Breaking News

Oddi: "Cosa ho pensato quando è uscito il Liverpool? Vendicateci"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 15-04-2018 - Ore 16:55

|
Oddi:

Emidio Oddi, ex difensore della Roma di Liedholm, è stato intervistato da Bar Forza Lupi, in onda su Centro Suono Sport e ha parlato di quella famosa finale del 1984 persa all'Olimpico contro il Liverpool anche se quella sera non era in campo. Queste le sue parole:

Che effetto ti ha fatto questo sorteggio della Roma?
"Il mio primo pensiero è stato vendicateci, la Roma ha due partite per farlo. Sono sicuro che la squadra ce la metterà tutta per arrivare in finale, spero di esultare con loro perché quella sconfitta ancora non va giù, anche dopo tutti questi anni. È vero che non si può dimenticare quel giorno, ma ci piò restituire sicuramente qualcosa. Qualsiasi squadra ci fosse capitata sarebbe stata una finale, adesso speriamo di passare contro il Liverpool, dopo di che dopo ci sarebbe comunque da affrontare uno squadrone. Spero che lo stadio sia pieno di nuovo e che il pubblico spinga la squadra come fatto contro il Barcellona".

Guardando il campionato e gli alti e bassi della Roma in questa stagione sembra inspiegabile ad esempio la sconfitta con la Fiorentina e la vittoria incredibile con il Barcellona. Come ti spieghi tutto questo?
"Questo dipende sicuramente dalla concentrazione, perché se non è al massimo contro tutte le squadre rischi molto. Ci sono alcune squadre che devono salvarsi, altre hanno altri obiettivi e quindi bisogna sempre dare il massimo ogni volta che si scende in campo".

A proposito di concentrazione proprio nel 1984 si giocò Roma – Lazio, la Roma era in corsa per la coppa campioni e la Lazio era già retrocessa. Nonostante questo la partita fini 2-2, con la Lazio due volte in vantaggio: anche lì fu una questione di concentrazione?
"La Lazio, così come la Roma, quando gioca il derby mette qualcosa in più e sicuramente siamo stati un po' spiazzati da quella situazione: Liedholm non avendo tantissimi giocatori usava un tipo di turnover che in coppa ci faceva essere una squadra, mentre magari in campionato si perdeva qualcosa. Io penso sempre che se una squadra è concentrata al massimo e gioca per un obiettivo comunque può fare meglio".

Di Francesco è stato elogiato per il cambio modulo, secondo te il merito maggiore è dell’allenatore o dei giocatori che hanno giocatore con grande concentrazione?
"Io credo che il merito sia d’entrambi, sicuramente ci sono tanti meriti da dare a Di Francesco per il cambio modulo con il quale ha dimostrato di essere un grande allenatore e allo stesso modo sono da encomiare lo spirito e la concentrazione messi in campo dai giocatori, quest’ultima venuta invece spesso a mancare nel corso di questa stagione fatta di alti e bassi. All’epoca era diverso perché si battevano tutti in modo particolare e avevano tutti una personalità determinante".

Fonte: Bar Forza Lupi-Centro Suono Sport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

INSIDEROMA è una testata giornalistica on line di carattere sportivo/informativo/quotidiano con Autorizzazione del Tribunale di TIVOLI n. 182/13 del 05/02/2013
Insideroma.com - ©copyright 2016 | P.I. 1077625100 | Informativa sui Cookie | powered by Damicom S.r.l.
chiudi popup Damicom