Breaking News

Le richieste della FIFPro alla Fifa: pausa di metà stagione e gestione dei carichi di lavoro

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 19-06-2020 - Ore 15:10

|
Le richieste della FIFPro alla Fifa: pausa di metà stagione e gestione dei carichi di lavoro

Con la modifca dei calendari a seguito del Covid-19 e con le gare ravvicinate per permettere la fine dei campionati entro un determinato limite di tempo, si sta percependo un malumore tra i giocatori che vorrebbero delle pause più lunghe per ricaricare le energie. E così la FIFPro, il sindacato mondiale dei calciatori, dopo varie videoconferenze con alcuni giocaori ha presentato alla FIFA delle richieste tramite un comunicato sul proprio sito ufficiale:

"FIFPRO accoglie con favore i passi compiuti verso il recupero del calcio professionistico nelle competizioni nazionali e continentali. Tuttavia, siamo preoccupati che finora le parti interessate non abbiano introdotto misure di salvaguardia per proteggere la salute dei giocatori durante quello che sarà un programma altamente congestionato.
La stagione di una grande percentuale di calciatori di livello d’élite era già stata allungata anche prima della pandemia di Covid-19, con una mancanza di tempo di recupero tra le partite e un riposo mentale e fisico insufficiente tra le stagioni. Ora, dal riavvio, stiamo assistendo a un primo picco di infortuni a causa di un tempo di preparazione insufficiente e di un calendario congestionato.

Comprendiamo che è un compito impegnativo recuperare le partite perse negli ultimi mesi. L’impatto di COVID-19 significa che il programma delle partite sarà ancora più intenso nei prossimi due anni e la risposta deve essere garanzie migliori e innovative per la salute dei giocatori e non l’erosione dei pochi quadri esistenti. È fondamentale che le parti interessate proteggano i giocatori e consentano loro di esibirsi al meglio.

Finora le discussioni sulle riforme del calendario delle partite hanno ignorato la responsabilità di bilanciare le esigenze degli organizzatori della competizione con quelle dei giocatori. Lasciare la gestione del carico di lavoro dei giocatori alle decisioni individuali porterà a conflitti specialmente con gli impegni delle nazionali, un’indebita pressione su di loro per andare oltre ciò che è salutare e, in definitiva, una diminuzione della qualità delle competizioni.

- Sulla base di consigli medici, FIFPRO ha richiesto una pausa fuori stagione da cinque a sei settimane. In questa situazione unica, almeno, i periodi minimi di vacanza concordati contrattualmente devono essere rispettati per le prossime pause. Nella maggior parte dei paesi sono almeno tre settimane. Questo dovrebbe essere seguito da un periodo di preparazione per evitare lesioni. Non è accettabile che l’alterazione dei calendari della concorrenza porti alla pressione di violare questi diritti.

- FIFPRO ha richiesto una pausa obbligatoria di metà stagione tra 10 e 14 giorni . Questo ora diventa più importante che mai durante quello che sarà un programma di partite altamente congestionato per molti giocatori nei prossimi 2-3 anni

- Dovrebbero essere stabiliti i principi di gestione del carico di lavoro individuale per limitare il più possibile calciatori che giocano partite consecutive senza tempi di recupero adeguati. La ricerca ha mostrato un aumento dei tassi di infortuni quando il calendario prevede meno di sei giorni di riposo tra le partite. Questa frequenza di abbinamento sarà la norma nel prossimo periodo, quindi la gestione del carico individuale deve essere regolamentata.

- I consigli di viaggio e i protocolli di salute e sicurezza relativi a Covid-19 si stanno evolvendo in diversi paesi e continueranno ad avere un impatto sul calcio. Sono necessari standard chiari per prevenire qualsiasi pressione indebita o misure disciplinari applicate ai giocatori che potrebbero mettere la propria salute e quella della famiglia al di sopra degli obblighi di gioco. Parallelamente, FIFPRO è fermamente convinto che le recenti modifiche alle regole come l’aumento del numero di sostituzioni dovrebbero essere estese.

Il calcio sta mostrando un processo decisionale innovativo e ora è il momento di armonizzare questo processo tenendo conto della salute del giocatore. Nessuno dovrebbe rischiare la propria salute e sicurezza per raggiungere obiettivi commerciali o sportivi".

Fonte: fifpro.org

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom