Breaking News

Fonseca: "E' un momento difficile. Stiamo tutti a casa. Saremo in grado di vincere questa lotta"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 20-03-2020 - Ore 18:05

|
Fonseca:

Paulo Fonseca, allenatore della Roma, ha rilasciato una lunga intervista al sito ligaportugal.pt in cui ha parlato dell'emergenza Coronavirus:

Come hai vissuto in Italia nelle ultime settimane?
"È stata una settimana difficile, siamo tutti a casa. In questo momento, gli italiani hanno capito che solo in questo modo il virus può essere fermato. I numeri continuano ad aumentare, ci sono sempre più persone infette e anche più morti. Mercoledì, ad esempio, sono morte quasi 500 persone, il che è un numero considerevole. C’è una preoccupazione diffusa da parte degli italiani e qui c’è un tentativo di cambiare le cose. Mi sembra che gli italiani siano consapevoli della situazione attuale e vogliano rispettare tutte le regole per cambiare il corso di questo virus che sta uccidendo molte persone. Possiamo solo uscire per andare al supermercato e a quello più vicino alla nostra residenza. La polizia è costantemente in strada a monitorare le uscite delle persone ed è un momento difficile". 

Quali altre misure sono state prese per contenere e prevenire la diffusione di questo virus?
"Al momento, il governo sta valutando di prorogare il tempo previsto per questa quarantena, che era inizialmente fino al 3 aprile. Probabilmente sarà prolungato. Sono sempre più rigorosi i controlli, perché i numeri sono aumentati. Qui si dice che il picco sarà all’inizio della prossima settimana, ma vedo gli italiani uniti che cercano di superare questo momento. C’è una preoccupazione del governo affinché si rispettino queste misure e le persone sono consapevoli che devono rispettarle". 

Credi che ci sia motivo di sperare che la situazione migliorerà?
"Lo credo perché in questo momento vedo che gli italiani stanno facendo quello che gli viene chiesto di fare. Si prevede che i numeri aumenteranno, ma se tutti continuiamo a rispettare le regole, senza alcun contatto con altre persone, i numeri finiranno per migliorare. Abbiamo un grande esempio dalla Cina, dove la situazione è migliorata con la quarantena. Credo e spero che tutto migliorerà e che saremo in grado di vincere questa lotta".

Tu cosa stai facendo per mantenere la tua forma fisica?
"Sono stato a casa con la famiglia. Ho fatto un po' di esercizio fisico, ho mangiato di più, è vero, ma ho anche fatto più esercizio fisico. Ho trascorso molto tempo con la mia famiglia. Noi allenatori di calcio non abbiamo molto tempo per stare a casa, quindi sto sfruttando il più possibile questo tempo per stare con il mio figlio più piccolo, per stare con mia moglie e per fare cose che normalmente non facciamo insieme". 

Hai parlato con i giocatori? Com’è l’ambiente nella tua squadra?
"Lo stop è già lungo e non sappiamo quando torneremo. Con questa situazione è difficile prevedere quando inizieranno gli allenamenti e i campionati. Abbiamo cercato di controllare le attività fisiche dei giocatori, gli abbiamo dato alcune attrezzature, abbiamo cercato di controllare il loro cibo e il loro peso e tutti hanno un programma da fare a casa. La Roma è un club molto ben organizzato sotto tutti i livelli e sta facendo un lavoro fantastico con il monitoraggio della squadra".

Ha seguito la situazione in Portogallo? Come vedi la capacità di risposta del popolo portoghese?
"Ho seguito la situazione in Portogallo, perché sono preoccupato per la mia famiglia, ma sono situazioni diverse. Il Portogallo è ancora all’inizio di questo virus, i numeri non sono ancora così allarmanti, sebbene l’aumento nelle ultime ore sia già significativo. È così che è iniziato in Italia. Il governo portoghese ha adottato le misure giuste per evitare di raggiungere le cifre che vediamo attualmente in Italia, ma anche con l’esempio italiano che è qualche settimana avanti, è stato possibile anticipare alcune fasi. In Portogallo, le persone devono essere consapevoli del fatto che è solo a casa che questo problema può essere risolto. Non so se i portoghesi siano già a conoscenza del sacrificio che devono fare, ma credo e mi fido della loro intelligenza e sono sicuro che non trascureranno questo momento".

Vuoi lasciare un messaggio ai portoghesi?
"Il messaggio che voglio lasciare ai portoghesi è un semplice messaggio di coloro che hanno vissuto, vivono e in loco, questa situazione di estrema difficoltà in Italia, il paese con il maggior numero di casi in Europa e attualmente nel mondo. Voglio dire ai portoghesi che è possibile evitare che si arrivi a tanto. Dipende da ognuno di noi".

Fonte: ligaportugal.pt

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom