Breaking News

Balbo: "Vincere lo scudetto con la Roma è particolare, lo auguro a chiunque indossi questa maglia"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 16-10-2015 - Ore 22:55

|
Balbo:

Abel Balbo, ex attaccante giallorosso, è intervenuto ai microfoni di Roma Tv durante la trasmissione Slideshow. L’argentino ha parlato del suo periodo in giallorosso e dei ricordi che porta con se dopo l’esperienza alla Roma:

L’arrivo a Roma sponda giallorossa
Anno 1993. Un’ottima squadra, che ha reso meno di quel che poteva. Si iniziava una ricostruzione, si veniva dal periodo di Ciarrapico, quando la società era quasi fallita e Sensi la salvò. Eravamo indietro rispetto alle altre. Passare da una piccola a una grande squadra non era una novità, ero più maturo e preparato, giocavo in nazionale. Ero abituato alle pressioni e a dover prendermi responsabilità

Un pensiero per Franco Sensi
Il mio presidente, è stato un padre per me, fui il suo primo acquisto. Un aneddoto: lui e Rosella mi aiutarono con la casa, con le carte. Ha dato tutto per questa società, l’anno che abbiamo vinto lo scudetto sono stato molto contento per lui, quando sono tornato alla Roma erano 7-8 anni che faceva il presidente, era migliorato

Il primo gol non si dimentica
Contro la Juventus, vincemmo 2-1, loro sbagliarono due rigori. Ho segnato su corner, sotto la Curva Sud. Un debutto migliore era impensabile, è stato il massimo. Il sabato in cui provammo le palle ferme, Mazzone mi faceva andare sul primo palo e io volevo andare sul secondo, anche perché calciava Mihajlovic. Dopo una discussione mi disse di andare dove volevo, purché segnassi. E fu così, dopo il gol andai correndo verso di lui. Fu l’intelligenza dell’allenatore ad apportare qualcosa in più, fummo gratificati

Il derby del 1994
Rimarrà nella memoria di tutti, una vittoria molto particolare, sentita, schiacciante. C’era Daniel che festeggiava, con Cappioli, i tre che segnarono. Una delle partite più belle che ho dentro di me. Il mio rapporto con Fonseca era particolare, eravamo due poli opposti ma molto amici. Andavamo molto d’accordo, stavamo insieme anche in camera. Vedevo più lui di mia moglie, stavamo sempre in ritiro. C’è stato feeling dall’inizio fuori e dentro il campo, ci completavamo alla grande. Abbiamo fatto grandi cose e dato tanto alla squadra

Il ricordo di Mazzone
Persona straordinaria, gli voglio molto bene. Mi coccolava tanto, come un papà. Per tutta la sua carriera avrebbe meritato di vincere almeno una coppa con la Roma, lui era tifosissimo, sentiva questa sfida. Felice di essere stato allenato da lui e di averlo conosciuto. Con lui il giorno della partita era impossibile parlare. Il martedì quando si perdeva era micidiale, faceva morire dalle risate. All’inizio facevo fatica, segnavo poco, lui uno per uno ci martellava. Mi disse di non potermi dire nulla, che ero permaloso, ma di darmi una mossa e di cominciare a segnare

I due gol con Inter e Sampdoria
Con l’Inter feci una tripletta e vincemmo 3-1. La palla passò sotto la barriera, il sabato parlando col mister notammo che la barriera dell’Inter saltava, Mazzone mi disse di provare, ebbi la punizione giusta, me la sentii e andò tutto bene. Un gol importante, ci aprì la strada per la vittoria. Contro la Sampdoria fu un rigore per un’altra tripletta, calciavo o a destra del portiere forte, ho sbagliato pochissimi rigori così, o con l’interno sull’altro palo, riuscendo a mantenere la palla lontano dal portiere

Il memorabile gol di Giannini con lo Slavia Praga
Fino a quel momento era una partita eccezionale, stavamo passando un turno molto complicato, perdemmo 2-0 fuori casa. A un minuto dalla fine riuscirono a segnare e ci hanno eliminato. Una grandissima delusione, tenevamo tanto a fare bene in quella coppa, andare fuori fu una grande delusione. Giannini era un ottimo capitano, aveva grande personalità e umanità, era un giocatore straordinario, aveva tempi di gioco straordinari. È stato il capitano quando sono arrivato, per la storia della Roma è stato un giocatore importante. Ho avuto la fortuna di poter tornare e vincere lo scudetto, Giannini meritava di essere quell’anno nella Roma, non so se giocasse ancora, ma aveva dato tanto e raccolto poco

La convivenza con Totti
Era il secondo anno che ero a Roma. Giocai molto con lui, Fonseca spesso stava fuori. Si vedeva che era diverso, che sarebbe diventato un campione assoluto. Una persona straordinaria, sarò stato un suo punto di riferimento. Avere un attaccante esperto, che aiuta, è importante. Ma ho fatto tantissimi gol perché lui mi ha agevolato con passaggi straordinari, purtroppo non abbiamo giocato tantissimo insieme, se avessi giocato 6-7 anni insieme a Francesco, avrei raddoppiato i gol fatti con la Roma

Il litigio con Zeman
Uno dei mister con i quali ho avuto più rapporti personali. Avevo un rapporto buono con lui, era un anno decisivo anche per me, anche per lui che veniva dalla Lazio. Abbiamo fatto all’inizio un ottimo lavoro, ci sono state delle problematiche, quel cambio in cui ho sbagliato e l’ho mandato a quel paese. Ha dato una mentalità vincente, ha la cultura del lavoro, è un allenatore che ha dato molto e ricevuto molto poco, non ha vinto quanto avrebbe meritato


Con Batistuta a Firenze e a Roma
Abbiamo giocato insieme tanto. Sicuramente eravamo due giocatori che giocavamo nello stesso ruolo, ma potevamo giocare insieme. Abbiamo giocato insieme parecchio, eravamo due centravanti e non tutti gli allenatori hanno idea di giocare con due centravanti

Su Capello e Aldair
Aldair persona straordinaria e giocatore fuori dal normale, il difensore più forte che abbia visto giocare, sapeva fare tutto. Un idolo della tifoseria, un ragazzo d’oro con una carriera straordinaria, tutto il bene che ha avuto lo ha guadagnato. Capello è un allenatore molto pragmatico, non diventa amico dei giocatori, anzi cerca di metterli tutti contro di lui e si uniscono, è una strategia forte. Un allenatore molto preparato, ha vinto tutto, c’è poco da dire. Quando è arrivato ero a fine carriera, non per questo non gli posso riconoscere che è stato un grande allenatore, un allenatore che ha fatto vincere lo scudetto va ricordato

Sullo scudetto
Il mio ritorno nasce dal mio rapporto con Baldini, cercava di prendere Batistuta a tutti i costi. Ascoltava molto quello che gli dicevo, mi ha chiesto aiuto e l’ho aiutato. Ho insistito molto con Gabriel alla fine è venuto, alla Roma faceva comodo un attaccante di esperienza come me, anche se ho giocato poco. Ci siamo levati una grandissima soddisfazione, vincere lo scudetto con la Roma è particolare, lo auguro a tutti i giocatori che indossano questa maglia. Sono stato molto fortunato, è stata una festa durata tutta la notte, poi siamo andati a casa di Batistuta

La vittoria della Supercoppa Italiana
Era giusto vincerla, anche per i tifosi. Quell’anno avremmo dovuto e potuto vincere lo scudetto più facilmente rispetto all’anno prima“.

Fonte: Roma TV

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

INSIDEROMA è una testata giornalistica on line di carattere sportivo/informativo/quotidiano con Autorizzazione del Tribunale di TIVOLI n. 182/13 del 05/02/2013
Insideroma.com - ©copyright 2016 | P.I. 1077625100 | Informativa sui Cookie | powered by Damicom S.r.l.
chiudi popup Damicom