Romaeconomy

Il piano finanziario di AS Roma, firmato James Pallotta: ricavi sopra i 200 mln già nel 2016

condividi su facebook condividi su twitter 10-02-2015

| | Commenti →
Il piano finanziario di AS Roma, firmato James Pallotta: ricavi sopra i 200 mln già nel 2016

La Roma accelera sul piano di sviluppo e potrebbe sfondare per la prima volta nella sua storia il tetto dei 200 milioni di ricavi già nella prossima stagione per salire sopra quota 210 milioni nel 2016/17. Il piano finanziario predisposto dal presidente James Pallottacon l’ausilio della banca d’affari Goldman Sachs, di cuiCalcioefinanza.it è in possesso, prevede infatti una forte crescita dei ricavi da sponsor e merchandising già nei prossimi due esercizi. Crescita che, se sarà accompagnata dalla partecipazione alla Champions League anche nelle stagioni 2015/16 e 2016/17, contribuirà ad avvicinare i ricavi dei giallorossi a quelli di Juventus Milan, consentendo al club capitolino di raggiungere l’equilibrio finanziario necessario a rispettare i parametri del Fair Play Finanziario.

L’obiettivo è ambizioso, considerato che da due stagioni, dopo la conclusione del rapporto con Wind (che valeva circa 6 milioni l’anno), la Roma non può contare su uno sponsor di maglia. Ma in casa giallorossa c’è la convinzione che i target messi nero su bianco nel piano possano essere ragionevolmente raggiunti, anche se ci sarà da lavorare duro. Il piano prevede infatti che i ricavi da sponsor e merchandising passino dai circa 25 milioni previsti per l’esercizio in corso (dato in linea con quello degli ultimi due anni) a 38,65 milioni nel 2015/16, per balzare poi a 47,41 milioni nel 2016/17.

A monetizzare i futuri contratti da sponsorizzazione e le royalties legate al merchandising commercializzato da Nike e dagli altri partner del club non sarà direttamente la capogruppo As Roma, ma una società di nuova costituzione (newco) chiamata ASR Media e Sponsorship, il cui capitale (sulla falsariga di quanto fatto dell’Inter di Erick Thohir – leggi i dettagli del piano) sarà dato in pegno alle banche a garanzia del debito rifinanziato.

ASR Media e Sponsorship, nella quale sono già stati conferiti tutti i contratti di sponsorizzazione in essere, avrà inoltre il compito di incrementare i ricavi legati allo sfruttamento della library (video, immagini d’archivio, ecc.) del club e dei due canali tematici Roma Tv e Roma Radio. L’obiettivo di Pallotta, messo nero su bianco nel piano, è quello di portare questa voce di ricavo dai 6,67 milioni attesi per la stagione in corso a 7,27 milioni nel 2015/16 fino a 8,28 milioni nel 2016/17.

Complessivamente, dunque, i ricavi di ASR Media e Sponsorship, dovrebbero passare da 31,72 milioni nel 2014/15 a 45,92 milioni nella prossima stagione per poi raggiungere quota 55,69 milioni nel 2016/17, con una crescita del 75% circa nell’arco del triennio.

Ma quanto impatterà lo sviluppo delle attività commerciali di ASR Media e Sponsorship sui ricavi complessivi della Roma? C&F ha fatto i conti, incrociando le stime sui ricavi da stadio e diritti tv relativi a Serie ACoppa Italia e coppe europee con gli obiettivi della società relativi ai proventi da sponsor e merchandising. I risultati sono riassunti nelle seguente tabella.

Come emerge chiaramente dalla tabella, la Roma potrà ambire a sfondare la soglia dei 200 milioni di fatturato solo se la squadra guidata da Rudi Garcia riuscirà a partecipare alla Champions League nelle prossime due edizioni. In caso contrario, assumendo invece quale scenario al 2016/17 la partecipazione alla meno ricca Europa League e ipotizzando l’eliminazione della squadra ai quarti di finale, i ricavi relativi a tale esercizio dovrebbe scendere a circa 170 milioni. Una cifra comunque importante, considerando che, escludendo la stagione in corso (che dovrebbe chiudersi con ricavi attorno ai 180 milioni) solo un’altra volta negli ultimi 10 anni la Roma era riuscita a superare i 170 milioni di ricavi.

FONTE: calcioefinanza.it

 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom