Breaking News

Berdini: "Contrario allo Stadio della Roma. Tor di Valle? Posto sbagliato"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 10-03-2018 - Ore 09:47

|
Berdini:

Paolo Berdini, ex assessore all'Urbanistica di Roma Capitale, è stato intervistato da romatoday.it. Di seguito un estratto delle sue dichiarazioni:

Chi guadagna in città?
"Utilizzo un esempio. Gli affitti per l'emergenza abitativa hanno fatto diventare straricchi alcuni gruppi. Ci sarà qualche circolo del tennis che li fa conoscere? Queste persone hanno preso in mano l'amministrazione Raggi. Poi arriva l'avvocato Luca Lanzalone". 

Cosa rappresenta Luca Lanzalone? 
"È un avvocato dalla carriera importante. Quando arriva a Roma per la prima volta non conosce nessuno, alla prima riunione se ne va dalla città la sera stessa. 15 giorni dopo diventa presidente di Acea. Persona degnissima. Ma dopo aver risolto la questione dello Stadio della Roma e aver provocato le mie dimissioni viene premiato. Questo la dice lunga sulla struttura del potere nell'era Cinque Stelle. Mentre nel caso precedente parlavamo di interessi romani, lui rappresenta un più vasto sistema bancario che ha ritenuto che fosse il momento di portare a casa una carica come la presidenza di Acea". 

La sua vita da assessore è stata influenzata da questi poteri?
"Assolutamente. Sono stato scavalcato. In numerose interviste e in due giunte di fuoco avevo denunciato il ruolo di Marra (ex capo del Personale e braccio destro di Virginia Raggi, ndr). Il giorno del suo arresto penso che sia finito per sempre un brutto momento. E invece sono io a pagare. Arriva Lanzalone e in 15 giorni chiude i giochi sullo stadio. Roma ha sperato che con Raggi ci fosse discontinuità e invece questa è l'eterna continuità del potere romano". 

La gestione degli uffici nei dipartimenti è sempre un nodo centrale per un assessorato. Anche nella quotidianità si percepiva questo depotenziamento?
"No, fino all'arrivo di Lanzalone ho lavorato con tranquillità e in assoluta stima reciproca con gli uffici dove lavora gente meravigliosa".

Nemmeno Marra?
"Marra non ha nominato alcun consulente per il mio assessorato. Ma questo non ha cambiato niente. Il vero ostacolo l'ho incontrato dopo il suo arresto. Sapevano che non avrei mai raggiunto una mediazione sullo stadio. Mi hanno sorpassato consapevolmente per mettermi nelle condizioni di togliere il disturbo". 

Oltre l'episodio delle sue dimissioni, cosa rappresenta per Roma aver dato il via libera ad un'opera come quella? 
"Ero contrario allo stadio ancora prima di diventare assessore. Ma quando ho letto le carte il mio sguardo è diventato ancora più critico. Un esempio: 7 milioni di euro di spesa per le pompe idrovore a carico della cittadinanza. E in cambio io ti concedo cubature. Tutto questo votato in consiglio comunale. Avevo chiesto agli operatori di prendere in considerazione un altro luogo ma la proposta non è stata accettata perché è lì che avrebbero guadagnato con la plusvalenza". 

Quindi non era contro la costruzione dello stadio. Ma contro la sua realizzazione a Tor di Valle?
"Quello è un posto sbagliato. Un imprenditore serio avrebbe trovato il modo di guadagnare anche altrove, non sono un talebano. Ma non hanno accettato e questo la dice lunga sulla classe dirigente romana". 

Lo stadio sì le Olimpiadi no. Si è dato una spiegazione?
"Non riesco a trovare una ragione. La sindaca aveva in mano una carta importante. Era una sfida che si può vincere o perdere ma poteva essere utile alla città per effettuare lavori di manutenzione e per realizzare 5 linee di tram. E il progetto poteva ancora essere discusso. Poi arriva il post sul blog di Beppe Grillo che dice di no alle Olimpiadi del mattone e Berdini viene accusato di essere il cavallo di Troia di questa operazione. In questo modo offendono anche la dignità delle persone, ho una vita coerente a riguardo e non cambio perché sono assessore". 

In quel caso, secondo lei, hanno agito per slogan?
"Credo di si. In giunta si era aperto un dialogo in merito, poi è arrivato il post di Grillo. Erano dubbiosi perché in campagna elettorale si erano spesi contro le Olimpiadi, ma avevano fatto la stessa cosa anche sullo stadio. Inoltre nel programma si parlava di referendum. Ma non è mai stato indetto. Hanno avuto paura della democrazia". 

Fonte: romatoday.it

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

INSIDEROMA è una testata giornalistica on line di carattere sportivo/informativo/quotidiano con Autorizzazione del Tribunale di TIVOLI n. 182/13 del 05/02/2013
Insideroma.com - ©copyright 2016 | P.I. 1077625100 | Informativa sui Cookie | powered by Damicom S.r.l.
chiudi popup Damicom