Scout Inside

Grigore, l'acrobata circense low cost pronto per la difesa di Spalletti

condividi su facebook condividi su twitter 18-06-2016

| | Commenti →
Grigore, l'acrobata circense low cost pronto per la difesa di Spalletti

Il volto calcistico della Romania non è più quello di un tempo. Il movimento rumeno ha dovuto trasformarsi per non scomparire, dopo la fine della generazione dei Mutu e Marica e gli anni horribiles post Euro2008. Ora la Romania ha cambiato faccia. E' giovane, forse meno talentuosa, ma più squadra. Il ct Iordanescu è apprezzato per la dedizione verso la fase difensiva, quasi all'italiana. Lo si è visto al debutto dell'Europeo, contro Francia, ma anche nel secondo match contro  la Svizzera. La qualificazione agli ottavi resta incerta, ma la coppia di centrali di Iordanescu sta convincendo sfoderando prestazioni solide. Si tratta di Chiriches e Grigore. Il primo ha militato nel Tottenham, nell'ultima stagione a Napoli dove ha giocato poco. Il secondo è invece quello che vogliamo analizzare più attentamente.

Denis Grigore è un difensore classe '86. Cresciuto nel Vaslui, lanciato nel Timisoara, dal 2008 al 2014 è stato un pilastro della Dinamo Bucarest, per poi approdare in Francia al Tolosa. Ora da un anno gioca in Qatar nell'Al Sailiya.

E' un centrale, di destra o sinistra che sia. La sua qualità più peculiare è davvero interessante. Grigore è esperto negli interventi in acrobazia. E' molto bravo di testa, sia nei colpi in elevazione che in quelli "a tuffo" in obliquo. Nel suo repertorio ci sono anche interventi in spaccata, mezze rovesciate e molti altri interventi fantasiosi, ma decisivi, necessari a scacciare la palla il più lontano possibile dall'area di difesa. Proprio queste qualità ne fanno un difensore diverso dagli altri. Grigore ama le entrate "originali", tuttavia non è mai eccessivamente spericolato né falloso (l'unico errore recente: l'ammonizione rimediata in Svizzeria-Romania). Pur avendo un po' di sana pazzia nel dna, rimane comunque un centrale affidabile, ma deve essere inserito in un contesto difensivo corale che funzioni, come lo è la Romania di Iordanescu,

MERCATO - Parliamoci chiaro: Grigore non è il nuovo Nesta. Ma corrisponde all'indentikit del giocatore che Walter Sabatini sta cercando in difesa. Costa poco (si prende tranquillamente per 3 milioni), sarebbe molto motivato ad approdare in una realtà come la Roma, abbandonando il pensionamento anticipato in Qatar, anche perché le ultime partite in Nazionale hanno dimostrato che non è affatto da rottamare. A quasi 30 anni, è il trampolino giusto per confermarsi in un club europeo importante. Alla Roma può sostituire Rudiger fino a che il tedesco non recuperi dall'infortunio. Da lì in poi potrebbe essere la prima riserva della difesa a disposizione di Luciano Spalletti.  

Fonte: EDUARDO BARONE - INSIDEROMA

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom