitiva per il riconoscimento del pubblico interesse dell’opera. Successivamente, sarà sottoposto all’esame di una conferenza di servizi, rappresentativa di tutti gli enti locali interessati, che entro il termine massimo di sei mesi dovrà esprimere il proprio parere in merito alla fattibilità della realizzazione del progetto.

Scuola calcio A.S. Roma:
A partire dalla stagione corrente ha preso il via la Scuola Calcio A.S. Roma, il primo grande progetto di formazione sportiva e culturale radicato nel territorio di Roma. Le iscrizioni sono state riservate ai bambini tra i sei e gli undici anni, che hanno dovuto superare prove tecniche, oltre che valutazioni basate sui valori scolastici, ed ai quali è stato riservato un percorso di crescita tecnica e umana, in un ambiente unico. L’intera attività della Scuola si svolge sui campi da gioco dell’impianto sportivo del CONI «Giulio Onesti», con l’ausilio di staff e strutture sportive di eccellenza, campi in erba naturale e sintetica, spogliatoi, locali tecnici, sale adibite alla fisioterapia, biblioteca e zone studio. Il cammino didattico è organizzato da direttori tecnici e allenatori, coadiuvati da preparatori specializzati, medici e terapisti, con l’ausilio di uno psicologo.
Il progetto della Scuola Calcio A.S. Roma rappresenta un tassello importante di un programma più vasto che mira ad intensificare la presenza della Società nella propria città, con l’obiettivo non soltanto di formare giovani calciatori, ma anche di perseguire finalità legate alla responsabilità sociale.

FATTI DI RILIEVO VERIFICATISI DOPO LA CHIUSURA DELL’ESERCIZIO

Prolungamento del contratto con Maicon:
È stato raggiunto con il calciatore Maicon Douglas Sisenando l’accordo per il prolungamento del contratto economico per le prestazioni sportive, la cui naturale scadenza era prevista per il 30 giugno 2015. Il nuovo accordo ha scadenza fissata al 30 giugno 2016, con opzione per un’ulteriore stagione sportiva.

Linee di credito collegata al factoring:
Alla data di redazione del presente Resoconto, l’indebitamento finanziario nei confronti di Società di Factoring, relativo alla linee di credito concesse ad A.S. Roma, per anticipazioni ricevute su maturandi crediti da licenza di diritti audiovisivi della stagione 2014/2015, di sponsorizzazione tecnica e di crediti commerciali, è pari complessivamente a circa 50 milioni di euro (72 milioni di euro al 30 giugno 2014).

Debiti Tributari:
Alla data di pubblicazione del presente Resoconto sono state regolarmente pagate imposte e ritenute correnti e rateizzate, e non risultano debiti tributari scaduti.

I debiti tributari consolidati risultano composti di IVA corrente, per 1 milione di euro, IRPEF, per 0,4 milioni di euro, e IRAP, per 2,5 milioni di euro.

Debiti verso Tesserati:
Alla data di pubblicazione del presente Resoconto è stata corrisposta la retribuzione relativa alla mensilità di settembre 2014.

PREVEDIBILE EVOLUZIONE DELLA GESTIONE
Il risultato del primo trimestre dell’esercizio 2014/2015 ha beneficiato degliesiti positivi della partecipazione alla Uefa Champions League e delle operazioni di mercato, che hanno permesso di conseguire un effetto positivo immediato sui ricavi operativi. Il risultato dell’esercizio dovrebbe quindi confermare il trend positivo degli ultimi due anni, con un sostanziale miglioramento rispetto a quanto registrato al 30 giugno 2014, in diretta proporzione rispetto ai risultati delle competizioni nazionali ed internazionali, nonché agli esiti di eventuali operazioni di mercato dei diritti sportivi della sessione invernale, e di giugno 2015, quest’ultima relativa alla definizione dei diritti di partecipazione ed all’esercizio dei diritti di opzione e controopzione previsti nei contratti di trasferimento già sottoscritti.

LEGGI COMUNICATO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom