Spring Corner

Campionato Primavera, 16° giornata: Lanciano-Roma 1-1

condividi su facebook condividi su twitter 30-01-2016

| | Commenti →
Campionato Primavera, 16° giornata: Lanciano-Roma 1-1

Non va oltre la Primavera giallorossa impegnata in mattinata sul campo del Lanciano per la 16° giornata del campionato di categoria. Un punto che lascia l’amaro in bocca al tecnico De Rossi ed ai suoi, che erano passati in vantaggio e si sono visti recuperare dai rossoneri. Dopo un primo tempo molto tattico e povero di azioni pericolose cambia il copione con la ripresa che si apre con la Roma più propositiva. Al 55’, infatti, arriva il vantaggio dei giallorossi con Ndoj che servito da Machin calcia di prima intenzione verso la porta rossonera insaccando a fin di palo. Ma la gioia della Roma dura solo tredici minuti, con il Lanciano che al 68’ pareggia i conti con Serafini che di testa sfrutta al meglio il cross di Pollice e fa 1-1.
Un punto che permette alla Roma di mantenere il primo posto in classifica, ma allo stesso tempo da un’occasione alle inseguitrici per accorciare le distanze. Vince infatti l’Empoli (2-0 sul campo del Latina) che si porta a -5 punti dai capitolini, in attesa del Frosinone che sarà impegnato sul campo dell’Avellino alle 14:30.
Deluso il tecnico De Rossi, che a Roma TV esprime il suo rammarico per i due punti persi ma elogia la maturità dimostrata dai suoi ragazzi contro un Lanciano molto chiuso: “Ci siamo fatti sorprendere, ma va sottolineata la gara quasi perfetta dei ragazzi. Hanno superato tante difficoltà, non ultima la squadra avversaria molto chiusa, è stata più difficile del solito. Siamo stati bravi a sbloccare, ma una squadra forte non deve dare la possibilità agli avversari di pareggiare. Non c'era un millimetro per fare una giocata, il Lanciano si è organizzato in maniera impeccabile, non ci dava nessuno spazio. Siamo stati bravi a restare in gara, siamo riusciti ad andare in vantaggio e potevamo raddoppiare, ma è inconcepibile dare l'opportunità di pareggiare. I tentativi nel finale? Ribadisco, a parte il gol preso una prestazione eccezionale sotto il profilo della maturità, potevamo innervosirci e invece abbiamo continuato a palleggiare e in qualche momento ha trovato qualche piccolo varco. Tutto molto bene come prestazione, voglia, pressione, qualità, ma questo non doveva accadere. Il pareggio ci scoccia, ci danneggia. Non mi va giù, quando i ragazzi meritano bisogna sottolinearlo. Le difficoltà erano tante, c'era da palleggiare su un campo che non ne dava molta possibilità, l'abbiamo fatto tranquillamente. Tutto molto bene, anche la capacità di sbloccare il punteggio. Resta l'amaro in bocca, in quel frangente la suqadra si è organizzata male. Non è successo niente, ma non siamo contenti. L'Avellino? Non possiamo stare a guardare gli altri, la squadra sta facendo non bene, benissimo, siamo in cima alla classifica con tanti giocatori in vetrina e ne metteremo in vetrina altri, l'aspetto sportivo è importante ma quello più importante è la formazione dei ragazzi. Dispiace non vincere, ma il lavoro va sottolineato e anche l'impegno dei ragazzi, hanno passato un momento in cui la squadra ha dovuto cambiare di nuovo sistema per le assenze ed è rimasta sprovvista delle certezze che aveva. Si sono messi sotto, la squadra sta bene”.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom