Breaking News

Gautieri: "Totti? Finché sta bene deve provare a giocare. Roma, Napoli e Fiorentina le favorite"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 17-10-2015 - Ore 12:16

|
Gautieri:

Carmine Gautieri, ex giocatore sia della Roma che dell'Empoli, è intervenuto ai microfoni di Roma Radio per parlare del match di questo pomeriggio alle 18 allo stadio Olimpico.

Quesye le sue parole:

Cosa è stato per te l'Empoli e cosa è stata la Roma?
"Sono state due esperienze bellissime della mia vita. A Empoli sono partito da giovane ottenendo grandi risultati, a Roma mi sono consacrato nel grande calcio. Quando fai parte di una società, di una città come Roma si arriva al massimo".

Il tuo debutto avvenne contro l'Empoli, cosa ricordi del rapporto col pubblico?
"Ricordo che giocammo a Firenze, in campo neutro. La Curva era piena, si era creato un bellissimo rapporto, eravamo una squadra di grandi campioni, con tanti giovani in cui ognuno cercava di dare il massimo. Penso che la gente l'abbia apprezzato molto. Quell'anno arrivammo in un'ottima posizione di classifica, quella fu una grande vittoria".

In quella gara esordì Spalletti in Serie A da allenatore. Che ricordi hai di lui come compagno di squadra?
"Un bel ricordo, Lucio era un allenatore in campo, uno dei più esperti. Ci dava  grandissimi consigli per farci crescere, per quanto mi riguarda è stato importante, mi ha dato tanti consigli positivi. Anche grazie a quelli sono cresciuto tantissimo. Era un allenatore in campo, lo ha dimostrato anche dopo, ottenendo grandissimi risultati. Forse tutti sono stupiti che l'allenatore lo faccia io".

Già avevi in mente di allenare quando giocavi?
"Devo dire che chi gioca a calcio quando smette sbanda, non sa cosa fare. Vai a fare dei corsi e cerchi di capire cosa puoi fare. Quando ho smesso ho fatto il corso per il patentino, credevo di poter fare l'allenatore. Fortunatamente mi è andata anche bene, ho vinto il campionato a Lanciano e sono 3-4 anni che alleno in B".

Portiere e regista sono ruoli ideali per fare l'allenatore o non è vero?
"Penso che i portieri debbano fare i preparatori dei portieri, è il lavoro che hanno fatto. Ma ci sono tanti allenatori di altri ruoli, come Ferrara o Di Biagio, o Vialli. Tutti possono fare l'allenatore, non i portieri, anche se ci sono portieri che hanno smesso che hanno avuto grandi risultati".

Se Zeman ti avesse chiesto di fare il terzino, l'avresti fatto? Quanto è complicato reinventarsi in quella posizione?
"Nel caso di Florenzi, penso sia perfetto tatticamente. Indipendentemente dal ruolo, è preparato mentalmente ma soprattutto al sacrificio. Può fare qualsiasi ruolo. Per quanto mi riguarda ho fatto anche il terzino, ma non l'ho fatto bene".

Quanto conta nella crescita di un giocatore l'educazione, la famiglia?
"I valori contano tanto, se sei abituato in un certo modo, se hai l'umiltà da piccolo, come Florenzi, raggiungi grandissimi risultati. Gran merito della carriera di Florenzi sia dei genitori, oltre all'aspetto tecnico penso che lui comunichi bene davanti alle telecamere, sa cosa dice e sa cosa vuole. È molto importante".

Cosa pensi della Roma di quest'anno e di Rudi Garcia?
"Della Roma penso che faccia un mercato di grandissima prospettiva da tanti anni. Lavora bene sia per il momento attuale che per la prospettiva. Quest'anno sta facendo bene, Rudi Garcia è un grande allenatore, anche nei momenti di difficoltà sa uscire fuori e farsi capire dai giocatori. È l'allenatore giusto per piazza, società e squadra. La partita di oggi va giocata con testa ed equilibrio, l'Empoli crea molto e concede molto, partite facili non ce ne sono. Sarà una gran bella partita, si affrontano squadre che propongono calcio spettacolare".

Ti saresti mai aspettato di vedere Totti ancora in campo nel 2015?
"Sì, Francesco è un ragazzo che si allenava tanto, molto pignolo, penso che uno fenomenale come lui, quando ha tutto sotto l'aspetto tecnico, tattico e di testa possa giocare anche da fermo. È normale che a 39 anni bisogna fare una scelta, importante per il bene della Roma. Finché uno sta bene fisicamente, deve provare a giocare. Forse arrivare a 41-42 anni sarebbe troppo".

Chi è la favorita per il titolo?
"Roma, Napoli e Fiorentina stanno facendo molto bene, sono le tre squadre che se trovano equilibrio possono togliersi soddisfazioni. Roma e Napoli non hanno un momento ambientale perfetto ma ne sono uscite, per quanto riguarda la Fiorentina penso che la piazza abbia capito come comportarsi. Sono tre squadre che se hanno il giusto equilibrio possono vincere".

Sui ricordi della Roma.
"Di Roma ho solo grandissimi ricordi, sono molto simpatizzante della Roma, con un figlio tifosissimo della Roma. Marco, che gioca nelle giovanili dell'Empoli".

Fonte: Roma Radio

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

INSIDEROMA è una testata giornalistica on line di carattere sportivo/informativo/quotidiano con Autorizzazione del Tribunale di TIVOLI n. 182/13 del 05/02/2013
Insideroma.com - ©copyright 2016 | P.I. 1077625100 | Informativa sui Cookie | powered by Damicom S.r.l.
chiudi popup Damicom